Lifestyle /

La fiducia trainata dagli algoritmi

La fiducia trainata dagli algoritmi

10 Dicembre 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. E' un mantra a cui si sarebbero dovuti affidare anche gli ultimi trombati della politica che hanno definito le loro strategie sulla base delle informazioni ricevute da consulenti e mezzi di informazione incapaci di leggere la realtà. Fidarsi è diventato difficile anche online, sia perchè la spazzatura e le informazioni false in circolazione sono in costante crescita, sia perchè non si sa più a quali voci credere.

Come si fa a prendere una decisione sulla base delle informazioni disponibili in Rete? Chi garantisce che quelle informazioni non siano false o costruite ad arte? Quali voci e opinioni sono da ascoltare in una realtà Internet nella quale tutti possono esprimerne una? Ci si può affidare a un motore di ricerca per individuare quello che realmente serve? Quanto contano i Like di Facebook e le modalità di visualizzazione dei contenuti del social network? In che modo gli algoritmi di Google, Facebook, Instagram, ecc. possono aiutare a prendere decisioni valide e a fare delle scelte utili?

Queste e molte altre domande simili sono diventate urgenti sui media perchè interrogano il loro stesso operato e il ruolo di mediazione, tra elite e governati, che non sembrano più in grado di svolgere. L'attualità di queste domande è legata agli eventi politici recenti che in modo clamoroso, almeno secondo alcuni, hanno visto vincere la Brexit in Inghilterra, vincere Trump negli Stati Uniti e uscire sconfitto Renzi al recente referendum in Italia. Un referendum che nessuno avrebbe mai ipotizzato potesse andare come è andato.

A cercare di darsi delle risposte sono gli sconfitti e le persone ed organizzazioni a cui si sono affidati per impostare le loro strategie a iniziative politiche a partire dalla lettura delle informazioni disponibili. La prima lezione che hanno imparato è che non tutte queste informazioni sono affidabili, soprattutto se la loro interpretazione porta a conoscenze errate e suggerimenti sbagliati. La seconda è che non tutti gli algoritmi garantiscono dati accurati, racconti e narrazioni affidabili e informazioni veritiere.

Il problema sembrerebbe avere a che fare con la reputazione e ai modi con cui essa si sviluppa e diffonde online. In una piccola comunità le reputazione nasce da interazioni personali. In Rete tutti possono condividere dati e informazioni rimanendo tra loro dei perfetti estranei. In comunità  e reti sociali con numerosi membri la reputazione è determinata dalle opinioni delle persone e dalle loro valutazioni positive che suggeriscono quanto una voce o una opinione sia più affidabile e credibile di altre. La reputazione dipende cioè dal numero elevato di persone che hanno espresso un giudizio positivo e da quanto esso sia servito agli algoritmi della Rete per definirne il livello e la validità. A pensarci bene è ciò che avviene anche nella realtà fuori da Internet. Si fa meno fatica a fidarsi degli amici di amici che di estranei o persone incontrate per caso.

Gli algoritmi tecnologici conoscono questa semplice verità e la traducono in scelte ed azioni online. E' a questi algoritmi che si affidano Google tramite il Page Rank, Facebook, Instagram e Reddit per decidere quali notizie, immagini o narrazioni condividere e far conoscere online.

Questi algoritmi possono essere affidabili ma cosa succede quando gli internauti non esprimono alcuna opinione, non concedono valutazioni, si esimono dai Like e rifuggono dalle interazioni online? Cosa succede se utilizzano tutte le funzionalità disponibili per condividere quello che pensano ma lo fanno in una direzione molto diversa da quella indicata? E soprattutto cosa succede se si sbaglia ad analizzare i comportamenti degli utenti in Rete? Una prima risposta è venuta dalle recenti elezioni politiche o referendarie: si possono alimentare gli algoritmi con migliaia di cinguettii, immagini e messaggi ma se questi non servono a far aumentare la reputazione di qualcosa o qualcuno, se non aiutano a far aumentare la fiducia e la partecipazione e se si sbaglia ad interpretarne andamento, punteggiatura, tono, volume e direzione, il rischio di prendere cantonate è elevato.

La colpa non può essere degli algoritmi. Spesso si ottiene semplicemente quello che si è meritato. Un esempio su tutti il Joe Messina, di cui tanto si è parlato e che, nonostante il suo accesso ai Big Data non sembra avere aiutato la componente referendaria del SI a vincere la sua battaglia.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo

Michael Rovesti

Mi chiamo Michael Rovesti sono un developer alle prime armi di Reggio Emilia questa è la...

Vai al profilo

Omigrade s.r.l.

Omigrade è una società nata dall’idea e dalla volontà di un gruppo di...

Vai al profilo

Third Millenium

Software house dedicata allo sviluppo di App per il mondo mobile

Vai al profilo