Lifestyle /

Motori di ricerca, non c'è solo Google Search

Motori di ricerca, non c'è solo Google Search

28 Marzo 2017 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Chi avesse accumulato un sentimento forte per la privacy non è più obbligato a rivolgersi a Google Search per soddisfare le sue curiosità online. Può provare e sperimentare QWANT, il motore di ricerca europeo. Lanciato nel 2013 ha trovato nuovi investitori che potrebbero riportarlo a nuova vita.

La caratteristica di Qwant è di fare della protezione della riservatezza la sua caratteristica distintiva. L'attenzione alla privacy, a parole, è diventata una priorità per tutte le aziende che dispongono di un motore di ricerca. La realtà sembra continuare a essere molto diversa, soprattutto se si considera il motore di ricerca per eccellenza, Google Search.

Il bisogno crescente di riservatezza e protezione della privacy ha ridato slancio alla iniziativa francese Qwant , un progetto nato nel 2013 con l'obiettivo di coniugare ricerca online e protezione della riservatezza di chi fa la ricerca. Il suo markt share attuale è minimo (1%) ma l'obiettivo, anche grazie a nuovi finanziamenti del valore di quasi 20 milioni di euro, è di crescere, in particolare nel vecchio continente.

I suoi meccanismi di indicizzazione offrono meccanismi e servizi in grado di tutelare la privacy. Il tutto è reso possibile da algoritmi e architetture software proprietarie che non fanno uso di alcun sistema di tracciamento tipico di molti motori e navigatori online e rendendo il motore piùtutelato anche da eventuali e sempre possibili intrusioni pubblicitarie.

Qwant è assimilabile a DuckDuckGo che, nato nel 2008, aveva anch'esso fatto della tutela della privacy un punto di forza che lo ha trasformato in una reale e potente alternativa a Google Search. Impedisce il tracciamento anche il motore Ixquick, nato nel 1998 ma non sempre ligio nel rispetto della privacy.

Rimane il problema di come fare a creare alternative reali e percorribili a Google che con il suo motore di ricerca domina il mercato e conquista le azioni della maggioranza degli utenti della Rete (80% del mercato globale), nonostante la sua scarsa attenzione alla loro privacy. Le conquista soprattutto da smartphone e tenendo a grande distanza concorrenti agguerriti e potenti come Bing di Microsoft o il motore di Yahoo.

Google Search ha trovato alternative reali solo in situazioni locali come la Cina nella quale il motore Baidu è diventato rapidamente e senza sorprese il numero uno della ricerca online, senza alcuna promessa o garanzia per la privacy di chi lo usa. In Russia il motore in testa alle classifiche è Yandex e chissà che la sua attuale posizione dominante (65% delle ricerche) non venga messa in crisi dall'emergere anche in Russia di una nuova generazione di persone alla ricerca di nuovi sbocchi politici e che fanno un uso più intelligente, consapevole e attento alla privacy per raggiungere meglio i loro obiettivi, anche politici.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


100 Things App e giochi per Bambini Genitori e Nonni

La vita di per sé è la favola più fantastica! (Andersen) Anche noi da bravi danesi...

Vai al profilo

MNM dev

Vai al profilo

Visureasy

Visureasy fornisce diversi servizi di reperimento visure, alcune tipologie di visure...

Vai al profilo

Giacomo Balli

I'm a freelance developer based in Italy. Have my personal projects in the AppStore...

Vai al profilo