Lifestyle /

Online siamo tutti diventati degli algoritmi

Online siamo tutti diventati degli algoritmi

28 Marzo 2017 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Da perfetti sconosciuti e presenze occulte sono diventati rapidamente oggetto di racconti, narrazioni, riflessioni e preoccupazioni. Chi è preoccupato pensa che possano, già oggi, condizionare e orientare le loro vite. Chi non se ne cura guarda con soggezione e simpatia la loro capacità di rendere le loro esperienze online piacevoli, convenienti e confortevoli.

La pervasività della tecnologia è anche quella degli algoritmi, sequenze di codice software e logica applicativa che si fanno carico di svolgere operazioni in ambiti molto diversi come quello industriale e aziendale, medico e farmaceutico, del social networking e delle APP Mobile. A essi vengono delegate le bone riuscite delle operazioni e a loro ci si affida per semplificare procedure complesse o semplicemente per semplificarsi e addolcirsi la vita.

Per chi non lo sapesse, l'algoritmo è un processo, una semplice sequenza di logiche applicative e operazioni che definisce con esattezza cosa deve essere eseguito ad ogni passo della sua evoluzione verso un obiettivo concreto, utile e reale. Non è una semplice formula matematica ma un componente software, con una sua intelligenza che occupa spazi fisici del computer e della memoria del computer e che ne usa le risorse. Può contenere formule matematiche astratte e pensate per risolvere calcoli complicati ma il suo obiettivo è di definire sequenze operazionali, decisionali e previsionali in grado di sostituirsi agli esseri umani in molte attività in essi sono solitamente impegnati.

La pervasività dell'algoritmo e la crescente delega che vede gli umani affidarsi alle sue scelte, elaborazioni e decisioni, sollevano numerosi dubbi ma il dubitare sembra interessare solo un numero limitato di persone. Eppure riflettere oggi sugli effetti che derivano dall'affidarsi ciecamente all'algoritmo potrebbe servire a comprendere non solo come stia mutando la nostra capacità di svolgere attività e azioni grazie agli strumenti tecnologici ma anche come stia mutando la percezione umana della realtà, sempre più determinata da sensori e algoritmi, l'identità umana e la capacità di discernimento, scelta e libera decisione.

I dubbi possono nascere spontaneamente dalla riflessione consapevole sulla realtà tecnologica che ognuno sperimenta. Possono anche nascere dalla visione di un film come Sully di Clint Estwood, il cui protagonista Chelley Sullenberg decide di seguire il proprio discernimento, la propria coscienza e capacità di scelta e di non dare retta alle soluzioni proposte dalle macchine che governano l'aereo da lui pilotato. Non dando retta agli algoritmi della macchina il pilota salva le persone che viaggiano sul suo volo. In futuro i Chelley Sullenberg potrebbero non esistere più, tanto saranno abituati alla supremazia della macchina e condiscendenti alle soluzioni preconfezionate dagli algoritmi!

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Paolo Conte

Sviluppo professionalmente applicazioni Android per terzi o di mia iniziativa. Da...

Vai al profilo

Third Millenium

Software house dedicata allo sviluppo di App per il mondo mobile

Vai al profilo

UnlockYourBrain GmbH

UnlockYourBrain GmbH è una start-up con sede a Berlino. Crediamo fortemente nel...

Vai al profilo

Protech System

Consulenza e sviluppo App mobile in linguaggio nativo per iOS e Android. Seguiamo il...

Vai al profilo