Lifestyle /

Proletari cognitivi, dispositivi mobili e invadenza tecnologica

Proletari cognitivi, dispositivi mobili e invadenza tecnologica

14 Aprile 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Secondo alcuni sociologi e studiosi la nostra era ha visto crescere la classe dei proletari cognitivi, lavoratori precari e sottopagati ma tutti dotati di dispositivi tecnologici e attivi nel contribuire alla produzione di prodotti intangibili nella forma di informazione, conoscenza, attività intellettuali gratuite. La connettività e il possesso di strumenti per l’accesso hanno accresciuto la possibilità di accedere e usare informazioni, media e risorse ma hanno al tempo stesso creato la condizione per una potenziale colonizzazione cognitiva che passa attraverso la cattura dell’attenzione e l’impedimento a rientrarne in possesso. Una colonizzazione guidata e voluta dalle merci più che dai bisogni.

Tutti sono a caccia della nostra attenzione. Lo sono entità intangibili come le Marche con le loro pubblicità online e quelli più tangibili che nella forma di prodotti riempiono scaffali di punti vendita offline e online e lo sono anche realtà come Facebook, YouTube, Instagram o Twitter, tutte impegnate a competere tra di loro per trattenere a sé e con sé il maggior numero di persone rubando loro tempo, risorse e soprattutto attenzione.

La lotta per la conquista dell’attenzione non è economica e non può essere condotta in modo superficiale. Richiede investimenti, molto studio e altrettanta conoscenza, molta pratica ed esperienza e anche capacità predittiva per individuare per tempo nuove tendenze e nuovi stili di vita emergenti. L’obiettivo è sempre lo stesso, intrappolare la mente e l’azione dei potenziali clienti-utenti mentre sono impegnati nelle loro attività quotidiane, di studio, di lavoro, in cucina, a suola o durante il tempo libero.

L’obiettivo è più facilmente raggiungibile se il destinatario dell’azione è un giovane nativo digitale che passa 40 ore a settimana a interagire con il display del suo dispositivo mobile, un po’ più complicato se l’azione è rivolta a immigrati digitali o a persone che non hanno ancora ceduto il passo alla tecnologia nel dominio delle loro vite. I nativi digitali, se mantengono i ritmi attuali di esposizione agli schermi, passeranno il 30/40% della loro esistenza davanti a un display tecnologico, offrendosi come target potenziale per una miriade di messaggi, commerciali, promozionali ma anche politici capai di cambiare la vita e il destino individuale ma anche sociale delle persone.

Non si tratta di scomodare George Orwell o il Grande Fratello ma è evidente a tutti che la lotta per catturare l’attenzione degli utilizzatori di prodotti informatici e nuovi media è tale da avere già cambiato la realtà nella quale agiscono le persone. I meccanismi per raggiungere l’obiettivo, spesso nella forma di BOT o algoritmi,  sono innumerevoli e sempre più direttamente integrati all’interno dei media, degli strumenti e dei canali che usiamo. Ad esempio Amazon e Instagram usano il meccanismo delle recensioni e delle raccomandazioni, Facebook quello dei Like per catturare l’attenzione del visitatore o utente, per trattenerlo, coinvolgerlo e farlo partecipare. Ogni secondo o minuto in più speso all’interno di un social network è un secondo o minuto in meno passato con applicazioni e in spazi competitivi.

Il Web è diventato così uno spazio studiato, costruito e gestito per catturare la vista, produrre reazioni cognitive e visuali tali da attivare e imprigionare l’attenzione, il tutto con logiche di presentazione dei contenuti, di design e di coinvolgimento tesi a minimizzare lo sforzo, a semplificare l’esperienza e a produrne effetti positivi e piacevoli.

Farsi coinvolgere e riuscire a mantenere standard elevati di attenzione sono esperienze che tutti vorrebbero avere ma forse non tutti sono disposti a rinunciare a esperienze di attenzione diverse e non mediate tecnologicamente. Guardare il mondo in modi sempre diversi e dedicare la propria attenzione alla scoperta di cose nuove sono capacità tipicamente umane in grado di offrire prospettive molteplici e diverse e di dare a tutti la possibilità di creare mondi. Una capacità al momento non ancora disponibile alle macchine o praticabile solo all’interno dei loro mondi digitali e virtuali.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo

Computime Srl

Computime, rivenditore Apple dal 1983, Servizi per l'editoria, Software House. La...

Vai al profilo

Third Millenium

Software house dedicata allo sviluppo di App per il mondo mobile

Vai al profilo

DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo