Lifestyle /

Può la tecnologia cambiare le cose?

Può la tecnologia cambiare le cose?

23 Agosto 2017 Marcello Sforzese
SoloTablet
Marcello Sforzese
share
Viviamo tempi difficili per quanto concerne la macro-criminalità in Italia: dopo i fatti di Mafia Capitale, e la confessione di alcune delle donne appartenenti alle maggiori famiglie della ‘Ndrangheta, sono sempre di più le finestre che si stanno aprendo su un mondo oscuro, fatto di segreti legati a tradizioni centenarie, che anche nel mondo delle nuove tecnologie appaiono molto complessi da scalfire anche solo in superficie. Eppure, pare che la tecnologia possa avere – anche in questo caso – una sua funzione sociale notevole: o almeno, questo è quanto accaduto in Emilia-Romagna, dove un gruppo di ragazzi ha smascherato un covo della ‘Ndrangheta semplicemente girando dei video e piazzandoli sul web.

Reggio-Emilia: Cortocircuito contro la ‘Ndrangheta

A Reggio-Emilia, nel computo del processo denominato “Aemilia” contro le cosche mafiose, ha trovato un suo spazio anche l’associazione culturale “Cortocircuito”: una vera e propria web-TV che ha mandato in onda alcuni video girati di nascosto in un noto disco club della regione, vero e proprio covo di una cosca mafiosa. Questi video, diffusi in rete, hanno avuto un loro importante peso nella conduzione delle indagini dei PM, che hanno appunto portato all’arresto diversi esponenti di una famiglia della ‘Ndrangheta. Così la tecnologia può davvero aiutare a cambiare le cose, anche quando apparentemente basta una videocamera o uno smartphone, perché il web rappresenta una cassa di risonanza priva di termini di paragone.

Non solo criminalità: imparare grazie al web

Il web non è solo canale di diffusione di video “scottanti”, ma anche un luogo informativo dalle potenzialità molto estese. I video stessi forniscono delle guide utilissime, che consentono di imparare qualsiasi cosa senza spendere un centesimo: basti pensare a piattaforme come YouTube. Ma la rete ospita anche diversi tutorial testuali indispensabili per imparare alcune tecniche particolari: ad esempio, esistono articoli che insegnano diverse strategie alla roulette da utilizzare sia online, sia nei classici casino. Grazie a queste guide, basta semplicemente una lettura per apprendere tecniche e consigli che altrimenti richiederebbero anni di esperienze personali, comunque molto complesse da raccogliere.

 Facebook per la giustizia

Tornando al crimine, anche Facebook è diventato un canale idoneo per assicurare la protezione e la sicurezza dei cittadini. Questo avviene ad esempio negli Stati Uniti d’America, dove i diversi dipartimenti di polizia statali posseggono già da anni delle pagine Facebook ufficiali per raccogliere le segnalazioni degli utenti. Ci sono stati casi in cui è bastata una singola segnalazione per portare all’immediata cattura di ladri e di criminali di ogni sorta. Basti pensare anche al caso delle bufale e delle fake news, e al fatto che agli utenti stessi viene data la possibilità di segnalarle per evitarne la diffusione. I social network, poi, consentono anche alle forze dell’ordine di analizzare i profili per cogliere qualsiasi dettaglio o particolare che potrebbe rivelarsi fondamentale per le indagini. Anche qui, la tecnologia giunge in nostro soccorso.

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Consoft Sistemi S.p.A.

Web & Digital Technology, Big Data, IoT & Telemonitoring

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

NewsCinema

NewsCinema è una testata giornalistica online su www.newscinema.it e...

Vai al profilo

di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo