Lifestyle /

Samsung Gear VR per viaggiare senza viaggiare

Samsung Gear VR per viaggiare senza viaggiare

08 Marzo 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Chi ama i parchi a tema e le loro montagne russe, il divertimento con i nuovi prodotti di Realtà Virtuale è assicurato. Lo sarà anche senza montagne russe, perché prodotti come il Gear VR permetteranno di sperimentarle da seduti in salette appositamente attrezzate e domani dal salotto di casa. Una partnership di Samsung lo permette già.

Samsung Electronics e Six Flags Entertainment Corporation hanno annunciato una partnership finalizzata all’impiego dei dispositivi di Realtà Virtuale Gear VR nei più grandi parchi a tema del mondo di proprietà di Six Flags. Il debutto è previsto per ora in nove di questi parchi e segue le dimostrazioni della nuova tecnologia fatte al Mobile World Congress di Barcellona.

Grazie a Gear VR non ci sarà più bisogno di salire su montagne russe reali e sui loro trenini. Sarà sufficiente sedersi in sedili speciali, allestiti in ambienti appositamente predisposti, indossando il Gear VR e allacciandosi la cintura di sicurezza. Durante il viaggio non si ballerà come sulla montagna russa ma la sensazione sarà la stessa.

Il viaggio inizia con musica ad alto volume, vibrazioni che sembrano animare il posto a sedere e immagini che cominciano a popolare il visore del Gear VR. Da questo momento nulla sembra impossibile. Si sorvolano laghi e piante alte decine di metri, si tocca il cielo con un dito (in una stanza…), si risalgono colline dai panorami mozzafiato e si scalano montagne innevate e irraggiungibili. Il tutto senza mai fare un passo ma semplicemente pensando o immaginando di farlo

L’esperienza adrenalica è garantita, la visione in 4D procura sensazioni quasi completamente reali e lo stomaco reagisce alle picchiate e alle accelerazioni improvvise così come reagirebbe sul trenino delle montagne russe ogni qualvolta intraprende una ripida e improvvisa discesa.

Presto la stessa esperienza virtuale verrà resa possibile anche stando seduti sul trenino delle montagne russe. Il viaggio senza Gear VR porterà il viaggiatore a esplorar quanto è stato predisposto fisicamente nel parco a tema. Indossando il Gear VR il viaggio è in realtà parallele. Un viaggio nella iperrealtà e in paesaggi proiettati nel futuro, verso mondi sconosciuti e solo immaginati o ricostruiti digitalmente, con incontri impossibili nel mondo reale e esperienze che nella vita reale si vorrebbero sempre evitare, come ad esempio guerre e battaglie con esseri alieni ed extraterrestri. Nelle battaglie e guerre virtuali chi indossa il Gear VR potrà prendere parte attiva attraverso l’uso di armi e strumenti bellici simili a quelli usati nei videogiochi.

La Realtà Virtuale e i suoi prodotti come Gear VR di Samsung è destinata a cambiare la realtà del gioco e del divertimento e forse a determinare anche il futuro dei parchi a tema. Se non c’è più bisogno di un ambiente naturale per vivere nuove esperienze di viaggio, non saranno necessarie nuove montagne russe ma semplici sale o Gear-VR-In allestite per fornire quanto serve all’esperienza virtuale e per soddisfare i bisogni di divertimento delle molte persone in coda in attesa di viaggiare senza dover partire.

A breve lo stesso tipo di esperienza sarà possibile da comode poltrone di casa e dal proprio salotto di casa. Una opportunità fantastica per tutti coloro che, non potendo viaggiare fino a Bali on in Polinesia lo farà spendendo le poche centinaia di euro del prezzo di un headset di Realtà Virtuale. I ricchi continueranno a viaggiare e sperimenteranno anche la Realtà Virtuale e le iperrealtà allestite in posti fantastici, remoti e irraggiungibili ai più. Gli altri viaggeranno ovunque da casa ma dovranno attendere che i software e le applicazioni per il viaggio siano disponibili nello store online dei produttori o nei loro punti vendita sul territorio.

Nel frattempo chi può dovrebbe mettersi in viaggio, a piedi, in bicicletta, in auto, in treno, in aereo o in autostop!

Buon viaggio

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


D-One Software House

Sviluppo applicazioni personalizzate per iPad e iPhone

Vai al profilo

Albegor.com

Professionista con lunga esperienza nel settore mobile, fin dalla comparsa sul mercato...

Vai al profilo

Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo