Lifestyle /

Sei di cattivo umore? Colpa del social network!

Sei di cattivo umore? Colpa del social network!

19 Marzo 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Si frequenta il social network per passatempo, divertimento, voglia di socializzare e organizzare incontri e appuntamenti, per mantenere vivi contatti e forti le relazioni, per scambiarsi foto, commenti, testi ma anche nuove solitudini e sensazioni di malessere. A dirlo è una ricerca che associa il malumore di molti alla frequentazione di ambienti online come Facebook.

Si va online per raccontare se stessi e con l’obiettivo di vincere le proprie solitudini costruendosi reti di contatti e di amicizie. Il social network serve a costruirsi la propria autostima attraverso la stima ricevuta dai propri contatti o semplicemente scoprendo di non stare peggio di altri dopo averli osservati nella loro vita online.

Non sempre l’obiettivo di sentirsi apprezzato e accettato è raggiunto ed anzi può succedere che dopo essersi collegato di buonumore e in piena serenità a Facebook, ci si ritrovi di cattivo umore a causa delle numerose informazioni negative raccolte durante la navigazione delle pagine di amici e conoscenti. Se poi ci si è connessi in una fase negativa e di malumore personale, si rischia di contribuire alla ‘infelicità’ di altri e al loro cambio di umore da positivo a negativo.

L’umore sul social network è contagioso come lo è il virus dell’influenza, tutta colpa della struttura a rete delle applicazioni di social networking e alle regole e principi che le governano.

 

Fonte: www.profitablesocialmedia.com


La contagiosità e rapidità di espansione degli umori nei social network sono state misurate e evidenziate da ricercatri e studiosi che hanno analizzato miliardi di aggiornamenti di staus sulle pagine Facebook e hanno trovato come i testi o messaggi negativi siano in grado di generare un effetto domino che genera sentimenti negativi diffusi e porta alla pubblicazione di altri messaggi negativi. Un circolo vizioso che non termina rapidamente e che può avere effetti negativi su un numero elevato di persone.

Il contagio avviene anche per i messaggi che sprizzano felicità e buonumore che in alcuni casi si dimostrano anche più contagiosi.

Il fenomeno è determinato dalla logica delle reti e dalla loro capacità di diffondere a macchia d’olio messaggi, sensazioni e sentimenti e di farlo all’interno delle reti di appartenenza e di quelle ad esse collegate, fino a raggiungere il perimetro esterno dell’intera rete Facebook composta ma milioni di pagine, gruppi e comunità. Il fenomeno non è causato volontariamente dai social nwtworker che si limitano a fruttare la possibilità di scrivere sul proprio mudo delle facce quello che sperimentano e sentono in un dato momento. Gli effetti dei loro scritti e aggiornamenti di stato si traducono però in cambiamenti dell’umore di chi legge e in reazioni a catena difficilmente gestibili o interrompibili.

Che le emozioni si diffondano rapidamente è un fenomeno noto anche nella vita reale ma finora chi lo ha studiato lo ha sempre fatto analizzando gli effetti emotivi prodotti da contatti diretti e faccia a faccia tra due persone o in gruppi e comunità. Ora le ricerche dimostrano che lo stesso fenomeno è osservabile anche online e che la sua contagiosità è tanto più evidente quanto più ampia è la rete sociale in cui si manifesta.

Lo studio del fenomeno contagio viene solitamente condotta attraverso programmi software capaci di analizzare i contenuti emotivi degli aggiornamenti di stato. L’ultima ricerca condotta da scienziati sociali americani ha interessato gli aggiornamenti di stato su Facebook da gennaio 2009 a marzo 2013 ed è stata effettuata garnatendo l’anonimato delle persone coinvolte e delle loro pafgine Facebook.

Per valutare come e quanto le emozioni individuali possano influenzare amici e conoscenti, gli studiosi hanno preso in considerazione i messaggi pubblicati in giornate piovose o rese noiose e tristi da condizioni climatiche avverse. Il primo dato rilevato è l’influeza negativa del tempo piovoso nella pubblicazione di messaggi negativi (+1.16%) e nel calo di quelli positivi (-1.19%).

Trovati i messaggi negativi, la ricerca si è focalizzata sulle reazioni degli amici e dei contatti che sono stati esposti agli stessi ma che non sperimentavano condizioni climatiche simili nel luogo in cui si trovavano o vivevano. La semplice esposizione ha prodotto un ulteriroe aumento (+129%) di messaggi e reazioni negative.

Per chi fosse interessato i dettagli dello studio sono pubblicati a questo indirizzo: Plos One.

 

* Fonte per l'articolo: The Guardian

 

PS: A breve disponibile in tutti gli store online il libro di Carlo Mazzucchelli "La solitudne del social networker"

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Systech Srl

Nata nel 1994, Systech è una azienda specializzata nella progettazione e nello...

Vai al profilo

Fingerlinks

Siamo una startup tecnologica estremamente dinamica. Ci occupiamo di system...

Vai al profilo

Centrica

Centrica progetta e sviluppa tecnologie innovative nei settori del digital imaging...

Vai al profilo

Simplicissimus Book Farm srl

Simplicissimus Book Farm nasce nel giugno 2006, alla fine di una vera e propria indagine...

Vai al profilo