Lifestyle /

Sensori sottopelle, nuove sensibilità e sensi fisici per una via di fuga dal digitale?

Sensori sottopelle, nuove sensibilità e sensi fisici per una via di fuga dal digitale?

01 Marzo 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La rivoluzione prossima ventura è già iniziata e potrebbe avere una destinazione a sorpresa, meno digitale e più fisica. E’ una rivoluzione determinata da tecnologie indossabili ma soprattutto dai componenti che le caratterizzano nella forma di sensori e interfacce tattili e sensoriali. Sono componenti che interagiscono con il corpo umano, ne percepiscono i sentimenti e le emozioni, le azioni e le reazioni in una interazione che sembra avere poco del digitale e molto del biologico e fisico.

La nostra è per definizione l’era digitale e non può essere diversamente considerando quanti ambiti della nostra vita quotidiana sono stati cambiati dall’utilizzo di tecnologie informatiche e digitali. Il successo delle nuove tecnologie è arrivato a un punto di svolta con l’introduzione e il successo delle interfacce tattili e sensoriali, con l’arrivo degli assistenti vocali personali  e ora degli innumerevoli prodotti tecnologici indossabili con i loro sensori e interfacce capaci di interagire con il corpo umano.

Fonte: www.cnn.com

L’interazione con la realtà degli esseri umani è resa possibile dalla presenza di sensi capaci di decodificare i segnali dell’ambiente in cui sono inseriti interagendovi. Le tecnologie dell’informazione hanno contribuito a rafforzare questi sensi e oggi sono diventati componenti standard e integrati di oggetti e contesti che costituiscono molte realtà e attività nelle quali siamo quotidianamente coinvolti. A ospitare le tecnologie abilitanti sono in genere oggetti (Internet degli oggetti) della vita quotidiana ma anche vestiti, accessori, automobili, uffici, case e città (smart cities).

Mentre la forma digitale di queste tecnologie e dell’informazione da esse veicolate diventano il substrato invisibile e il motore delle attività umane, le loro interfacce e la loro adattabilità sta fornendo agli umani la possibilità di ritornare a esperienze tecnologiche ma fisiche, assimilabili a quelle da sempre sperimentate nella interazione con la realtà.

Grazie alla proliferazione di sensori saremo sempre più tecnologici ma in un modo diverso rispetto a oggi. Le componenti tecnologiche di cui i nostri corpi si faranno portatori saranno sempre più invisibili alla vista e potenti nella loro capacità di interagire con noi attraverso gesti e comunicazioni sensoriali. Oggi per scattare un foto dobbiamo maneggiare uno smartphone o fotocamera, domani lo faremo attivando comandi vocali e scattando fotogrammi di realtà semplicemente orientando i nostri occhi e la vista sugli oggetti da fotografare. Il nostro corpo, sempre più artificializzato e dotato di tecnologie digitali, diventerà il vero dispositivo con cui interagiremo con il mondo. Esattamente come prima dell’arrivo delle nuove tecnologie e delle loro interfacce ma in modo migliore e potenziato grazie ad esse. Grazie ad esse avremo modo di sperimentare prima di esserne in possesso oggetti fisici, sperimentabili attraverso simulazioni virtuali nelle quali avranno un ruolo chiave tutti i nostri sensi.

Il cambiamento in corso dipende anche dalla diffusione degli schermi e il loro utilizzo per creare superfici e display interattivi, tattili e capaci di comunicare anche in modo sensoriale con chi li guarda e li usa. In un futuro non lontano tutte le superfici potrebbero essere in grado di comportarsi come i display attuali dei dispositivi mobili che usiamo.  I display diventeranno ambientali, unitamente a una miriade di tecnologie che trasformeranno le nostre scuole, case, aziende e città, permettendo nuove forme di interazione senza bisogno di tastiere o altri accessori simili. La comunicazione sarà visiva, orale e gestuale ma soprattutto personalizzabile. Mentre oggia siamo costantemente bombardati da informazioni in formato digitale, domani potremo evitare il surplus informativo e quello cognitivo attivando solo i canali di comunicazione e le interfacce che si servono in un dato momento e solo per soddisfare bisgni reali.

Il ritorno alla fisicità degli oggetti e delle sensazioni fisiche da essi generate è alla base della rivoluzione della stampa 3D. Il digitale sarà lo strumento e il supporto per rendere stampabile qualsiasi cosa ma il risultato sarà un oggetto fisico capace di creare relazioni fisiche con chi lo produce e chi lo userà.

La nostra era continuerà a essere  basata sull’informazione e sul digitale ma il ruolo dei nostri sensi non sarà più limitato. I nostri sensi opereranno digitalmente ma producendo esperienze fisiche fatte di interazioni visive, tattili, acustiche, olfattive e vocali. Saremo esseri umani diversi, ibridati con la tecnologia, ma non avremo perso le nostre antenne con le quali permettiamo al cervello di renderci fruibile il mondo interno e quello esterno. In attesa di robot e macchine intelligenti di fare cose simili….

Fonte: www.virtualrealitytimes.com

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Visureasy

Visureasy fornisce diversi servizi di reperimento visure, alcune tipologie di visure...

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

Unified Communication

Unified Communication è un’azienda italiana leader nel mercato europeo del...

Vai al profilo

Sandro Sanna

Docente

Vai al profilo