Lifestyle /

Social media analysis e Big Data

Social media analysis e Big Data

04 Aprile 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Così come dai social network si sviluppò la disciplina della SNA (Social Newtork Analysis), oggi algoritmi sofisticati compongono quella che è definita come SMA (Social Media Analysis). La prima produceva mappe dinamiche delle interconnessioni che legavano i nodi di una o più reti, la seconda incrocia milioni di dati immessi dagli utenti negli spazi abitati della Rete per capire umori, comportamenti, affidabilità bancarie, stato di salute, amicizie e cambiamenti o tendenze.

Da anni le realtà della grande distribuzione hanno introdotto le Carte Fedeltà e attraverso di esse hanno costruito profili aggiornati dei clienti che frequentano i loro punti vendita. Ciò che non riescono ancora a fare è intercettare le conversazioni di questi clienti una volta all’esterno del punto vendita. Un obiettivo possibile e facile da raggiungere al contrario per le realtà che operano online con store e punti vendita digitali ma anche per realtà tecnologiche il cui obiettivo è la raccolta di dati per vendere le informazioni e le conoscenze da essi estraibili.

L’obiettivo è oggi reso possibile da strumenti denominati di Social Media Analyis, algoritmi e bot software sempre attivi online che si fanno carico di catturare conversazioni tra amici all’interno di un social network, di raccogliere e tenere traccia di pubblicazioni e attività online come amicizie, comportamenti di acquisto, passioni e hobby, stato di salute psichica e fisica, tendenze politiche e scelte valoriali e molto altro ancora.

Fonte: www.creativedigest.co.uk

Rispetto alla SNA, la SMA può oggi trarre vantaggio dai Big Data che si sono venuti costituendo negli ultimi anni. Banche Dati gigantesche contenenti miliardi di dati, archiviati, organizzati, categorizzati e resi disponibili per analisi approfondite, mirate e statistiche,  anche di tipo predittivo. Questi miliardi di informazioni, che sono andati nel tempo accumulandosi e stratificandosi, offrono oggi il carburante e il propellente necessario a una miriade di startup per lo sviluppo di una miriade di soluzioni e strumenti intelligenti, tutti classificabili sotto l’ombrello della Social Media Analysis.

La Social Media Analytics (SMA) è la pratica di raccogliere dati prodotti dalla vita online di persone che frequentano blog e media sociali come i social network per poi analizzarli per produrre informazioni e conoscenze utili a processi decisionali legati al business. Lo scopo principale di queste analisi è di individuare il sentiment e le tendenze emergenti utili per definire attività e iniziative marketing e commerciali.
CONSIGLIATO PER TE:

Nostalgia della blogosfera

La SMA non rappresenta una assoluta novità, cinguettii e post sul muro delle facce sono analizzati da anni da società, anche italiane, che hanno sviluppato strumenti ad hoc per l’analisi del traffico, delle conversazioni e delle attività sociali online. Questi strumenti sono serviti in più occasioni anche per l’analisi dei comportamenti e delle opinioni in occasioni di momenti elettorali svelando la loro efficacia nell’offrire analisi predittive sulle tendenze e sui fenomeni emergenti.

Con l’evoluzione dei Big Data e soprattutto con l’aumento esponenziale della popolazione online che abita i social network questi strumenti possono trovare ambiti di applicazione impensabili e di grande interesse, non solo per finalità di tipo commerciale ma anche, ad esempio, per servizi o benefici di tipo sociale. Grazie alle informazioni geolocalizzate ad esempio è possibile stabilire con precisione dove si trovano persone e oggetti e definirne con efficacia i confini di sicurezza e di prevenzione. Strumenti di SMA possono essere usati in ambito finanziario per verificare l’affidabilità dei creditori e i loro comportamenti di acquisto, di risparmio o di invetimento.

In ambito medico la SMA può permettere il monitoraggio sistematico e aggiornato di utenti e pazienti con patologie o comportamenti che suggeriscono un monitoraggio continuo e un controllo da parte di organi o istituzioni sanitarie. I dati disponibili nei Big Data possono essere usati anche per analisi più complesse come quelle finalizzate allo studio dell’evoluzione e diffusione di virus, malattie infettive o influenze, come ad esempio la recente Zika.

I numerosi ambiti di applicazione e le ancora più numerose soluzioni presenti sul mercato indicano che la SMA è qui per restare, soprattutto per la sua utilità per le Marche, le aziende, la piccola, media e grande distribuzione e tutti coloro che hanno una presenza online e vi investono. Capire cosa contengano le conversazioni online su un marchio, un prodotto o una Marca può essere di fondamentale importanza e capirlo in fretta ancora di più. Servirebbe ad approntare contromisure adeguate e iniziative mirate a rafforzare tendenza positive o a correggere quelle negative.

I dati prodotti online sono moltissimi, le informazioni che da essi possono essere derivate non ritornano necessariamente fotografie in bianco e nero ma fotogrammi che richiedono sempre una attenta valutazione e analisi. Andare in profondità richiede l’uso di strumenti adeguati di SMA per andare oltre ciò che le persone esprimono online con frasi ironiche, sarcastiche o satiriche, con toni di voce e punteggiature del linguaggio diverse, in lingue o dialetti diversi o postando fotografie e immagini, quest’ultime molto difficili da interpretare ma sempre molto significative e ricche di informazione.

L’analisi è resa particolarmente complicata dal surplus di informazioni prodotto quotidianamente online e dalla difficoltà a interpretare, filtrare e scartare il molto rumore di fondo prodotto dalle conversazioni online. Il filtraggio è particolarmente complicato anche se viene eseguito da strumenti software dotati di algoritmi di intelligenza artificiale di cui sono dotati alcuni strumenti SMA.

L’analisi non è comunque possibile nelle dimensioni e profondità desiderate senza disporre di strumenti di social media analayis. Chi non ne facesse ancora uso dovrebbe farlo.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Marialuisa Moro, scrittrice

Una restauratrice di quadri, una tela con il ritratto del marito scomparso che la...

Vai al profilo

Techmobile

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo

RAD Solutions S.R.L

Distributore GeneXus per Italia e Svizzera

Vai al profilo