Bibliografia Tecnologica /

Il crepuscolo delle macchine

Il crepuscolo delle macchine

05 Aprile 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOTECA TECNOLOGICA: Il Crepuscolo delle macchine è un'opera recente di John Zerzan considerato il capofila dell’anarco-primitivismo statunitense. e autore di altri libri come Dizionario primitivista (Nautilus 2004), a Pensare primitivo: Elementi di una catastrofe (Bepress, 2010). Un autore che produce da tempo una riflessione sulla teoria libertaria non facile da districare, fra percorsi eclettici e detrattori accademici, mai in uno scenario catastrofista, tipo La nube purpurea, di M. Shiel (1901), in cui si prospetta l’azzeramento planetario.

Il Crepuscolo delle macchine è un'opera recente di John Zerzan ed è pubblicata in Italia da Nautilus


La crisi si acuisce. La spoliazione della vita quotidiana va di pari passo con quella dell'ambiente fisico. La situazione drammatica in cui versiamo ci indirizza verso una soluzione. L'abbandono volontario della modalità di vita industriale non è una rinuncia, bensi' una regressione salutare.

Il rifiuto di una rottura totale corona e solidifica un pessimismo che spinge al suicidio. I nostri primi passi verso la liberazione possono essere guidati solo da visioni che non siano definite dalla realtà attuale. Non possiamo permetterci di continuare ad agire alle condizioni dettate dal nemico.

Nel suo libro Zerzan lancia un messaggio do lotta che punta a sugerire la ricerca di un futuro ecovivibile per uscire fuori dalla crisi attuale che sembra riportarci indietro nel tempo. La lotta deve essere contro la tecnologia e l’alienazione, per «affrontare ogni cosa e cambiarla», per superare la società capitalistica e classista e la sua divisione del lavoro. Bisogna superare la visione antropomorfica che si sta rivelando autodistruttiva con una visione antievolutiva, libertaria e che guardi alla tecnologia come dispotica e all’antitesi della natura comunitaria dei primitivi, «cacciatori e raccoglitori» del Paleolitico.Oggi assistiamo a una fusione pericolosa tra tecnologia, modernità, macchine, tutta volta a far dimenticare il passato a croigiolarsi nel postmodernismo, «suo portavoce culturale».

Il Crepuscolo delle macchine è tradotto da Marco Camenisch (detenuto nel carcere di Regensdorf, in Svizzera), con il contributo di Matteo Lombardi e Syd Migx.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Startbusiness

SB un’azienda che fa scouting nel mondo ICT (Information Communication Technology...

Vai al profilo

Paolo Conte

Sviluppo professionalmente applicazioni Android per terzi o di mia iniziativa. Da...

Vai al profilo

Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo

Solair

Tutti hanno diritto al Better Business

Vai al profilo