Bibliografia Tecnologica /

Il Simbionte. Prove di umanità futura

Il Simbionte. Prove di umanità futura

20 Agosto 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOTECA TECNOLOGICA - Un libro di Giuseppe Longo. Il Simbionte è datato (pubblicato da Meltemi nel 2003) ma il cui valore sta non tanto nel fornire un aggiornamento sullo sviluppo dell'automazione e della tecnologia ma nell'aprire alla riflessione e all'approfondimento. "Si dice spesso che la tecnologia disumanizza. Non sono d'accordo, per la semplice ragione che l'uomo è naturalmente tecnologico: ovvero concepisce degli strumenti che a loro volta retroagiscono su di lui cambiandolo. Da qui, anche, i problemi: perché di sicuro l'uomo col computer non è uguale all'uomo senza computer. La tecnologia non ci lascia indenni".

Giuseppe Longo, Il Simbionte. Prove di umanità futura - Editrice Mimesis 2003


Un essere umano (più donna che uomo) che porta sulla fronte il simbolo - mi pare, o forse invento - di una piastrina di silicio o la piastrina stessa impiantata:: dunque un simbionte, forse, che con la parte umana, specie con gli occhi (invisibili o meglio inaccessibili) e con l'inclinazione del capo, esprime una grande cieca tristezza, confermata e accentuata dalla lacrima che sgorga e cola lungo la gota, lungo il bellissimo naso greco:: gli (anzi le) manca la bocca e questa sua impossibilità di gridare il proprio dolore me la rende ancora più cara - sembra guardare in giù, ma gli inaccessibili occhi contemplano due panorami diversi, proibiti agli umani:: forse l'occhio destro, chiuso, vede un paesaggio di devastazione interiore, mentre il sinistro, appena abbozzato, contempla un paesaggio esterno di torri e cuspidi smaglianti attraverso il prisma caleidoscopico e multicolore di quella lacrima suprema.

"Un’articolata riflessione sulle mutazioni antropologiche, culturali, linguistiche indotte dalla pervasiva presenza della cibernetica nella vita quotidiana. Sempre più l’io singolare e collettivo è il prodotto di un processo simbiotico che ‘ridefinisce imperiosamente tutti i nostri concetti più importanti. Termini come libertà, democrazia,  intelligenza, realtà, storia, tempo, memoria hanno oggi significati nuovi e talora irriconoscibili’. Ben oltre la paura verso cyborg e robot la questione ha a che fare, già adesso, eticamente e politicamente con i mutati standard di relazione ‘social’ e di interazione con la téchne." - Fabio Mercanti di Dedalus.it

Recensioni:

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Mobijay

Produzione app per dispositivi mobili

Vai al profilo

PowerSoftware

App for lifestyle of people !

Vai al profilo

Disruptive Innovation

Management Consulting

Vai al profilo

Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo