Bibliografia Tecnologica /

Insieme ma soli. Perché ci aspettiamo sempre più dalla tecnologia e sempre meno dagli altri

Insieme ma soli. Perché ci aspettiamo sempre più dalla tecnologia e sempre meno dagli altri

11 Ottobre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOGRAFIA DI TECNOLOGIA - Un libro che nasce da esperienze dirette della realtà e dalle rifdlessioni non superficiali che Sherry Turkle ha tratto per avvertire tutti della possibile futura espropriazione da parte della logica dei robot e della tecnologia. Il testo non contiene facili soluzioni ma serve per comprendere la realtà tecnologica attuale e prepararsi per nuove e imprevedibili situazioni e relazioni future. Siamo di fronte a un bivio, sembra suggerire l'autrice. O si cambia la propria realtà oppure si può sposare fino in fondo quella artificiale e sperare di poter soddisfare nelle realtà virtuali i propri desideri. Senza alcuna certezza di un risultato positivo.

Sherry Turkle, Insieme a soli - Codice Edizioni


Le nuove tecnologie alla base della comunicazione digitale contemporanea ci fanno credere di essere meno isolati perché sempre connessi. Si tratta però dell'illusione di una reale intimità: i nostri profili online esistono in funzione del numero dei contatti, oggetti inanimati e intercambiabili che acuiscono il senso di solitudine. Allo stesso tempo si sta completando il ventaglio dei rapporti possibili con i robot, dall'ipotesi di affidar loro i propri figli a quella di farne dei veri e propri partner.

CONSIGLIATO PER TE:

Tu non sei un gadget

Questo è il paradosso indagato da Sherry Turkle: mentre gli amici in rete sono in realtà presenze prive di sostanza, molti desiderano, talvolta disperatamente, attribuire emozioni umane ai robot. "Insieme ma soli" è una storia di dissociazione emotiva ma anche di speranza, perché anche dove la saturazione digitale è maggiore, molti, soprattutto fra i giovani, si interrogano su cosa sia davvero il rapporto umano, e chiedono un ritorno a forme più naturali di dialogo. Alla fine Facebook, il BlackBerry e l'iPhone ci spingono a ricordare chi siamo veramente: esseri umani con scopi umani.

* Sul tema segnaliamo l'e-book La solitudine del social networker di Carlo Mazzucchelli

 

Immagine di Eric Pickersgill

"In Giappone i robot babysitter offrono lezioni, giochi e sorveglianza dei bambini mentre le madri si occupano dei lavori di casa. Gli androidi con l’aspetto di donne sexy sono offerte come receptionist e guide. Sono in fase di sviluppo per fungere da hostess e maestre elementari. Sempre in Giappone, in uno sviluppo collegato, una bambola sessuale realistica, corretta anatomicamente e dotata di sfinteri,è offerta pubblicamente e considerata una buona fonte di piacere per chi è costretto in casa e, più in generale, un modo per controllare la diffusione delle malattie a trasmissione sessuale. In un nuovo progetto di sviluppo esiste ora un resort per vacanze, “reale” e fisico, dove gli uomini giapponesi possono stare con le rispettive fidanzate virtuali."

"La tecnologia ci mette in 'pausa'. Le nostre conversazioni faccia-a-faccia sono continuamente interrotte da chiamate e messaggi sms. Nel mondo della corrispondenza cartacea, era assolutamente inaccettabile che un collega si mettesse a leggere una lettera personale durante una riunione. Nel nuovo mondo digitale, ignorare chi ci sta di fronte per rispondere a una chiamata al cellulare o rispondere a un sms è diventata la norma."

Recensioni:

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

Terra dei colori

Storia interattiva, destinata sia ai bambini che ai più grandi La storia di...

Vai al profilo

Startbusiness

SB un’azienda che fa scouting nel mondo ICT (Information Communication Technology...

Vai al profilo

MakeItApp

Makeitapp.eu è il primo social collaborative network per creare app insieme. Gli...

Vai al profilo