Bibliografia Tecnologica /

Mani. Come le usiamo e perché

Mani. Come le usiamo e perché

28 Marzo 2017 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
BIBLIOGRAFIA TECNOLOGICA - Invece di parlare siamo sempre più impegnati a digitare qualcosa sul nostro telefonino, ad accarezzarlo e a uarlo. Lo smartphone è una protesi tecnologica così come lo è stata la mano dell'uomo che scopriva di poter diventare un animale capace di posizione eretta. Da smpre gesticoliamo e prendiamo appunti, oggi lo facciamo anche con uno smartphoen in mano. Ce lo racconta molto bene il libro di Darian Leader.

Il libro MANI. COME LE USIAMO E PERCHE' è pubblicato in Italia da Ponte alle grazie.


«Immaginate un Umberto Eco più interessato al Sé che alla semiotica o un Oliver Sacks che tiene una rubrica di consigli personali. Fantastico.» - The Guardian

«Tessere, filare, lavorare a maglia, scrivere sms: le mani hanno sempre avuto molto da fare. [...] Tenere le mani occupate non è questione di svago o capriccio, ma riguarda un aspetto profondo della nostra esperienza corporea. [...] Le mani ci servono. Ci permettono di manipolare il mondo in maniera da realizzare i nostri desideri.»

Perché passiamo gran parte della giornata a mandare messaggi e scorrere le pagine di Internet e di Facebook, e perché non poterlo fare ci rende nervosi? Perché in tante scene di film un personaggio ne tiene per la mano un altro sospeso sull'abisso? Com'è possibile che i neonati stringano il dito di un adulto così forte da tenervisi aggrappati? La risposta sta nelle mani, il più visibile ma anche il più misterioso e personale dei nostri strumenti; il più umano, talmente umano da essere inconsapevolmente vissuto - come lo psicoanalista Darian Leader mostra nelle pagine di questo saggio - come un agente estraneo, che dobbiamo sempre controllare perché non si rivolti contro il nostro sé cosciente, realizzando gli impulsi spesso disdicevoli di quell'altro grande altro-in-noi che è l'inconscio. Per tenerle occupate, l'umanità ha dunque inventato tattiche di ogni genere, passatempi e piccoli vizi, dipendenze innocue o dannose, dal rosario al ventaglio, alla sigaretta, - appunto - al cellulare. Ma alcune proprietà delle mani sono connaturate alla specie e non sono mai cambiate né forse potranno cambiare: e anche di esse questo libro offre una lettura affascinante, innovativa, a volte perturbante; fornendo così, a partire da queste mirabolanti estremità, un resoconto curioso e originale di che cosa significa davvero essere gli umani che siamo.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Roma4You

Roma4You è un progetto trasversale unico nel suo genere, contraddistinto da...

Vai al profilo

The Box Srl

The Box S.r.l. nasce dall’esperienza dei suoi soci fondatori e di Arka Service S.r.l...

Vai al profilo

CREALAB SRL

CREALAB è una società italiana che offre servizi e consulenza nell'ambito del settore...

Vai al profilo

EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo