Segnalazioni /

Vuoi passare una notte insonne? Due ore di tablet a sera!

Vuoi passare una notte insonne? Due ore di tablet a sera!

22 Febbraio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Numerose indagini sperimentali indicano che una persona che utilizza il tablet per circa due ore prima di coricarsi, rischia di posticipare il sonno di almeno un'ora. I dettagli da spiegare sono complicati ma per chi fosse intellettualmente curioso i lavori pubblicati in rete e gli articoli sull'argomento suno numerosi. Buona lettura...sul tablet...prima di prendere sonno!

Non tutti lo sanno ma l'esistenza della luce blu e i suoi effetti sulle persone sono noti da anni. Prima della luce artificiale la vita sulla terra era segnata dall'alternarsi della luce e del buio, oggi abbiamo creato il giorno di 24 ore. La luce artificiale ha finito per generare un inquinamento luminoso con effetti non sempre positivi. Chi vive in città ad esempio ha visto sparire la brillantezza del cielo stellato, sostituito da un cielo inquinato dalla luce artificlale terrestre.

Gli effetti dell’inquinamento luminoso sulla salute dell’uomo e sulle sue abitudini sono dovuti principalmente all’alterazione dei ritmi circadiani. L’esposizione alla luce di notte, anche a bassi livelli (fino a 1,5 lux), ha effetti sull’andamento dei ritmi circadiani.

Queste alterazioni possono provocare effetti di varia natura come disturbi del sonno e della veglia e disordini metabolici. Uno dei più importanti ormoni che regolano i ritmi circadiani è la melatonina e l’esposizione alla luce ne sopprime o ne diminuisce la produzione. Il picco di efficacia nel sopprimere la produzione di melatonina si ha nel blu, attorno a 460 nm.

Il responsabile della maggiore sensibilità del nostro corpo alla luce blu è un fotorecettore presente nel nostro occhio e che non svolge una funziona visiva ma produce effetti sui ritmi circadiani e la produzione di melatonina.

Queste e altre ricerche hanno evidenziato come una esposizione prolungata alla luce blu impedisce di prendere sonno e introduce elementi di insonnia notturna nella vita delle persone.

L'esposizione alla luce del display di un tablet ( ma ancher di un laptop) per più di die ore ha l'effetto di sopprimere la normale produzione di melatonina, privando la persona del sonno. La carenza di melatonina impedisce al corpo di realizzare che si è fatta notte e che bisognerebbe mettere mente e ecorpo a riposo. Superare di molto le due ore potrebbe portare, secondo alcune ricerche scientifiche, alla rottura del ciclo circadiano e a conseguenze maggiori.

A fare la differenza sono la dose di luce ma anche la lucentezza, il tempo di esposizione e la distanza del dispositivo dai nostri occhi.

A doggi l'unica cura possibile è di dimenticare il tablet in salotto. I produttori potrebbero però trovare nuove tecnologie capaci di favorire il nostro ciclo circadiano aiutandoci anche a dormire.

Cosa di cui in molti, in questo periodo complicato, hanno assoluto bisogno!

 

Fonte: Otto Steininger


comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


NeaLogic

NeaLogic è specializzata nella realizzazione di soluzioni mobile compatibili con...

Vai al profilo

Ciano

-- Senior Web & IOS Innovator, developer --

Vai al profilo

Consoft Sistemi S.p.A.

Web & Digital Technology, Big Data, IoT & Telemonitoring

Vai al profilo

Inglobe Technologies Srl

Fondata nel 2006 essa basa la sua professionalità sull'esperienza e la competenza di un...

Vai al profilo