Segnalazioni /

Non tolleriamo la difficoltà!

Non tolleriamo la difficoltà!

07 Gennaio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La rete è un archivio immenso che permette di trovare, scoprire e leggere contenuti e letteratura di valore anche a distanza di anni. Così capita che un articolo pubblicato nel 2008 possa emergere dall'oblio, catturare l’attenzione, interessare e meritare una ulteriore segnalazione. L’articolo è stato pubblicato su la Repubblica D, non presenta alcun LIKE ma proprio per questo merita, forse di essere segnalato.

Il punto di partenza della riflessione dell’autrice Mara Accettura è la paura della complessità . Forse perchè aimo ormai vittime di una cultura basata sul gossip e sulla comunicazione televisiva, rifuggiamo tutto ciò che richiede tempom che non è facilmente digeribile e che viene percepito come complesso. Complessa è la poesia ma anche molta letteratura che non si lascia comprendere immediatamente ma richiede una qualche forma di impegno e dedizione. Nell’epoca del pensiero sbrigativo e di interazioni e racconti da Grande fratello, il rischio è che ci pieghiamo al “consumo snack dell’informazione’ rinunciando a qualsiasi forma di concentrazione e approfondimento.

CONSIGLIATO PER TE:

Big Data e referendum

Nell’articolo si parla di Kindle, di ebook e di ADD ( Attention Deficit Disorder) una patologia che non interessa solo i bambini ma anche molti adulti attaccati in modo solipsistico al proprio dispositivo mobile e poco attenti alla quotidianità del vivere e alla socialità della vita reale di tutti i giorni. L’autrice fa citazioni dotte ( “leggere ci aiuta a dar forma alla maniera in cui pensiamo, cioè a come avvicianiamo, raccogliamo e memorizziamo le informazioni”) da Maryanne Wolf ( Proust e il calamaio), da Wittgenstein (“ Su ciò di cui non si può parlare si deve tacere”), da Oddifreddi (“ Anche leggere troppo è deletrio”).

Infine c’è anche un riferimento alla politica che dal 2008 ad oggi continua ad essere valido. Si riprende un articolo di Michele Serra nel quale si faceva un paragone tra il pensiero sbrigativo e il linguaggio semplificativo della destra (vincente allora e speriamo perdente alle prossime elezioni) e all’opposto quello complesso (perdente allora e forse vincente quest’anno) della sinistra.

 

….per leggere l’articolo online….con attenzione!

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Arsenal S.R.L.

Simulatori e visual simulation immersiva ad elevata interattivita' - con software di...

Vai al profilo

Missione Web

La nostra Web Agency è costituita da un team giovane e dinamico che subisce da sempre il...

Vai al profilo

Solair

Tutti hanno diritto al Better Business

Vai al profilo

Systech Srl

Nata nel 1994, Systech è una azienda specializzata nella progettazione e nello...

Vai al profilo