Android /

APP Android, buone pratiche e modelli di business

APP Android, buone pratiche e modelli di business

20 Dicembre 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Lo sviluppo di buone APP richiede la conoscenza e l'applicazione di buone pratiche. Il loro successo sul mercato dipende dal modello di business ( APP gratuite, a pagamento, in affitto ) adottato e dalle iniziative marketing, promozionali e commerciali intraprese. SoloTablet fornisce alcune utili indicazioni e link a risorse utili a tutti gli sviluppatori.

Il primo problema da affrontare, da parte di tutti coloro che hanno deciso di sviluppare una APP per Android, è come fare a dargli visibilità all'interno di un catalogo applicativo che conta ormai più di 200.000 APP. Non si tratta solo di sviluppare tecnicamente una APP perfetta ma di comprendere fin dall'inizio i comportamenti dei consumatori e soprattutto cosa possa rendere ai loro occhi una APP interessante, divertente, utile, accattivante ecc. Conta molto il nome con cui si commercializza l'APP, la sua icona, la sua descrizione sullo store. Inoltre dopo l'eventaule download è importante che l'applicazione venga usata e raccomnadata ad altri.

Le migliori applicazioni condividono solitamente alcune caratteristiche di base e dovrebbero

  • essere portabili e garantire le stesse funzionalità su versioni successive di Android
  • essere aggiornate frequentemente e regolarmente con l'aggiunta di nuove funzionalità
  • funzionare adeguatamente ( no 'bugs' e interventi rapidi per la loro soluzione nel caso ci fossero)
  • essere consistenti con le convenzioni standard di Android per la interfaccia grafica
  • essere performanti e non consumare eccessivamente memoria, banda e batteria
  • essere percepite come nuove e creative ( devono sorprendere )
  • Devono essere utilizzate ferquentemente
  • utilizzare contenuti grafici, audio, video, ecc. di qualità
  • essere intuitive e facili da usare ( non dovrebbero servire manuali o guide all'uso)
  • essere accessibili a persone con disabilità
  • dare buoni motivi ad un utente di raccontare la sua esperienza con l'applicazione ad amici e colleghi per suggerire il download e l'uso
  • fornire contenuti aggiuntivi se le applicazioni sono data-driven
  • essere pensate e costruite per una distribuzione di massa

Fonte: droidmatters.com

Quanto elencato qui sopra è descritto in maggiori dettagli nella sezione Best Pracices della Guida per gli sviluppatori Android (Android Dev Guide) nella quale viene afrontato il tema della compatibilità applicativa, della portabilità, del supporto multi-screen, della user interface, delle performance ecc. :

      • Compatibility : fondamentale prima di partire determinare su quali dispositivi e con quale versione di sistema operativo l'applicazione debba funzionare. L'APP deve essere fornita di 'use features' ( audio, bluetooth, camera, camera auto-focus, camera flsh, location ecc. ) in modo da permettere all'Android Market di filtrare e catalogare l'APP in modo appropriato. Possibile definire dei filtri anche per i downlod in località e nazioni diverse.
      • Supporting Multiple Screens : L'SDK Andorid 1.6 e versioni successive supportano dimensioni diverse ( misra diagonale) di scermi e valori diversi di densità dei pixel ( distribuzione dei pixel sullo schermo). Android prevede quattro tipologie di scermo ( piccolo, normale, grande e estra-grande) e di densità ( bassa, media, alta. estremamente alta). Tocca allo sviluppatore definire la dimensione e il valore di riferimento ed eventualmente prevedre la possibilità di adattare l'applicazione a dispositivi e schermi diversi in modo che sia Android ad ottimizzare il tutto in base al dispositivo usato dall'utente.
      • Supporting Tablets and Handsets
      • UI Guidelines: fondamentale seguire le linee guida fornite nella guida per sviluppaori di Android. La guida fornisce utili indicazioni per il disegno delle icone da inserire nelle APP ( menu, status bar, tab, dialog boc ecc.), dei widget ( app protector pro, android agenda widget, battery life, stock alert ecc.), e dei menu.
      • Designing for Performance : una APP deve essere efficiente e tenere conto che le risorse del dispositivo non sono infinite. Una APP non deve occupare le risorse del dispositivo per tempi lunghi e rimuovere i file di cache alla chiusura dell'applicazione.
      • Designing for Responsiveness : il codice deve garantire rapidità ed efficienza nel caricare l'applicazione e nell'eseguire i processi ad essa associati.
      • Designing for Seamlessness : le configurazioni dell'applicazione devono poter essere gestite in modo appropriato garantendo protezione e sicurezza dei dati del'utente.
      • Designing for Security

 

Registrazione APP sull'Android Market

La registrazione e la pubblicazione dell'applicazione richiede allo sviluppatore di registrarsi attraverso la creazione di un apposito account all'Android Market .

Al momento della registrazione si paga una tariffa d'ingresso. Android, a differenza di altri store applicativi non obbliga a seguire un processo formale di approvazione ma richiede semplicemente la sottoscrizione della policy predisposta per tutti gli sviluppatori. Se l'applicazione viola in alcun modo la policy può essere rimossa in ogni momento da Google.

Configurazione dell'account

Per commercializzare una APP bisogna dotarsi di un Account ( Google Checkout merchant account ), disponibile per tutti gli sviluppatori in 29 paesi del mondo. Dopo la registrazione e l'accesso attraverso la procedura di login per la configurazione dell'accoun si usa il link di Setup per:

  • fornire informazioni private che servono a Google per comunicare lo sviluppatore/account
  • fornire informazioni di supporto alla clientela in modo che gli utenti della applicazione sappiano a chi rivolgersi in caso di necessità
  • fornire informazioni bancarie per il pagamento dei crediti accumulati attraverso la vendita e download delle applicazioni
  • sottoscrivere le condizioni di servizio proposte da Google che descrivono termini di pagamento, tipo di transazioni ammesse, azioni proibite, trattenute dovute a Google ( 30%) ecc.

Precise e formali procedure per la gestione dell'account servono a garantire lo sviluppatore da usi fraudolenti della sua identità e UserID.

Il pagamento avviene attraverso Google Checkout più o meno con le stesse modalità offerte da PayPal, un servizio che potrebbe essere messo a disposizione in futuro come alternativa a Checkout.

Fonte: gamesalad.com

 

Prima di pubblicare, verifiche e fasi di test

Per prepararsi opportunamente alla pubblicazione di una APP la guida Android per lo sviluppatore suggerisce una serie di verifiche ( checklist ) e alcune fasi di test.

La checklist comprende:

  • verifica del funzionamento dell'APP su dispositivi Android diversi
  • Assegnare delle versioni alla APP
  • Attivare e disattivare il debugging e il logging
  • Ottenere/creare una chiave crittografata da usare durante le fasi di accesso alla applicazione
  • Compilare l'applicazione
  • Verificare che funzioni la procedura di login

Dopo le opportune verifiche si passa alle fasi di test per assicurarsi che tutte le funzionalità previste dall'applicazione funzionino adeguatamente su dispositivi diversi. L'emulatore può essere una soluzione ma è suggerito il test direttamente sui dispositivi target perchè l'emulatore è carente o manca delle seguenti funzionalità:

  • Connessioni USB
  • Bluetooth
  • Sensori ( accelerometro, barometro, sensore di prossimità, compasso ecc.)
  • Determinazione livello di carica della batteria
  • Determinazione dell'inserimento/emissione di un dispositivo esterno
  • Foto-Camera e video
  • Headphone

Prima di andare online meglio anche provvedere a:

  • Pensare e disegnare una icona per l'applicazione che sia accattivante e graficamente di qualità e ad alta risoluzione ( 512 x 512 oixwl, 32-bit PNG con Alpha, 1024 KB massimo )
  • Disattivare il debugging settando il parametro 'Debuggable' su 'FALSO'
  • Assegnare un nome e un numero di versione all'applicazione. Il nome serve per l'utente, il numero per lo store di Android.
  • Ottimizzare il codice applicativo
  • Ottenere e attivare una chiave di accesso digitale all'applicazione ( .apk file - Android app package file. Il certificato digitale comprende nome e cognome, nome dell'azienda , informazioni di contatto ecc.
  • Predisporre degli 'screenshot' dell'applicazione da usare al momento dell'inserimento dell'APP sullo store per completare la sezione descrittiva

 

Caricamento dell'APP sull'Android Market

Dopo aver predisposto tutto quanto serve e i file da caricare bisogna seguire passo passo quanto richiesto nella guida fornita sull'Android Market fino al comando di Upload.

Gli asset da caricare sono diversi:

  • App .apk file
  • Screenshot
  • Icona APP ad alta risoluzione
  • Grafica promozionale (opzionale)
  • Altra grafica (promozionale) usata nella sezione Featured
  • Video promozionali
  • Automatismo di permission marketing

Per ogni App caricata bisogna specificare le seguenti informazioni:

  • Lingua
  • Titolo
  • Decrizione
  • Aggiornamenti recenti
  • Testi promozionali
  • Tipologia APP
  • Categoria APP
  • Prezzo
  • Disponibilità geografica
  • Valutazione sulla versione disponibile ( matura, in fase adolescenziale ecc.)
  • Sito web aziendale
  • e-mail
  • numero di telefono

 

 

Definizione di un prezzo: gratuita, a pagamento, in affitto...

Molti sviluppatori mettono a disposizione le loro APP gratuitamente. Usano le APP per promuovere sè stessi e/o il loro portafoglio prodotti/servizi.

Molti sono comunque i modi con cui uno sviluppatore può trarre vantaggi e guadagni dalle app sviluppate:

  • vendere l'applicazione sull'Android Market o su altri Market similari
  • Vendere gli aggiornamenti successivi
  • Vendere beni virtuali
  • Utilizzare meccanismi pubblicitari di 'in-apps ads'
  • Vendere spazi pubblicitari per pubblicità mobile
  • Utilizzare le APP per promuovere e proporre commercialmente prodotti e servizi

 

....segue

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


INGEGNI Tech S.r.l.

INGEGNI Tech sviluppa applicazioni per il mercato mobile, sviluppando progetti per la...

Vai al profilo

D'Uva Workshop

E' un'azienda che produce audioguide, videoguide, totem multimediali, applicazioni e...

Vai al profilo

D-One Software House

Sviluppo applicazioni personalizzate per iPad e iPhone

Vai al profilo

MDeeS

software,house,sviluppo,divertimento,per sempre

Vai al profilo