Sezioni
Tu sei qui: Home Sistemi Operativi MeeGo - Tizen Tizen, nuova bolla o realtà che si avvera?
MeeGo - Tizen

Tizen, nuova bolla o realtà che si avvera?

Dopo neppure un anno e mezzo dalla nascita di MeeGo, Intel ha deciso di puntare, unitamente a Samsung, su una nuova piattaforma denominata Tizen. Riportiamo la sintesi un'analisi di questa decisione disponibile sul siti di Visionmobile, la società di analisi 'di tutto ciò che è connesso'.
Tizen, nuova bolla o realtà che si avvera?

Fonte: gadgetholic.net

Otto mesi dopo l'abbandono di Nokia, anche Intel ha deciso di lasciare MeeGo al suo destino e il 27 settembre 2011 con Samsung ha annunciato la nascita di Tizen, che in realtà è il successore della piattaforma Linux di Samsung, la piattaforma di riferimento del consorzio LiMo. La domanda da porsi ora è se il fallimento di LiMo e MeeGo e il fatto che Android nel frattempo abbia conquistato uno spazio forse non più colmabile dai concorrenti, lascino ben spetrare nel successo di Tizen. Che cosa è cambiato rispetto a prima? Cpsa dovrebbero fare Intel, Samsung e la Linux Foundation per portare al successo la loro nuove ceatura? Alcune risposte le ha fornite Dave Neary di Visonmobile (testo in inglese).

Fonte: Visonmobile

L'articolo completo è disponibile a questo indirizzo,qui riassumiamo alcune riflessioni che riteniamo utili per coloro che sono impegnati nella scelta della piattaforma mobile di riferimento in azienda:

  • Dopo la scelta di abbandonare MeeGo rimane il problema di cosa faranno produttori che su quella piattaforma avevano puntato come GENIVI, China Mobile, Asus e Acer. Che tipo di supporto garantiranno? Adotteranno Tizen?
  • Rimane il problema del parco intallato, del supporto da garantire ai clienti esistenti e di cosa faranno gli sviluppatori che avevano investito su MeeGo. L'annuncio di Intel e Samsung ha spiazzato tutti e ha sicuramente creato molto scontento.
  • Tecnicamente Tizen è il successore della piattaforma Linux di Samsung, la piattaforma di riferimento del consorzio LiMo, con alcuni componenti resi da MeeGo. La governance e l'indìfrastruttura saròà molto simile a quella di MeeGo.
  • Le prime ( API JIL - Joint Innovation Labs - e  BONDI la piattaforma pecifica dell' Open Mobile Terminal Platform, OMTP) per sviluppatori sono per gli ambienti HTML5 e WAC. Farà parte dell'ambiente di sviluppo anche la Enlightenment Foundation Libraries (EFL)
  • Target della nuova proposta Tizen sono sviluppatori, vendor, integratori, sviluppatori di applicazioni e entusiasti del Mobile.
  • La prima difficoltà per Tizen è riscontrabile nelle possibili scelte e visioni contrastanti dei due fondatori del progetto, Intel e SAmsung. Samsung ad esempio non ha rilasciato alcun comunicato stampa su Tizen, sintomo di discussioni sul futuro e sui programmi ancora in corso.
  • Tizen non è ancora un progetto maturo per le aziende e quando lo sarà, soddisferà soltanto una parte dei bisogni delle sue target audience.
  • Il terzo problema è su quale impatto reale avrà Tizen sul mercato rispetto all'agguerrita concorrenza, in primis di Android. Inoltre SAmsung non ha alcun interesse a dover como petere con Google visto che hanno scelto Android per le piattaforme smartphone. Rimane poi il problema di quanti saranno gli sviluppatori che decideranno di investirvi tempo, denaro, prospettive.
  • Infine il problema forse più grande è su quanti saranno i dispositivi Tizen che entreranno nel mercato

 

 

 

 

 

In conclusione Tizen potrebbe essere un altro progetto a termine, vittima dei contrasti e delle scelte non troppo allineate tra partner industriali alla ricerca costante di armi adeguate per rompere il monopolio che si sta prefigurando dominato da Android e iOS, Google e Apple.

Oltre all'articolo qui sintetizzato sul portale di Mobilevision sono presenti altri approfondimenti sul tema della mobilità e sui dispositivi mobili.

25/10/2011
Redazione
SHARE THIS
2.75
No rating set
, , , ,
comments powered by Disqus