Windows /

Microsoft, contestato Ballmer

Microsoft, contestato Ballmer

30 Settembre 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Ritardi e lentezza, mancanza di visione e di strategie chiare, queste alcune delle recriminazioni nei confronti di Steve Ballmer che hanno portato un gruppo di dipendenti ad abbandonare la convention Micorosft tenutasi nello stadio di Seattle alla presenza di 18000 dipendenti.

Alla convention Microsoft della settimana scorsa, tenutasi nello stadio di Seattle, Steve Ballmer non si è esercitato nella danza che lo ha reso famoso sulla rete.  Durante il suo intervento anzi è avvenuta una protesta silenziosa messa in opera da un gruppo di dipendenti che si sono alzati ed hanno abbandonato la platea. E la protesta non è causale o isolata considerando che molti dipendenti stanno contribuendo con riflessioni e commenti ad un Mini-Microsoft blog nel quale esprimono le loro preoccupazioni sul terreno perso da parte dell'azienda nei confronti di aziende come Apple, Google, Amazon ecc. Il blog ospita post anonimi ma esprime bene uno stato d'animo e il morale attuale dell'azienda che ha colonizzato le scrivanie del mondo intero.

L'accusa principale è di focalizzarsi troppo su Windows 8 e di mettere da parte prodotti che con il loro successo consentono all'azienda il predominio sul mercato globale come le console Xbox e Kinect, la suite Office 365 3 il sistema operativo Windows 7. L'accusa non riguarda la strategia associata a Wndows 8 che dovrebbe portare al rilascio di un sistema operativo in grado di legare tra loro PC, tablet e smartphone, ma il ritardo accumulato e il fatto che il nuovo sistema operativo non vedrà la luce prima di uno/due anni. La critica tocca i tempi di sviluppo, elefantiaci in Microsoft se paragonati a quelli snelli e veloci della concorrente Apple. Sul blog un anonimo scrive: "Steve Ballmer non va bene.. Telefono, abbiamo perso. Motori di ricerca web, abbiamo perso. Browser, abbiamo perso. Clienti Windows, abbiamo qualche problemino. Tablet, abbiamo perso. Meglio far tornare Bill Gates".

Fonte: pcworld.com

Sul tema del Tablet è interessante un articolo di approfondimento pubblicato su TechRepublic che sembra confermare quanto pubblicano gli anonimi blogger del Mini-Microsoft blog.

La domanda è: Microsoft è ancora in grado di ri-guadagnare il terreno perso nel mercato dei tablet? La risposta è no!

Secondo l'articolista Patrick Gray di TechRepublic tre sono le ragioni forti che portano a considerare Microsoft come fuori dal gioco nel mercato dei tablet:

  • Mercati verticali: Micorsoft manca di una visione globale in grado di proporre una visione omogenea e integrata di soluzioni hardware, software e marketing.
  • User experince: Micorsoft non ha compreso il fenomeno della consumerizzazione dell'It e il ruolo del consumatore nello scegliere senza compromessi soluzioni che soddisfano bisogni precisi ( tempo di boot, aggiornamenti rapidi, user experience, interfaccia utente ecc.)
  • La fine della visione centrata sull'azienda: l'evoluzione della tecnologia guarda sempre più al consumatore prima che all'azienda. Microsoft sembra essere rimasta ferma ad una cultura che le tecnologie attuali stanno rendendo obsoleta.

Per leggere l'articolo completo.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Sudformazione srl

Scuola di formazione tecnica specialistica. Ci occupiamo di formazione in materia di...

Vai al profilo

GetConnected Srl

GetConnected progetta e sviluppa applicazioni mobile chiavi in mano, partendo...

Vai al profilo

MNM dev

Vai al profilo

Mobijay

Produzione app per dispositivi mobili

Vai al profilo