Windows /

Windows 8? Forse si, anzi no!

Windows 8? Forse si, anzi no!

05 Novembre 2012 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Una indagine commissionata da TechRepublic sulle intenzioni di passare a Windows 8 da parte delle aziende ha rilevato che il 74% non ha per il momento alcun piano di migrazione. A frenare l'adozione immediata è la nuova interfaccia utente centrata sulla tattilità (touch-centric).

Benchè Windows 8 sia stato ufficialmente rilasciato in ottobre non significa che sia pronto per un rapido utilizzo nelle aziende. A determinare ritardi e decisioni su una migrazione dalle piattaforme Windows in uso alla nuova sono fattori dversi ma soprattutto la nuova interfaccia utente di tipo touch.

I pareri sulla bontà del nuovo sistema operativo di Microsoft continuano ad essere controversi. Viene riconosciuta la velocità nella fase di attivazione del sistema così come la rapidità nella creazione di una immagine del PC e vengono riconosciute le molte opportunità offerte dalla nuova interfaccia utente Metro. Viene però sottolineata la mancanza di molte soluzioni e funzionalità pratiche e utili alla operatività quotidiana delle aziende.

A frenare la migrazione a Windows 8 non c'è solo l'interfaccia Metro. Molte aziende non hanno ancora completato la migrazione da Windows XP a Windows 7 e non vedono alcun motivo valido per procedere ad una nuova migrazione che potrebbe rivelarsi per di più onerosa e piena di punti interrogativi, anche a causa della nuova interfaccia utente.

CONSIGLIATO PER TE:

Internet e cosa è diventato

Sulla stessa lunghezza d'onda sembra trovarsi anche qualche analista di Gartner Group che ritiene sia meglio lasciar passare un pò di tempo dal rilascio ufficiale e verificare nel frattempo che diventi una pèiattaforma affidabile e completa. Il tempo che Gartner suggerise è di 18 mesi. Le realtà candidate ad una migrazione più rapida sono quelle nelle quali il tablet è in dotazione di almeno il 50% della forza lavoro. Le aziende con una netta prevalenza di personal computer potrebbero introdurre Windows 8 sui tablet in dotazione ma anche questa scelta dovrebbe essere vincolata al successo dei tablet con Windows 8 nel mercato consumer.

A rinviare l'adozione di Windows 8 potrebbero essere anche le aziende che hanno da poco terminato la migrazione a Windows 7. Se non hanno la necessità di passare ad una interfaccia tattile, le buone prestazioni delle applicazioni su Windows 7 potrebbero suggerire un rinvio a quello che potrebbe essere la versione aggiornata di Windows 8, la probabile versione Windows 9.

Rinviare la migrazione serve anche a verificare quanto il nuovo sistema operativo di Microsoft sia supportato a livello di manutenzione, aggiornamenti e servizi. L'esperienza fatta da molte aziende con le politiche di Microsoft nel supporto delle versioni di sistema operativo in circolazione, suggeriscono infatti maggiore cautela e un recupero di fiducia nei confronti dell'azienda di Seattle. Molte migrazioni da XP a Windows 7 sono state fatte non per esigenze di migliori prestazioni e maggiori funzionalità, ma semplicemente perchè Microsoft ha deciso di interrompere il necessario supporto comunicando scadenze precise.

Indagine TechRepublic

Secondo Microsoft Windows 8 non è una semplice evoluzione della piattaforma Windows ma un salto generazionale che non era mai stato tentato dall'arrivo sul mercato di Windows 95. Un salto che dovrebbe vedere il sistema operativo di Microsoft interessare non soltanto la piattaforma PC ma anche i tablet e i dispositivi mobili di nuova generazione.

Una indagine di TechRepublic sembra però rilevare una realtà diversa nella percezione delle aziende. Microsoft non sembra essere riuscita a convincere molti CIO e responsabili IT che Windows 8 sia un aggiornamento essenziale e urgente da applicare.

L'indagine ha coinvolto 1200 persone e le informazioni raccolte sono servite a produrre un rapporto sulle intenzioni di adozione di qindows 8 ( Windows 8 Business Intentions ).

I dati principali emersi dall'indagine e analizzabili nella loro interezza sulla pagina online del sito TechRepublic sono i seguenti:

  • il 73,7% degli interpellati hanno dichiarato che le loro aziende non hanno alcun piano per una adozione di Windows 8 in tempi brevi
  • Il 23,8% dichiara che le loro aziende salteranno l'aggironamento a Windows 8
  • sono solo il 15,8% le aziende che, avendo ancora una infrastruttura basata su Windows XP, intendono passare a Windows 8
  • tra i fattori ritenuti più critici in una eventuale migrazione a Windows 8 ci sono la sicurezza e l'ntegrazione tra ambienti desktop e mobile
  • a fremare maggiormente la migrazione è la nuoba interfaccia utente e la necessità di mettere in cantiere programmi sostanziali di formazione dell'utenza aziendale

Per chi volesse leggere nel dettaglio i risulatti dell'indagine può scaricare il rapporto do TechRepublic:

Windows 8 Business Intentions: Deployment Plans, Driving Factors, Roadblocks, and Strategies i

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


DidApp

App didattiche per la prevenzione dei disturbi dell'apprendimento

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo

FW LAB AC

Sviluppatore Italiano specializzato nello sviluppo di software per dispositivi...

Vai al profilo