Ambiti di applicazione e Strategie /

Impresa Mobile, sviluppo di APP e sviluppatori

Impresa Mobile, sviluppo di APP e sviluppatori

06 Febbraio 2012 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Dopo l'economia liquida, siamo giunti alla economia e all'impresa mobile? Questo sembrano indicare mille fenomeni emergenti che toccano i comportamenti delle singole persone ( personali, professionali e aziendali ), gli investimenti e le strategie delle aziende e il consumo di tecnologia e di informazioni digitali. Analizziamo il mondo degli sviluppatori!

L'impresa mobile obbliga i produttori di gadget e tecnologie così come i creatori di software a ripensare le loro strategie e investimenti. L'uso di dispositivi mobili ha subito una forte accelerazione dopo l'introduzione dei nuovi tablet e grazie allo sviluppo imponente di nuove APP e di nuovi modelli di business.

Se i produttori come Apple, Google, Microsoft sono impegnati in una lotta costante per conquistare il 'mindset' degli sviluppatori sul terreno delle tecnologie Mobile, questi ultimi sono obbligati a scelte radicali e forse dolorose sulla base di informazioni non sempre accurate e puntuali.

Le scelte ad oggi sembrano essere limitate a pochi ecosistemi. I sistemi operativi iOS e Android continuano a dominare le scelte degli sviluppatori, il primo con il 59% di share, il secondo con il 67%. Windows non è ancora terzo nelle preferenze ma si predispone a diventarlo. Molti sviluppatori hanno già abbandonato Windows Phone perchè non vi hanno intravisto alcuna reale potenzialità commerciale nonostante l'accordo di Microsoft con Nokia. Tuttavia lo scenario potrebbe cambiare rapidamente con il rilascio di Windows 8, previsto per fine anno.

Superiori agli abbandoni di Windows Phone sono nel frattempo quelli di Symbian e Java ME, che hanno raggiunto il 40% degli utilizzatori del primo e il 35% del secondo.

La fluidità e mobilità di molti sviluppatori indica l'emergere di un nuovo fenomeno, fatto da molta sperimentazione in ambiti multipiattaforma e in attesa di una transizione definitiva verso nuovi porti sicuri per l'nvestimento e tranquilli per il lavoro da svolgere. Attualmente la maggior parte degli sviluppatori coltiva e mantiene conoscenze su almeno 3 piattaforme diverse.

La criticità maggiore per chi sviluppa applicazioni mobile sta nella capacità di raggiungere un pubblico numeroso e pagante e di costruire market share. Il guadagno deriva sia dal numero di download a pagamento ma anche dalla capacità di ridurre al minimo i costi per lo sviluppo, per la realizzazione rapida di prototipi e per gli aggiornamenti successivi. Le molte indagini fatte sulla realtà degli sviluppatori di applicazioni Mobile mostra come non tutti stiano guadagnando e come un terzo di loro non guadagnino in totale più di 1000 dollari per applicazione. Un valore che si trasforma in perdita considerando il costo standard da affrontare per lo sviluppo di una applicazione.

La principale fonte di reddito per il 50% degli sviluppatori sono comunque le aziende che erogano loro uno stipendio o pagano delle commissioni legate ad ogni singola applicazione sviluppata. Ma non tutte le piattaforme sono uguali in termini di potenzialità di guadagno. Al primo posto per potenzialità si posiziona il sistema operativo iOS di Apple seguito da Symbian, Java ME, BlackBerry, Android e mobile web.

Il contesto nel quale gli sviluppatori si trovano oggi ad operare è quello degli store che hanno radicalmente cambiato il panorama e il mercato delle applicazioni mobile. Gli store sono oggi il canale principale per la distribuzione di applicazioni su ognuna delle otto piattaforme disponibili. Tutti gli altri canali di distribuzione sono andati declinando fino quasi a scomparire e anche i portali degli operatori, che fungevano da collettori e distributori per le APP, sono oggi insignificanti rispetto agli store dei produttori. La ragione del successo degli store è la loro capacità di raggiungere il pubblico vasto dei consumatori per essere percepiti come il canale distribuzione principale, se non unico, del mondo Mobile. Grazie agli store di Google, Apple, BlackBerry gli sviluppatori riescono a proporre e a vendere le loro APP ad un pubblico più ampio ed a sfruttare il potente fenomeno sociale della rete dei social network e del passaparola. Dal punto di vista operativo gli sviluppatori che operano in ecosistemi applicativi diversi devono far fronte a modelli e procedure di registrazione, sottomissione e approvazione delle APP diverse così come accettare modelli di pagamento e tassazione tra loro differenti. Le incombenze amministrative e procedurali non sono marginali nell'economia dello sviluppo e pubblicazione delle APP, soprattutto se lo sviluppatore opera su più store contemporaneamente.

Nonostante il successo dei nuovi dispositivi mobili e delle APP, sono ancora pochi i produttori capaci di attrarre gli sviluppatori. Molti sviluppatori sono semplici hobbisti e/o studenti alle prime armi con la programmazione, ma molti sono anche gli sviluppatori che lavorano per agenzie digitali, per system integrator, per aziende che operano nel mercato B2B e B2C.  La sola piattaforma che per il momento unifica gli uni e gli altri, internazionalmente, è Android. Su tutte le altre piattaforme esiste tuttora una distanza notevole tra domanda elevata e offerta scarsa.

 

A rendere complicato lo scenario presente c'è anche la complessità dello sviluppo e l'onerosità della curva di apprendimento legata al numero di linguaggi e di framework applicativi da apprendere e al numero di piattaforme target disponibili e scelte dagli utenti. La piattaforma Android è meno frammentata e meno complessa di altre e soprattutto non obbliga al rilascio continuo di nuover versioni. Un altro problema costoso è la localizzazione, critico per ogni APP che vuole conquistare un pubblico internazionale e che deve superare i vincoli linguistici nazionali.

Sul fronte dello sviluppo è interessante l'uso che gli sviluppatori fanno di API Cloud per esprimere la loro creatività in ambito di connettività in cloud computing, di codice multi-screen per adattare la stessa applicazione a schermi dalle dimensioni e caratteristiche diverse,

Una grande opportunità futura di guadagno per tutti gli sviluppatori di APP consisterà nel produrre APP aziendali finalizzate a promuovere l'identità e il valore della marca e dei marchi aziendali. Le APP sono ormai diventate un requisito fondamentale che non può mancare dal piano di comunicazione aziendale e si va ad affinacare, o a sostituire, molti siti vetrina fin qui realizzati.

Le aziende che oggi decidono di investire su una APP per promuovere un marchio sono comunque alla ricerca di nuovi modelli di business capaci di generare nuovo business a partire dalle applicazioni Mobile. Le APP Mobile con la loro componente sociale permettono oggi di raggiungere un pubblico molto vasto in tempi molto brevi.

Le organizzazioni che sviluppano applicazioni B2C ( business to consumer ) solitamente estendono la loro proposta mobile prima su piattaforme Apple, poi Android, e a seguire mobile web, BlackBerry e Windows Phone 7. Quelle che invece sviluppano applicazioni B2B ( business to business ) per aziende preferiscono puntare su piattaforma HTML.

I dati sintetizzati in quetso testo sono stati tratti da una indagine di VisonMobile.

Disponibile online un PDF con il report completo.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


ePERFECTMAGAZINE

eMAGAZINE - " cose che non leggi altrove" il FREE magazine che ti racconta di arte, moda...

Vai al profilo

Albegor.com

Professionista con lunga esperienza nel settore mobile, fin dalla comparsa sul mercato...

Vai al profilo

Cosmobile Srl

Sviluppiamo applicazioni native per dispositivi mobili, in particolare smartphone e...

Vai al profilo

SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo