Bring-Your-Own-Behaviour

08 Maggio 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Con l’emergere delle tecnologie mobili, nelle scuole e nelle università sta cambiando anche l’approccio degli studenti nei confronti dello studio e, di conseguenza, gli istituti educativi sono obbligati ad allinearsi alle nuove forme di apprendimento.

I centri di istruzione, specialmente le università,  devono quindi chiedersi se le loro architetture siano sufficientemente agili in termini di prestazioni e connettività, per poter supportare i nuovi approcci educativi, in modo che la rete abbia un ruolo da protagonista, facilitando e rendendo sicuri i nuovi metodi di insegnamento. Si parla al riguardo di “Bring Your Own Behaviour”: non si tratta solo del fatto che ogni studente usi il proprio dispositivo, ma che possa sfruttare le proprie abitudini nell’uso della tecnologia.

Su questop tema ospitiamo un contributo di Emanuel Monticelli, System Engineer North Italy di Extreme Networks

Il modello di istruzione è oggi in continua evoluzione, ed emergono modalità di insegnamento a distanza, basate sull’uso intensivo delle nuove tecnologie. Gli istituti stanno potenziando questi modelli, visti come una possibilità di incrementare il numero degli studenti iscritti, senza il bisogno di ampliare le proprie infrastrutture fisiche e i relativi costi. Ad esempio in Italia, vi sono già molte università tradizionali che stanno offrendo la possibilità agli studenti di laurearsi on line.

Allo stesso tempo le nuove tecnologie stanno cambiando anche la modalità di insegnamento in aula, basandola su una forma più collaborativa e partecipativa, modello che indubbiamente  promuove l’impiego delle tecnologie mobili tra gli studenti. Secondo le previsioni di Gartner, il traffico di dati sui dispositivi mobili negli istituti aumenterà del 59% nel 2015, dimostrando la crescente importanza della mobility in questo settore.

 

BYOB: “Bring Your Own Behaviour”

Le nuove forme di apprendimento e insegnamento basate sulle nuove tecnologie hanno favorito ancora di più la diffusione del fenomeno “BYOD”- Bring Your Own Device. Gli studenti chiedono di accedere alle informazioni come e quando lo desiderano, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, e impiegando la tecnologia con la quale hanno già familiarità. In altre parole, è lo studente che crea il proprio ambiente di apprendimento, e necessita che l’istituto adatti le piattaforme a questo ambiente.

Uno dei nuovi modelli di insegnamento basato sulle nuove tecnologie è stato chiamato “flipped learning” o insegnamento capovolto. A differenza del modello tradizionale, che consiste nell’insegnare in aula le conoscenze teoriche e lasciare la pratica come lavoro individuale, nel nuovo modello avviene il contrario. Si guida lo studente ad acquisire in autonomia i contenuti teorici, per poi metterli in pratica in aula, collaborando in gruppo.

CONSIGLIATO PER TE:

Internet e cosa è diventato

Uno dei vantaggi delle nuove modalità di insegnamento consiste in una scalabilità elevata. Una volta che i contenuti educativi sono sviluppati e messi a disposizione via Internet, è possibile un accesso massivo, da parte di migliaia di studenti. In questo modo si sviluppano sistemi di insegnamento di massa, denominati MOOC (Massive Open Online Course) e SPOC (Small Private Online Course).

Finora sono stati soprattutto gi smartphone e i tablet i dispositivi mobili più utilizzati dagli studenti. Tuttavia l’università non deve perdere di vista le novità tecnologiche in arrivo, che potranno essere integrate nell’ambiente: smartwatch, dispositivi di monitoraggio della salute come Fitbits e auricolari per realtà virtuali. Questi dispositivi si collegano alla rete e danno vita alla tendenza denominata IoT (Internet delle Cose).

 

Fino ad ora la maggior parte degli istituti educativi sta usufruendo degli investimenti tecnologici effettuati 30 anni fa, e ci si è limitati a rinnovare le proprie infrastrutture dove necessario, mantenendo tuttavia gli stessi principi di progettazione delle architetture tradizionali. Ma questo approccio non è più valido. Oggi i principi che regolano la progettazione sono l’ubiquità di accesso e l’esperienza dell’utente: lo studente desidera accedere alle risorse di apprendimento da qualunque luogo e in qualunque momento, e ciò che importa è ottenere un’esperienza soddisfacente, indipendentemente dal fatto che l’applicazione sia ospitata su un server universitario, in un data center o su cloud.

In quest’ottica, avverte Monticelli, gli istituti devono rivedere le proprie infrastrutture IT, per capire come supportare le nuove tendenze di BYOB, oggi e in futuro, assicurando che abbiano una sufficiente larghezza di banda e scalabilità, crescendo a seconda del numero di utenti.

 

WiFi, tecnologia essenziale negli istituti educativi

La tecnologia WiFi è la soluzione ideale per fornire connettività ad un campus, grazie a flessibilità, scalabilità e bassi costi di installazione (in confronto alla soluzione cablata). Inoltre, gli studenti impiegano sempre più i dispositivi mobili come appunto smartphone o tablet, che non prevedeono la porta Ethernet. Poichè l’università -o l’istituto scolastico- costituiscono un ambiente esigente, non è sufficiente una qualsiasi soluzione WiFi. Per le sue esigenze di disponibilità, affidabilità, copertura, sicurezza e gestione, questo ambiente richiede una soluzione di rete di tipo aziendale, che assicuri prestazioni e capacità per supportare servizi virtualizzati e/o basati su cloud, includendo video on demand, applicazioni e-learning e altre risorse che impongono un’adeguata larghezza di banda.

Dall’altro lato, si tratta di ambienti ad alta densità di dispositivi, e quindi la soluzione WiFi deve poter gestire centinaia di richieste simultanee, evitando che la rete collassi.  Questo va ben oltre la semplice fornitura di accesso alla rete, si tratta infatti di fornire a ciascun utente un’esperienza soddisfacente di e-learning.

Infine, analizzando il tema della sicurezza della rete WiFi occorre evidenziare che parliamo di una tecnologia di accesso condiviso alla rete, e dunque per pianificare la sicurezza della rete si deve controllare sia l’identità dell’utente sia l’ubicazione di ogni dispositivo. Se si dispone anche di informazioni riguardo l’utilizzo delle applicazioni, in quale momento e da dove si sta utilizzando una determinata applicazione, si incrementerebbe significativamente la sicurezza di tutta l’infrastruttura IT.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Move On

Film al cinema è un applicazione sviluppata da Move On (www.moveon.it) azienda...

Vai al profilo

Appspa - Sviluppo App Personalizzate

Sviluppiamo l'app personalizzata per il tuo business! L'app che realizzeremo per te ti...

Vai al profilo

Arsenal S.R.L.

Simulatori e visual simulation immersiva ad elevata interattivita' - con software di...

Vai al profilo

Cidroid

Cidroid nasce inizialmente come divisione di Nexus s.r.l., un’azienda che opera dai...

Vai al profilo