Ambiti di applicazione e Strategie /

La relazione con il cliente alla ricerca di credibilità

La relazione con il cliente alla ricerca di credibilità

20 Ottobre 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Molte aziende si sono dotate negli anni di strategie e strumenti per la gestione della relazione con il cliente/consumatore. Nel frattempo il cliente è radicalmente cambiato così come sono cambiate le relazioni che lo legano ad una Marca e ai suoi marchi. Il consumatore cliente ha assunto una nuova centralità nelle dinamiche e nei processi di acquisto e obbliga le aziende a ripensare anche le loro strategie di CRM.

Produttori, grandi marchi e aziende sono oggi obbligati a fare i conti persone, nella loro veste di consumatori e clienti, che vogliono essere protagoniste delle loro scelte di consumo manifestando il loro potere decisionale nei processi di acquisto. La semplice gestione della relazione non è più sufficiente, serve molto di più riuscire ad affiancare il cliente per vivere con lui le sue esperienze in ogni punto di contatto e di ingaggio con un marchio, un punto vendita o una Marca.

Per i responsabili del marketing questi cambiamenti sono una grande sfida e una altrettanto grande opportunità. Devono comunque rivedere quasi tutto e iniziare a usare risorse, strumenti ma soprattutto approcci e strategie più consone a facilitare la connessione perseverante con il cliente in modo da trarre vantaggio dalle potenzialità che derivano dal maggiore coinvolgimento e ascolto.

Il punto di partenza per una nuova strategia è la rinuncia a credere di essere in pieno controllo della relazione con il proprio cliente. Il cliente è sempre meno fedele e sempre più dinamico. Sempre alla ricerca di nuove forme di ingaggio e coinvolgimento, grazie ai mezzi tecnologici di cui dispone, passa da un canale digitale a un altro alla ricerca di nuove esperienze che lo facciano sentire vivo e attore protagonista attivo delle sue scelte.

L’interazione con un marchio o una marca è guidata dalla ricerca pragmatica e utilitaristica della convenienza, una ricerca che non viene fatta in luoghi esclusivi ma si applica a qualsiasi punto nel quale avviene il contatto con il Brand, sia esso il negosio online o il punto vendita del centro commerciale.

I confini tra marketing ed esperienze del cliente sono diventati labili permettendo una integrazione tra offerta e domanda maggiore a patto che si sappia comprendere la mentalità, i bisogni e il protagonismo delle nuove generazioni di consumatori.

I nuovi scenari all’orizzonte non sono solo ricchi di opportunità ma pongono anche nuove sfide alle aziende e alle Marche. Una prima sfida riguarda il ruolo del marketing e dei suoi operatori nella creazione delle esperienze del consumatore/cliente. La seconda è legata alla disponibilità e all’uso di dati e informazioni utili alla creazione di queste esperienze e per soddisfare le aspettative del cliente.

Il nuovo approccio deve tenere conto del ruolo che nelle esperienze del cliente assume la consistenza dei messaggi, delle strategie e dei contenuti. Ogni azione marketing e comunicazionale deve poter essere percepita come coerente su tutti i canali di interazione con il cliente, siano essi digitali o fisici. Ogni contesto deve presentare offerte e messaggi simili. Ad esempio se sul canale online è in atto una promozione di prodotto, questa deve esserlo anche nel punto vendita fisico. Se un cliente chiama un centro di assistenza, l’operatore deve avere visibilità su tutte le attività e sulla storia/esperienza delle interazioni con la Marca del chiamante, siano esse online o offline. Per praticare questo tipo di approccio serve una visione unificata e coerente del cliente in modo da poter soddisfare i suoi bisogni ma anche da poter offrire livelli di ingaggio diversificati e personalizzati.

Il consumatore/cliente non si aspetta di essere trattato come la massa e vuole che ogni interazione sia contestualizzata al tipo di canale e interazione scelto.

Per poter gestire e ottimizzare la relazione con il cliente è necessaria una maggiore collaborazione tra le funzioni e i dipartomenti marketing e tecnologici dell’azienda. La collaborazione serve per la raccolta costante di dati e la loro trasformazione analitica in informazioni e conoscenza. Queste informazioni servono per coltivare l’ingaggio con il cliente e il suo costante coinvolgimento.

La collaborazione con i dipartimenti tecnologici dell’azienda non è comunque sufficiente. I responsabili marketing devono poter disporre di strumenti e risorse utili alla creazione di esperienze utente contestualizzate e personalizzate. Questi strumenti possono essere nuovi o tradizionali ma devono essere integrati e gestiti con una nuova visione e mentalità che ridefinisca processi, piani marketing e attività. L’obiettivo è la consistenza del messaggio in ogni punto di contatto con il cliente ma soprattutto la possibilità e la capacità di presenziare ogni canale di interazione, di ascoltare e comprendere cosa passa nella testa del consumatore e quali siano i comportamenti emergenti e di ingaggiarlo sfruttando al meglio le nuove tecnologie e nuovi approcci marketing.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Padiglio

Padiglio è una rivoluzionaria custodia per iPad, e tablet in generale, che consente a...

Vai al profilo

Stefano Galizia

Sviluppatore iPhone ed Android

Vai al profilo

Raffaele Gentiluomo

Computer Grafica

Vai al profilo

Nex Mobile Apps

Vai al profilo