Ambiti di applicazione e Strategie /

L'esperienza del cliente e le strategie aziendali

L'esperienza del cliente e le strategie aziendali

06 Aprile 2017 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Sulla Customer Experience molte aziende e grandi Marche hanno costruito il loro successo e immagine. Applicare una strategia focalizzata al cliente e alla sua esperienza relazionale con una Marca e i suoi marchi significa investire sul life time value del cliente e su una relazione di lunga durata. L'era digitale sta obbligando le aziende a ripensare le loro strategie focalizzate al cliente e a ripensare le customer experience a esso proposte.

Il ripensamento necessario non è tanto legato ai modelli di business da rivedere e/o ottimizzare ma dall'urgenza di affrontare nuove forme di concorrenza esercitate da startup e aziende capaci di penetrare rapidamente e in modo dirompente sia mercati vergini sia mercati consolidati grazie ad approcci innovativi caratterizzati da grande semplicità di customer experience, di molta interattività e forte personalizzazione.

Alla base di molte strategie e iniziative delle startup o aziende dell'era digitale c'è la grande disponibilità di dati e informazioni, la dotazione e l'abilità di usare potenti strumenti di analisi dei comportamenti, degli stili di vita, dei processi di acquisto e delle esperienze del consumatore/cliente. Le strategie delle aziende digitali non sono facilmente adottabili e perseguibili da aziende tradizionali, abituate da sempre a presidiare e a operare sui vari punti di contatto con il cliente ma secondo approcci tradizionali, incapaci di cogliere nella sua essenza e realtà la vera esperienza di acquisto del consumatore/cliente. La difficoltà nasce spesso dall'assenza di sistemi informatici adeguati alla raccolta, gestione e analisi di grandi quantità di dati e a una migliore integrazione tra i punti di contatto esterni e i canali di interazione con la clientela e i sistemi di back-office e relativi processi.

Focalizzarsi sulla customer experience significa spesso ottenere migliori risultati in termini di customer retention, di fedeltà del cliente e della sua fidelizzazione. Vale per le aziende che operano sul mercato consumer così come quelle B2B.

L'importanza di una focalizzazione sulla Customer Experience è evidenziata da numerose indagini di mercato come quelle di McKinsey che hanno sondato le motivazioni di acquisto e le ragioni che spiegano la soddisfazione e la fedeltà della clientela. Queste motivazioni sono, quasi sempre, collegabili alla qualità dell'esperienza di acquisto e dall'ottenere nei vari canali di interazione utilizzati o punti di contatto sperimentati. Le aziende con i clienti più soddisfatti sono in genere quelle che non si sono limitate a rendere più efficienti i processi interni ma, grazie ai dati e alle informazioni raccolte su ogni singolo cliente o consumatore, sono state capaci di trasformare ogni esperienza di acquisto in un viaggio empatico, piacevole, ricco di valore e da ripetere.

Costruire esperienze di acquisto che funzionano non è semplice e obbliga a ripensare molti elementi che compongono la proposizione marketing e commerciale, a partire dal prezzo, dal servizio, dall'immagine della Marca o del marchio, dalla qualità del prodotto ma anche dalla capacità di semplificare l'esperienza di acquisto stessa e di risolvere problemi generando soddisfazione e coinvolgimento.

La customer experience è sempre stata importante. Oggi lo è ancora di più perchè le tecnologie digitali hanno cambiato tutto, compresa la relazione che intercorre tra una Marca e i consumatori, tra un'azienda e la sua clientela ma anche partner e stakeholder (soggetti direttamente o indirettamente coinvolti in un progetto o nell'attività di un'azienda). Grazie alla digitalizzazione le aziende e le Marche hanno maggiori opportunità di intervenire nell'esperienza di acquisto fluidificandola e risolvendo problemi che potrebbero inficiarne l'efficacia e la soddisfazione. Riuscire a farlo non è complicato a patto che si operi fin dall'inizio coinvolgendo in ogni prodotto, progetto o iniziativa il cliente o consumatore stesso. Il coinvolgimento è lo strumento e l'approccio ideale per osservare e analizzare reazioni, comportamenti, bisogni, impliciti e espliciti, percezioni e sentimenti che si manifestano in ognuna delle fasi (momenti di verità) della interazione ed esperienza di acquisto.

Raccolti i dati e attivati tutti gli strumenti digitali utili alla loro analisi è possibile intervenire anche sui sistemi di back-ofice per definire processi e procedure in grado di creare valore sull'intera catena (filiera) relazionale e generare risultati di business. Disporre delle informazioni giuste permette ad esempio di passare da una visione interna di cosa vuole il cliente a una comprensione approfondita di cosa esso realmente vuole per poi esplorare le sue reazioni a fronte di nuove iniziative o proposizioni.

Quanto serve per dare forma a strategie focalizzate sul cliente è oggi disponibile a tutte le aziende, siano esse piccole, medie o grandi. Tutte sono chiamate a gestire la digitalizzazione dei loro processi e strategie, a dotarsi di strumenti analitici potenti comprensivi di quelli predittivi (Data Mining), a automatizzare in modo intelligente i processi aziendali e a scegliere con attenzione i partner con cui collaborare nella filiera operativa, distributiva e commerciale, il tutto in modo agile e improntato alla capacità di miglioramenti costanti.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

Simplicissimus Book Farm srl

Simplicissimus Book Farm nasce nel giugno 2006, alla fine di una vera e propria indagine...

Vai al profilo

Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo