Lo chiamavano tablet

15 Marzo 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Tablet, tablet mini, phablet, phonetbalet. Molte denominazioni e una nomenclatura per rappresentare il trend del momento. Inarrestabile e capace di mettere al tappeto il personal computer e i produttori che su di esso hanno costruito la propria fortuna.

A registrare trimestre dopo trimestre i dati di mercato ci pensano gli analisti come Forrester, IDc e Gartner. I dati parlano da soli, il mercato del personal computer ha perso un ulteriore 4.9% nel quarto trimestre 2012 (dati Gartner), Intel deve rivedere strategie e modelli di business e ripensare le sue mother borad, i produttori di PC devo optare per nuove scelte strategiche e farlo con strategie miste per non mettere a rischio il business PC ancora esistente.

Il fenomeno più importante e che sta determinando il crescente abbandono del PC è la pratica del BYOD. Sparite le barriere aziendali che vi si opponevano, la consumerizzazione dell’IT sta facendo emergere nuovi bisogni e nuovi comportamenti che portano verso la scelta di dispsoitivi tablet piuttosto che verso quelli PC.

Questa tendenza è un segnale forte inviato ai numerosi responsabili IT cresciuti in ambienti tipicamente Wintel che devono ora confrontarsi con nuove tecnologie ma soprattutto con nuovi bisogni in termini di servizi all’utente interno e attività gestionali e amministrative. Il tablet da solo non garantisce prestazioni maggiori di quelle di un PC. Il dipartimento IT deve intervenire per trasformare i  nuovi dispositivi in strumenti di produttività fornendo nuove applicazioni, intergrandoli nella infrastruttura e nell’ambiente applicativo esistente e offrendo elevate garanzia di protezione, difesa e sicurezza.

 

Fonte: storageeffect.media.seagate.com

La sicurezza è forse l’elemento di maggiore criticità ma non è il solo a dover essere affrontato. Più  importante ancora , da un punto di vista della produttività ed efficienza aziendali, è fornire all’utente strumenti adeguati a poter accedere e utilizzare contenuti, dati e applicazioni aziendali in libertà e mobilità con tutte le funzionalità a disposizione per modificare, condividere, fare commenti, annotare, comunicare, interagire ecc.  Inoltre fondamentale è poter offrire la componente sociale applicativa che oggi caratterizza molte delle applicazioni online e alla quale gli utenti non possono possono più rinunciare.

In conclusione, con quasi 800 milioni di tablet in circolazione e un trend che indica questo numero in costante aumento e con un mercato PC in costante calo, spetta ai dipartimenti IT delle aziende decidere nuove strategie e in quale direzione muoversi. Tutte le direzioni vanno comunque verso la soddisfazione di nuovi bisogni primari quali la mobilità, l’accessibilità alle risorse aziendali, la produttività, la socialità e la sicurezza.

Il tutto con l’utente consumatore sempre più protagonista delle sue scelte (BYOD) e capace di condizionare quelle IT aziendali (consumerizzazione).

 

Fonte: vator.tv

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


foolix

Foolix è una società di consulenza e sviluppo software specializzata nello sviluppo...

Vai al profilo

Sanmarco Informatica

Conoscenza, consapevolezza, spirito di gruppo, sono le parole che riassumono il nostro...

Vai al profilo

EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo

Mavigex s.r.l.

Mavigex è una azienda nata come spin-off accademico e come tale incorpora i valori della...

Vai al profilo