Ambiti di applicazione e Strategie /

Mobilità aziendale ed evoluzioni possibili

Mobilità aziendale ed evoluzioni possibili

18 Aprile 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Le aziende sono da tempo alla ricerca di strategie di mobilità aziendale adattabili alle nuove tecnologie e alla consumerizzazione dell’IT. Le evoluzioni future possibili possono avere percorsi diversi ma secondo gli analisti sono riassumibili in quattro tendenze.

Ad identificare e raccontare le possibili tendenze evolutive del Mobile in azienda e nel mercato consumer sono analisti come Forrester Research che da tempo stanno cercando di fotografare le nuove situazioni tecnologiche ed architetturali che si sono venute affermando in termini di mobilità (APP e dispositivi), di CLOUD (servizi e infrastrutture), di social, di sicurezza e connettività, di integrazione, ecc.

CONSIGLIATO PER TE:

Internet e cosa è diventato

Su queste nuove situazioni pesano in modo determinante i fenomeni della consumerizzazione e delle pratiche BYOD ( presente nel 70% delle aziende) che stanno evidenziando un ruolo diverso e rilevante delle persone, nella loro veste di consumatori e dipendenti di una azienda, nelle scelte e decisioni relative alla tecnologia e alla infrastruttura IT da implementare in azienda.

La prima evoluzione possibile è verso una progressiva pervasività generalizzata di dispositivi personali ( nelle aziende americane il 39% dei dispositivi rispetto al 47% di proprietà aziendale) all’interno dell’azienda attraverso pratiche di BYOD. Più che reagire al fenomeno, secondo Forrester Research, le aziende devono agire definendo strategie capaci di trarre benefici e vantaggi in termini di produttività ed efficienza dei processi organizzativi e operazionali.

La  pervasività dei nuovi dispositivi di personal computing mobile obbligano a nuovi investimenti in infrastrutture wireless, servizi e misure di sicurezza mobile per facilitare e garantire l’accesso remoto ai contenuti e dati che stanno al di là dei firewall aziendali. Al tempo stesso sarà necessario ripensare le architetture delle applicazioni introducendo anche applicazioni agnostiche in termini di piattaforma di tipo SaaS. Un approccio SaaS introdurrà nuove forme di acquisizione delle  applicazioni  necessarie e il passaggio da soluzioni con architetture client-server a cloud e orientate al servizio. Infine sarà necessario ridurre i budget di spesa per servizi di comunicazione legati ad infrastrutture  fisse e aumentare quelli per servizi e infrastrutture wireless.

 

Fonte: www.opendoor.ca

La seconda evoluzione prevista da Forrester vede l’affermarsi di forme di virtualizzazione On-Demand Mobile che andranno a sostituirsi a soluzioni di MDM.  Il ricorso a soluzioni di MDM si è reso necessario per il diffondersi delle pratiche BYOD. Si tratta di soluzioni in genere complesse e costose e non applicabili da parte di tutte le aziende. In alternativa si sono implementate soluzioni alternative finalizzate ad isolare le applicazioni e i dati personali da quelli azinedali. Una di queste soluzioni alternative prevede la virtualizzazione dei dispositivi. Si tratta di soluzioni che dovranno scontrarsi, a livello utente, con la scarsa attrattività delle user experience che offrono rispetto a quelle sperimentabili direttamente con il proprio dispositivo.  Le soluzioni per la virtualizzazione di dispositivi mobili si sono notevolmente evolute  ( ad es. Enterproid e MobileSpaces) in termini di controllo sulle applicazioni e conformità alle policy aziendali senza interferenze eccessive sulle interfacce utente e le loro esperienze nell’interagire con le applicazioni. Secondo Forrester a rendere l’evoluzione verso la virtualizzazione più attrattiva saranno le soluzioni capaci di permettere la gestione dei flussi processuali delle applicazioni in modo conforme alle policy aziendali.

La terza evoluzione prevista da Forrester è verso un uso generalizzato di applicazioni sviluppate in HTML5 che andrebbero a sostituire quelle native. La scelta di HTML5 sarà guidata dai costi inferiori, dalla maggiore facilità di sviluppo e dalla maggiore connettività.  La scelta di HTML5 sposterà le applicazioni dal dispositivo alla nuvola portando al superamento delle architetture client-server verso soluzioni SaaS. Se così fosse il browser diventerebbe l’applicazione più importante e la via di accesso alle applicazioni e alle informazioni.

Infine l’ultima evoluzione possibile prevista dalle analisi di Forrester Research prevede l’affermarsi di servizi personalizzati e legati all’identità dell’utilizzatore del dispositivo e sensibili alle problematiche della privacy. Si tratta di una evoluzione che si renderà necessaria da un lato dalla necessità di conformarsi alle nuove regolamentazioni in arrivo ma anche dalla maggiore consapevolezza degli utenti rispetto al problema della privacy nell’uso di dispsoitivi mobili e di dati sul cloud. I servizi di questo tipo introdurranno soluzioni di analytics e nuovi modelli di business.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MNM dev

Vai al profilo

Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo

mareatek

Vai al profilo