Ambiti di applicazione e Strategie /

Più che il device potè l’ecosistema!

Più che il device potè l’ecosistema!

16 Gennaio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La qualità dei dispositivi mobili in circolazione e le loro caratteristiche tecniche, più o meno simili, non aiutano la scelta del consumatore. Eppure la scelta dovrebbe essere semplice e legata esclusivamente all’ecosistema all’interno del quale il dispositivo si trova. Prima di acquistare un iPad, un Kindle, un Nexus o un Surface bisognerebbe conoscere, comprendere e valutare cosa è disponibile su ogni piattaforma.

I nuovi dispositivi sono diventati più versatili e potenti ma  non hanno cambiato i nostri processi decisionali di acquisto anche se la scelta è sempre meno orientata all’hardware e  sempre di più al software e ai servizi. La fisicità del dispositivo (iPad, Lumia, Galaxy S) è sempre più condizionata nella forma e nella sostanza dal contesto in cui si colloca, dal suo ecosistema.

Ogni singolo ambito tecnologico ne possiede uno e tutti i protagonisti che lo animano agiscono per favorire e semplificare l’accesso all’ecosistema e per occupare il tempo di chi lo abita con nuovi servizi e attività. E’ in questa direzione che operano alcuni protagonisti del mercato della tecnologia come Apple, Amazon, Microsoft, Facebook, Google e Sony ma anche realtà più piccole come Evernote, Dropbox, Spotify, Zynga e altre.

Come sottolinea Gartner Group, il fenomeno del tablet e del mercato delle nuove tecnologie indica che siamo di fronte ad una rivoluzione nella quale si sta rompendo il legame tra prodotto e applicazioni. Il tablet così come ogni altro dispositivo di personal computing assume una rilevanza non per sé stesso ma per l’ecosistema di cui fa parte.

Un ecosistema è un sistema complesso composto da organismi viventi che condividono un habitat comune fatto da componenti biotici e abiotici. I componenti biotici si distinguono in produttori e consumatori ma ogni ecosistema ha in sé anche elementi biotici che agiscono da organismi decompositori……

Gli ecosistemi oggi emergenti sul mercato sono essenzialmente quattro: iOS con iTunes, Kindle di Amazon, Google Play e Microsoft. Non sono tra loro  completamente alternativi ed anzi su alcuni dispositivi possono anche convivere e integrarsi. Su alcuni dispositivi è possibile averne due o anche più, su un personal computer è possibile averli tutti.

L’ecosistema di Amazon è costruito intorno alla piattaforma per la lettura digitale Kindle e propone applicazioni, giochi, musica, video e film. Spspettacoli e prodotti televisi, ebook e audio-libri. Il Kindle è una piattaforma disponibile anche per l’iPad (in modo parziale), per il Nexus di Google e altri dispositivi Android e per Windows. Fanno parte dell’ecosistema un player MP3, una proposta di servizi storage in Cloud, e un jukebox player  denominato Cloud Player. Molti servizi sono disponibili anche per piattaforme non Kindle.

L’ecosistema di Apple è organizzato ed evolve intorno ad iTunes che è disponibile su piattaforme iOS di Apple e Windows d Microsoft. Fanno parte dell’ecosistema applicazioni, giochi, musica, video e film,  prodotti TV, ebook, podcast e strumenti educainali ( iTunes U). E’ l’ecosistema ad oggi più popoloso e popolato ma per trarne un vantaggio pieno bisogna accettare il vincolo richiesto da Apple che passa attraverso l’acquisto e l’utilizzo dei suoi costosi dispositivi, iPhone, iPad e iPod.

L’ecosistema di Google vede nella piattaforma Google Play lo strumento di crescita e appartenza. E’ una piattaforma disponibile su dispositivi Nexus di Google e, in modo parziale, su dispositivi Windows RT e Windows 8. Nato ed affermatosi in ritardo rispetto agli ecosistemi di Amazon ed Apple, è oggi in forte crescita ed offre una valida alternativa ad iTunes senza obbligare l’utente ad una scelta vincolante in termini di piattaforma per l’accesso selezionata. Offre applicazioni e giochi, musica, video e film, prodotti televisi ed ebook, il tutto unitamente ad una vasta gamma di servizi Google.

L’ecosistema di Micorosft si è consolidato nel tempo intorno alla piattaforma Xbox ma nasce da una evoluzione decennale che ha portato Microsoft ad essere protagonista incontrastata degli ecosistemi di lavoro e di produttività aziendale costruiti intorno al sistema operativo (client e server) Windows. E’ un ecosistema che oggi offre applicazioni e giochi su piattaforme sia desktop che mobili, musica, film e video e prodotti televisivi. L’ecosistema di Micorosft è disponibile su piattaforme Windows RT e Windows 8 ma anche Amazon/kindle, iPad e Nexus. La sua specificità sta nell’ampia offerta di applicazioni per la produttività personale. Non tutte queste applicazioni sono però disponibili anche in ambito mobile.

Andare oltre i dispositivi

Quando si parla di ecosistemi il riferimento va oltre i dispositivi tablet e smartphone per interessare ambiti e prodotti tecnologici diversi quali quelli della domotica, della casa intelligente, della comunicazione e della vita sociale. I nuovi ecosistemi evolvono in termini di tecnologie hardware ma principalmente grazie a nuova intelligenza e logica applicativa software. In ognuno degli ecosistemi emergenti un ruolo importante è giocato da uno o da pochi produttori ma alcuni produttori sono presenti in ecosistemi diversi. Ad avvantaggiarsi sono quei fornitori che, come Samsung, dispongono di una proposizione ampia composta da prodotti di elettronica di consumo e società specializzate capaci di integrare soluzioni e tecnologie diverse.

L’esistenza di ecosistemi diversi e competitivi complica la scelta dei consumatori e obbliga a valutazioni che vanno al di là della bontà del singolo dispositivo o alla ricchezza di ogni singolo ecosistema. Conta ad esempio la libertà e la facilità con cui si può abbandonare in modo economico un ecosistema per un altro, conta molto poter praticare e abitare ecosistemi diversi.

Alcune conclusioni

A tutt’oggi l’ecosistema più versatile  è ancora quello di Windows 8 (meno Windows RT). Permette di combinare insieme i vantaggi del personal computer e del dispositivo mobile nell’uso delle risorse Windows ma al tempo stesso di sfruttare risorse di altri ecosistemi come Kindle, iTunes e Google Play. Benché partito in ritardo lo store delle applicazioni Windows 8 sta crescendo rapidamente e farà crescere allo stesso modo l’ecosistema.

Probabile comunque che la scelta del consumatore si orienti sempre più in futuro verso una maggiore libertà e flessibilità. Una scelta che sposerà probabilmente strategie miste nelle quali possano convivere piattaforme ed ecosistemi diversi. Alcune scelte dipenderanno dal ruolo giocato nella vita personale e/o professionale dell’utente della piattaforma PC o tablet posseduta. Il PC potrebbe essere scelto da persone con vita prevalentmente sedentaria, il tablet e lo smartphone da persone in mobilità. Altre scelte dipenderanno invece dal tipo di consumo che delle risorse disponibili negli ecosistemi viene fatto.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


WARE'S ME srl

Nata nel 2010, WARE’S ME è una giovane società̀ di servizi, con base a Padova, attiva...

Vai al profilo

Creact

Creact si occupa dello sviluppo di soluzioni mobile, web e desktop. Creact dà vita a...

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo