Ambiti di applicazione e Strategie /

Pubblicità online e APPlicazioni Mobile

Pubblicità online e APPlicazioni Mobile

27 Gennaio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La pubblicità online tradizionale non funziona più, lo dicono le numerose fonti e oggi anche le numerose sperimentazioni alternative fatte con le APP Mobile. La pervasività dei dispositivi mobili sta cambiando molti scenari, compreso quello della pubblicità. Banner, pop-up, pubblicità in forma di narrazione di prodotto, ecc. non funzionano più. Oggi prevalgono messaggi promozionali nella forma di novelle, video-giochi, vignette, selfie e altre attività che offrono e favoriscono l’interazione con le narrazioni della Marca e dei suoi marchi.

Gli inserzionisti sono alla costante ricerca di nuove modalità per interagire e coinvolgere il target da loro selezionato e raggiunto attraverso uno smartphone o tablet. L’obiettivo è sempre lo stesso, rubare attenzione e tempo all’utente sempre più assediato dal sovraccarico informativo e impegnato a gestire quello cognitivo, coinvolgerlo con narrazioni interessanti e capaci di catturare la sua mente e guidarlo all’acquisto.

Gli investimenti pubblicitari si stanno spostando verso il Mobile e stanno crescendo rapidamente (100 miliardi previsti per il 2016) ma i banner tradizionali che hanno dominato il panorama della Rete negli ultimi due decenni non funzionano più, sia per l’attivazione del blocco pubblicitario tramite opportune applicazioni, sia per lo sguardo cieco dell’utente determinato da un cervello che non sembra più attratto da messaggi puramente promozionali.

La consapevolezza dei nuovi ostacoli suggerisce a inserzionisti a Marche una maggiore creatività e capacità di innovare. Lo strumento non è più necessariamente il Web. Sul Mobile la maggior parte del tempo è infatti consumato interagendo con APP, più o meno popolari, da Facebook a Instagram a Snapchat. Quest’ultima ad esempio, e non è la sola, ha deciso di sperimentare inserzioni pubblicitarie capaci di generare divertimento e ilarità o utili a soddisfare bisogni specifici. L’obiettivo finale è la condivisione dei messaggi all’interno delle reti dei contatti degli utenti. Una delle iniziative intraprese ha portato alla realizzazione di Lenti (Snapchat Lens) animate che l’utente può utilizzare per modificare le proprie foto o video. L’uso di Lens permette agli inserzionisti di sbizzarrirsi creativamente creando ambiti e opportunità di divertimento e intrattenimento e nel farlo di rendere più visibile e letto un messaggio promozionale, un marchio o una promozione. Twentieth Century Fox unitamente alla agenzia digitale Avatar Labs ha ad esempio usato Lens per creare un film con i Peanuts con elementi interattivi e di gioco per coinvolgere gli utenti e i conusmatori.

Come Snapchat, anche Zynga ha adottato approcci simili che hanno prodotto giochi digitali utilizzabili dagli inserzionisti per veicolare i loro messaggi. L’obiettivo è di consumare il tempo dell’utente trattenendolo a lungo all’interno del gioco in modo da aumentare l’esposizione ad un marchio e al suo messaggio. Wattpad, il social network per autori e autrici di romanzi e racconti, ha deciso di implementare pubblicità che appaiono anch’esse nella forma di racconto o narrazione letteraria. Storie pensate per catturare l’attenzione ma soprattutto per farsi leggere e condividere tra un pubblico selezionato perché amante della lettura e della letteratura. Le storie sono scritte da autori famosi per garantirne il successo e la visualizzazione. Non si parla delle caratteristiche di un prodotto ma si punta a catturare segmenti di lettori e a farsi leggere.

In ambito musicale al posto di rovinare l’ascolto degli amanti della musica alcune società presenti sul Mobile con le loro Radio hanno scelto di eliminare le pubblicità e di proporre liste di canzoni e altri contenuti interessanti come interviste e recensioni pensate e organizzate per promuovere un album o un artista.

Il successo delle nuove forme promozionali è guidato dalle APP ma soprattutto da nuovi stili di vita e comportamenti finalizzati alla interazione tecnologica. Questo successo sta mettendo in discussione modelli tradizionali e in difficoltà altri media come il Web, la stampa, le stazioni radio e la televisione. Le difficoltà nascono dalla incapacità o lentezza ad adottare nuovi approcci ma anche dalla limitatezza del media usato. Limitatezza che non esiste nel mondo delle APP, soprattutto perché molto popolato e abitato. Tutte le aziende e le Marche stanno comunque correndo ai ripari. L’obiettivo è l’adattamento, per non morire o per sopravvivere ma anche per intercettare la ricchezza dei nuovi investimenti e dei loro flussi.

La difficoltà riguarda tutte le tipologie di aziende che operano online con le loro iniziative promozionali, marketing e commerciali. In difficoltà sono in particolare le piccole realtà perché più di altre fanno fatica a comprendere la rivoluzione in atto e perché non dispongono delle risorse giuste per passare da forme promozionali semplici come un banner a forme cognitivamente più impegnative come un racconto, una narrazione o un videogioco.

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Visual Meta

La più innovativa app per lo Shopping online è ShopAlike.it, la piattaforma...

Vai al profilo

Nexus srl

Vai al profilo

Missione Web

La nostra Web Agency è costituita da un team giovane e dinamico che subisce da sempre il...

Vai al profilo

Softec S.p.A.

Leader in Italia nell'ambito del Mobile Computing, per la realizzazione di...

Vai al profilo