Strategia Mobile Aziendale

18 Novembre 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La connettività mobile in azienda è sempre stata semplice, grazie a telefoni cellulari e BlackBerry e un provider e/o grazie a connessioni Wi-Fi e VPN. Poi il telefono cellulare è diventato un computer vero e proprio e le cose hanno iniziato a complicarsi. Infine sono arrivati i tablet alla iPad e tutto oltre che complicato è diventato complesso.

L'evoluzionde dgli strumenti di conettività ha portato a nuove interfacce web per applicazioni mission critical e ha fatto sorgere nuovi problemi legati alla sicurezza e alla gestione ( prima sulla LAN tutto era semplice). Se ci si mette nei panni di un consumatore che può scaricare liberamente migliaia di applicazioni dagli store, è facile pensare che il mondo interconnesso sia con noi da sempre. Gli IT manager sanno invece che siamo solo agli inizi e che il fenomeno si porta appresso tutta una serie di complicazioni e porblematiche che un'azienda non può non prendre seriamente in considerazione, da subito. La mobilità aziendale deve essere pensata e strategizzata per eviatre di pagar cambiali future e penalizzazioni in termini fiscali, strategici, di sicurezza e competitività. Il problema, e questo è sicuramente un aspetto positivo, non è di tipo finanziario se l'azienda si fa carico della  mobilità invece di lasciarlo in mano ai dipendenti e alla consumerizzazione in atto (BYOD e BYOC).

Gli analisiti raccontano di una popolazione di lavoratori mobili composta da quasi 200 milioni di persone. Secondo Forrester il numero crescerà nel 2012 fino a 400 milioni, il 73% dell'intera forza lavoro enterprise. La crescita nasce da esigenze aziendali ma anche da una accresciuta domanda da parte dei lavoratori stessi di connessione sempre e ovunque, protetta e sicura e a costi accessibili. Secondo IDC il 70% dei dati è gia mobile e disponibile attraverso dispositivi portatili. Tutto ciò è finora guidato dal mercato consumer e poche sono ancora le aziende che hanno definito strategie e policy apposite per gestire al meglio la mobilità in termini organizzativi e produttivi.

Il bisogno di una strategià sta diventando comunque una scelta quasi obbligata guidata come è dalla necessità di mettere sotto controllo i costi e rendere più efficienti procedure, processi e attività.

Il bisogno di tenere i conti sotto controllo emerge da uno strudio di Gartner dal quale emerge come l'80% delle aziende rischia di spendere più del divuto in mobilità per le seguenti ragioni:

  • La scelta BYOD dei dispositivi da parte dei dipendenti portati all'acquisto di piattaforme costose e non necessariamente motivate dall'uso che se ne fa in azienda. L'acquisto singolo poi impedisce un acqisto attraverso gli uffici di procurement e rende più difficili da ottenere prezzi e sconti agevolati. In USA già oggi in alcune aziende quasi il 60% dei dispositivi è scelto dal dipendente.
  • Attività di Romaning non controllabili da parte del dipendente per attività anche personali
  • Dispositivi non utilizzati o abbandonati che continuano a generare costi e spese per il servizio telefonico e altro
  • Mancanza di visibilità sulla spesa e i costi relativi alla manutenzione e utilizzo
CONSIGLIATO PER TE:

Workplace mobili e flessibili

La necessità di una strategia aziendale nasce anche dal passaggio da semplici connessioni in VPN a connessioni diffuse su reti non sempre sicure e garantite e/o basate su modalità cloud e SaaS. Il dato aziendale è a rischio e il dipendente-utente non sempre è consapevole della criticità di alcune informazioni aziendali che vanno protette sui dispositivi così come nelle applicazioni utilizzate in mobilità. Si passa da VPN a internet e l'azienda è più esposta, soprattutto se non esiste una policy e/o strategia mobile aziendale e se non esistono procedure di controllo e gestione adeguate. La cosa è resa complessa anche dal fatto che in alcuni casi le aziende non sono neppure a conoscenza del numero di dispositivi in uso in azienda. Uno dei fenomeni emergenti è il ricorso ad applicazioni in Cloud e SaaS based come salesforce.com. Queste APP risiedono però all'esterno del firewall aziendale e rendono il VPN inefficace come policy d'uso. L'accesso libero mobile obbliga però a valutare con attenzione gli aspetti di sicurezza e utilizzo per verificarne validità e ruolo nel determinare un aumento di efficienza e di produttività.

Nel passaggio da una gestione delle risorse aziendali tradizionale ad una Mobile le aziende devono saper disegnare nuove forme e modalità di servizio all'utente legate alla consapevolezza che tutto, rispetto a prima, è in costante cambiamento, dispositivi, reti, applicazioni ecc. Ciò obbliga ad un approccio di Lifecycle Management che permetta alla funzione IT di gestire gli utenti attraverso processi efficienti di approvvigionamento, di aggiornamento e servizi di supporto.

L'approccio suggerito da molti analisti ai CIO e responsabili IT per la definizione di una strategia Mobile è quella di porsi domande precise su bisogni impliciti e espliciti e convenienze/necessità contingenti e poi procedere a:

  • Definire gli obiettivi di business e i requisiti ( maggiore efficienza, migliore disponibilità, maggiore produttività, connettività ecc.)
  • Verificare quali teconologie sono utilizzabili a supporto del business
  • Definire un calendario e una agenda per la fornitura di soluzioni mobili, dispositivi, applicazioni, servizi ecc.
  • Predisporre un budget preliminare
  • Elencare i rischi e gli strumenti a cui si intende far ricorso
  • Valutare punti di debolezza e criticità e punti di forza per prendere una decisione sul da farsi
  • Iniziare il processo di selezione del vendor e della piattaforma
  • Implementare una fase di test con prototipi e sperimentazioni sul campo
  • Se il test ha dato esiti positivi passare alla fase di roll-out e deployment
  • Verificare lo stato dell'arte e i risultati e se necessario ripetere il ciclo da 1 a 10

La strategia Mobile può prevedere tre approcci diversi:

  1. Una gestione in casa, perseguibile se esistono in azienda risorse e competenze così come la loro l'abilità di mantenersi aggiornate
  2. Una gestione in outsourcing se l'azienda può permettersi il costo del servizio, rinunaciare a competenze interne ed è disponibile a rinunciare a controllo e gestione
  3. Soluzioni aziendali disponibili sul mercato come iPass Portfolio che offorno alle aziende alcune facilitazioni e semplificazioni nella gestione della mobilità in azienda.

In sintesi le aziende devono dare risposte rapide e concrete alle domande crescenti di maggiore connettività e mobilità che vengono dai loro dipendenti. Nel farlo sono però obbligate ad intervenire sul fronte della sicurezza, della gestione, dell'organizzazione e del supporto per non mettere a rischio produttività ed efficienza. L'unico modo per potere soddisfare i diependenti e farlo in modo sicuro è di prendere il controllo dell'intera problematica della mobilità e di farlo dopo aver definito una strategia in grado di unificare sotto un'unica visione e policy i dispositivi mobili hardware, i provider, le reti, le applicazioni e i servizi.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Visual Meta

La più innovativa app per lo Shopping online è ShopAlike.it, la piattaforma...

Vai al profilo

SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo

Sudformazione srl

Scuola di formazione tecnica specialistica. Ci occupiamo di formazione in materia di...

Vai al profilo