Ambiti di applicazione e Strategie /

Per guidare una strategia Mobile servono manager con la cultura adeguata

Per guidare una strategia Mobile servono manager con la cultura adeguata

29 Gennaio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Tutte le aziende sembrano aver compreso che una strategia Mobile aziendale è necessaria. Poche sanno però come definirla e implementarla. Per farlo servono manager con una cultura diversa da quella tradizionale ma anche interlocutori diversi da quelli storici come IBM, Oravle, SAP ecc.

A dirlo è una indagine condotta da Appcelerator su un campione di 770 manager d’azienda (CEO, CIO, responsabili dello sviluppo di applicazioni mobile) alla fine del 2012.

Alla domanda di indicare i fornitori principali percepiti come leader nel mercato mobile, Microsoft ha ottenuto il 28%, seguita da SAP con il 15.8%, da Oracle con il 10.8%, da IBM con il 7.3% e da HP con il 4.6%. Le risposte sono servite anche a manifestare il bisogno di un interlocutore valido e la delusione nel non trovarlo nei partner IT tradizionali.

L’indagine ha evidenziato l’altra faccia del problema. A non essere adeguati non sono solo i fornitori ICT storici ma anche i manager che con loro hanno interloquito e lavorato begli anni. Per definire una strategia aziendale sulla mobilità servirebbero infatti nuove professionalità con capacità, conoscenze e visioni diverse da quelle che hanno guidato molti CIO e manager IT fino ad oggi. Il Tablet unitamente al Cloud Computing e alle soluzioni per la collaborazione e il social, hanno trasformato il panorama IT aziendale e suggeriscono nuovi approcci, anche nell’assegnazione delle responsabilità future. Nelle medie e grandi aziende ciò potrebbe portare alla ricerca e assunzione di nuovi manager con nuovi ruoli associati alla mobilità o alla gestione di centri di eccellenza dedicati allo sviluppo di nuove applicazioni e infrastrutture a supporto della strategia per la mobilità aziendale.

Le aziende che hanno già operato in questa direzione e hanno rinnovato il management e l’organizzazione con l’introduzione di nuovi skill e competenze hanno già ottenuto risultati misurabili in fatturati e guadagni.

Il problema del cambiamento è tanto più urgente quanto più evidente è la situazione di mercato che vede il sorpasso delle applicazioni tablet su quelle per piattaforme PC. Un sorpasso previsto da molti già nell’anno in corso e che potrebbe anche coinvolgere le applicazioni web.

La maggioranze degli intervistati da Appcelerator guarda alle tecnologie e alle applicazioni Mobile come ad un salto di paradigma rispetto al passato perchè capaci di generare benefici concreti sia per i clienti che per l’azienda in termini di produttività, efficienza, fatturato e profitto. Questi risultati sono però messi a rischio dalla carenza di risorse e di conoscenze Mobile. Mancano per il momento soluzioni e tecnologie standard su cui poter fare investimenti di lungo termine ed è difficile fare valutazioni strategiche sulla direzione da prendere. Il mercato, pur consolidato, intorno a pochi vendor, è altamente dinamico e competitivo e fa percepire una instabilità costate dovuta alla evoluzione rapida della tecnologia. A preoccupare sono anche la necessità e la difficoltà di integrare il nuovo con l’esistente e di gestire in sicurezza ambienti Mobile per definizione decentralizzati.

L’indagine è servita anche a comunicare la percezione verso i fornitori tradizionali e che hanno fatto la storia dell’IT. Secondo  gli intervistati aziende come HP, Oracle ecc. fanno fatica a comprendere esattamente la mobilità e ritiene (81%) che molti di loro potrebbero pagare a caro prezzo questa scarsa conoscenza e la concorrenza di nuovi protagonisti di mercato.

Un altro dato interessante emerso dall’indagine è il fatto che per il momento, a fronte di un mercato consumer che ha assistito all’esplosione dell’offerta di APP Mobile, il numero di applicazioni sviluppate  e effettivamente implementate è ancora limitato.

Il 73% delle aziende ha per il momento sviluppato meno di 5 applicazioni, il 39% nessuna o al massimo una.

Il ruolo e l’importanza della rivoluzione tecnologica in atto sono confermati dal 94% degli intervistati che prevedono di investire nella integrazione delle applicazioni mobile con il cloud e i sistemi back-end del data center.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Tecware

Gestiamo progetti di informatizzazione dallo studio professionale alla...

Vai al profilo

Mavigex s.r.l.

Mavigex è una azienda nata come spin-off accademico e come tale incorpora i valori della...

Vai al profilo

AnguriaLab

Mobile Apps & WebApps for agencies and companies. Reusable and flexible components...

Vai al profilo