Ambiti di applicazione e Strategie /

Il futuro del tablet in azienda

Il futuro del tablet in azienda

24 Novembre 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il successo di mercato del tablet non deve ingannare. La tecnologia dei nuovi dispositivi mobili è ancora nella sua fase adolescenziale. Per un uso diffuso in azienda il tablet e le tecnologie che lo caratterizzano devono raggiungere nuovi livelli di maturità. Rispetto ad un anno fa il tablet non è più una novità, il mercato dei vendor si è stabilizzato e consolidato e molti sforzi e investimenti si sono spostati sul software e sulle applicazioni. Possibile prevedere cosa succederà nel 2012?

Nelle aziende il dibattito sull'impatto dei dispositivi tablet in azienda continua e non necessariamente è allineato con quanto invece avviene sui mezzi di informazione. Condiviso e compreso il fenomeno della consumerizzazione e del BYOD (Bring Your Own Device) le aziende devono poi fare i conti con problemi quali la sicurezza, l'organizzazione, il supporto agli utenti, la gestione e il controllo. Tutto ciò si lega alla ricerca costante di efficienza dei processi, di efficacia degli strumenti e di produttività individuale e organizzativa. Può essere vero che tablet come l'iPad di Apple, il Galaxy Tab di Samsung, lo Xoom di Motorola, e lo Streak di Dell hanno cambiato il modo di lavorare in azienda, ma rimangono aperte problematiche che un CIO e i responsabili IT di una organizzazione non possono non prendere in considerazione. Problematiche legate alla creazione di contenuti ( la tastiera di un iPad non è per tutti! ), alla interazione con applicazioni non ottimizzate per un ambiente tablet, alla sicurezza del dispositivo e delle applicazioni, alla gestione e controllo, ai costi per fornire un adeguato supporto all'utente finale.

Le ricerche di mercato ( Forrester Reserach, Gartner ecc.) mostrano per il momento un atteggiamento che vede nei tablet più una soluzione complementare ai personal computer in uso che una piattaforma sostitutiva. I CIO poi vedono il mercato ancora troppo frammentato da un punto di vista di piattaforme di sistema operativo ed ecosistemi applicativi. La mancanza di standard di riferimento fa aumentare i costi implementativi e di gestione e non garantisce investimenti di lungo termine. Microsoft sarà anche una scelta obbligata ma con Windows ha fornito una piattaforma stabile e duratura su cui grandi organizzazioni e aziende possono investire con tranquillità.

Adozione iPad e Tablet in azienda
  • 22% già deciso
  • 78% entro il 2013
  • 83% hanno scelto iPad
  • 34% preferiscono Android
  • Strategia tablet in azienda
  • Il 51% non ha una strategia definita
  • Il 72% dispone di iPad e tablet ma non in modo formale
  • Il 41% ha dipendenti che usano il loro dispositivo
  • Il 49% ha dispositivi usati dal senior management
  • Automazione della forza vendita
  • 47% delle aziende usa tabket per il CRM
  • L'84% degli utenti salesforce.com vuole un tablet
  • IT e utenti business poco allineati
  • Il 42% dei CIO pensa che l'utente business non senta il bisogno di un tablet
  • Nonostante ciò, non esiste alcun dubbio che i tablet e i loro ecosistemi applicativi saranno i protagonisti dell'IT aziendale del futuro. Non è chiaro se passeranno dalla fase di affiancamento a quella sostitutiva ma è facile pensare che l'evoluzione tecnologica in atto favorirà questo passaggio rendendo più semplice le decisioni in azienda da parte dei CIO e del personale preposto al procurement per l'infrastruttura IT aziendale.

    Il tablet del futuro è destinato ad essere di tipo slate, forse ancroa più sottile e leggero, sicuramente più potente e veloce, ricco di funzionalità applicative e con display con sempre maggiore risoluzione e qualità.  Le novità più importanti avverranno sul fronte del software e delle applicazioni. Apple ha già indicato una strada introducendo Siri, un assistente personale che si rivolge all'utente con la voce per guidarlo e per aiutarlo nell'esecuzione di alcune attività sul dispositivo. Per il momento Siri ragiona e parla un linguaggio destinato al mercato consumer ma non è detto che in futuro Siri e/o suoi fratellastri prossimi venturi non siano in grado di fornire servizi simili a supporto di persone nel pieno delle loro attività lavorative. Provate ad immeginare ad esempio se Siri fosse capace di visualizzare informazioni di Business Intelligence a fronte di un comnado vocale di un CEO durante un comitato di direzione. Tatto (touch-screen, touchpad ecc.) e voce potrebbero essere complementati in futuro dal ritorno della penna/stilo per facilitare non soltanto la scrittura ma anche il disegno, la compilazione di moduli e tabelle ecc. La tecnologia hardware non è più un problema o un vincolo. Interessa poco se il processore usato sia più o meno potente e se l'hard disk sia più o meno veloce. Conta molto invece la capacità del dispositivo di soddisfare esigene primarie e precise del suo utente nella sua veste di consumatore o professionista aziendale. L'innovazione richiesta e che arriverà riguarderà il software, l'interazione e l'integrazione con le applicazioni aziendali (CRM, BI, ERP, gestionali ecc.).

    Il mercato tablet enteprise è per il momento dominio incontrastato di Apple con il suo iPad e iPad 2. Ma il mercato enterprise, per problematiche e bisogni, può essere una fonte di opportunitù ed aprire le porte a vendor diversi quali HP ( il defunto TouchPad è secondo nelle vendite sul mercato americano con 1.2 milioni di unità vendute), RIM ( non diamo per fallita la società che ha inventato la mobilità enterprise con il BlackBerry), Samsung, Motorola (ora Google) e molti altri.

    Apple conosce molto bene le regole del mercato consumer, guidato principalmente da presatzioni e prezzo, non necessariamente quelle del mercato business. Sul mercato consumer sembra difficile ipotizzare un arretramento di Apple, su quello business molti player che storicamente presidiano l'IT aziendale potrebbero invece trovare nuove e più ricche opportunità di business. La competizione in azienda non è destinata a focalizzarsi sul prezzo o sulla differenza dei prezzi tra i vari produttori accreditati. Il motivo è semplice, l'azienda può contrattare in base a volumi e a soluzioni "bundled" con altri prodotti ( PC per HP, aggiornamenti BlackBerry Enterprise Server per RIM, servizi carrier per Samsung e Motorola, servizi healthcare per Dell ecc.). Apple sta investendo molto sul mercato business e enterprise ma non è famosa per la sua scontistica su vendite a volumi!

    Un'altra finestra di opportunità per vendor diversi da Apple consiste nella loro conoscenza del mondo IT aziendale e nella loro capacità a fornire soluzioni e servizi per l'integrazione infrastrutturale e applicativa. In questo contesto la semplice consumerizzazione che sta cambiando il mercato IT non è sufficiente. L'azienda ha bisogno di efficienza, gestione e controllo e soprattutto produttività individuale garantita in un ambito di sicurezza dei dati e delle applicazioni aziendali.

    Nuove opportunità si aprono poi sui vari mercati verticali con le loro applicazioni customizzate e specifiche per soddisfare bisogni e necessità di mercati tra loro molto diversi.

    comments powered by Disqus

    Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

    Cerca nel nostro database


    Mavigex s.r.l.

    Mavigex è una azienda nata come spin-off accademico e come tale incorpora i valori della...

    Vai al profilo

    Camagames

    We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

    Vai al profilo

    Protech System

    Consulenza e sviluppo App mobile in linguaggio nativo per iOS e Android. Seguiamo il...

    Vai al profilo

    Solair

    Tutti hanno diritto al Better Business

    Vai al profilo