Business Intelligence /

Gli interrogativi per una BI Mobile in azienda

Gli interrogativi per una BI Mobile in azienda

29 Luglio 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La Business Intelligence è diventata da tempo una componente fondamentale per il business e strumento di lavoro quotidiano per molti manager e professionisti. La diffusione dei dispositivi mobili ha reso la BI una pratica ancora più importante e utile. Ma chi deve utilizzarla? Quali funzioni deve rendere disponibili in mobilità? Quali dispositivi devono essere acquistati? Queste alcune domande sul tavolo dei decisori aziendali.

La scelta del vendor e del dispositivo da adottare dovrebbe essere semplice ma è complicata dal fatto che molti dispositivi mobili sono scelti, acquistati e portati in azienda direttamente dai loro utilizzatori. La scelta matura per motivi e gusti personali per poi trasformarsi in una richiesta aziendale di poter utilizzare lo stesso dispositivo anche per motivi professionali e di lavoro. L'eterogeneità dei dispositivi disponibili rende la vita dei responsabili IT complicata e li obbliga a fare i conti con il fenomeno della consumerizzazione per piegarlo ad obiettivi organizzativi e di business.

Nel caso in cui l'azienda volesse imporre il dispositivo da utilizzare, RIM, Apple e Google (Android) sono i tre marchi da considerare. RIM ha costruito la sua immagine e autorevolezza fornendo strumenti di MDM per i suoi smartphone che hanno reso facile la vita ai responsabili IT. Apple con l'iPad è l'outsider assoluto sia per numero di dispositivi venduti sia per dimensione ed estensione del suo ecosistema applicativo. Google con Android è presente su tipologie di dispositivi diversi e offre alle aziende maggiori opportunità di scelta e di riduzione della complessità gestionale.

Nella realtà difficilmente le aziende riusciranno ad imporre una scelta e sempre maggiori saranno le pressioni degli utenti nel suggerire e/o determinarla.

Se la scelta del device dipende dalle percezioni e dai gusti dell'utente, compito dell'IT azinedale è di farsi carico degli strumenti di amministrazione e gestione dei dispositivi mobili e delle applicazioni. Questi strumenti servono non solo a gestire dispositivi mobili eterogenei ma anche a gestirne la loro diversità in termini di sistema operativo, middleware e ecosistema applicativo.

L'introduzione e l'amministrazione delle applicazioni di Business Intelligence Mobili passano attraverso la scelta di strumenti di MDM, meglio se capaci di gestire dispositivi eterogenei, utili a definire le configurazioni adeguate per la visualizzazione di tabelle analitiche, report, dashboard centralmente in modo da facilitare accesso e operatività dell'utente finale.

La fornitura e l'utilizzo di applicazioni di Business Intelligence in ambito mobile non è semplice e richiede la conoscenza e la comprensione adeguata del nuovo contesto Mobile determinato dall'arrivo dei tablet ( consumerizzazione, Bring Your Own Device, APP Store, ecc. ) e la scelta di strumenti software di MDM per garantire sicurezza, amministrazione e supporto in un ambiente mobile, distribuito e dinamico.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo

Andrea Parisse

Enterprise Architect Sono laureato in Informatica e lavoro nel settore ICT di una...

Vai al profilo

Mobile App

Mobile app offre una serie completa di apps per tablet e smartphone B2B e B2C, la sua b.u...

Vai al profilo

Mavigex s.r.l.

Mavigex è una azienda nata come spin-off accademico e come tale incorpora i valori della...

Vai al profilo