Mobile Device Management /

Il mercato delle soluzioni di Mobile Device Management

Il mercato delle soluzioni di Mobile Device Management

30 Gennaio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Secondo analisti come Gartner Group e IDC, il mercato del MDM è entrato in una nuova fase. Le aziende sono sempre più coscienti del rischio potenziale associato alle nuove tecnologie Mobile e disposte ad investire su strumenti di gestione e controllo. Sul fronte dell'offerta facile prevedere una fase di consolidamento e selezione naturale.

Il mercato MDM non è nuovo. La sua evoluzione è nadata di pari passo con la maturazione dell’offerta di telefoni cellulari, smartphone e tablet. Il diffondersi delle pratiche di BYOD e l’acquisto massiccio ( 19 miliardi di dispositivi Apple nel 2012 e 28 probabili nel 2013) di nuovi dispositivi mobili da parte delle aziende ha portato in evidenza la potenzialità del mercato e l’urgenza di fornire risposte ai bisogni delle aziende.

Tutto ha avuto una forte accelerazione dopo l’arrivo sul mercato dell’iPad e il suo immediato proliferare all’interno delle aziende. Portato inizialmente in azienda da CEO e dirigenti, il tablet è diventato immediatamente un oggetto fastidioso da gestire per ogni dipartimento IT. Non soltanto per gli aspetti della sicurezza ma anche della gestione e controllo , amministrazione e aggiornamento, supporto e servizi all’utenza.

A distanza di poco più di due anni l’offerta di soluzioni di Mobile Device Management è diventata più ricca e qualificata ed ha trovato un riscontro interessato da parte delle aziende. Una fotografia precisa dell’offerta attuale è fornita dal quadrante magico di Gartner. Le aziende menzionate sono 60, un numero elevato e composto da molti nomi sconosciuti ma soprattutto tale da rendere complicata la scelta da parte dei clienti. Il mercato MDM è potenzialmente ricco ma non così ricco da poter sostenere un numero così elevato ( le soluzioni  e i vendor sul mercato nella realtà sono più di 80) di attori. E’ quindi molto probabile che l’offerta vada nei prossimi anni verso un consolidamento e uno sfoltimento. Nel frattempo il mercato MDM nel 2012 ha raggiunto, secondo le valutazioni di Gartner Group, il valore di 500 milioni di fatturato ed è destinato a crescere ulteriormente durante il 2013 e gli anni a venire.

CONSIGLIATO PER TE:

Internet e cosa è diventato

A favorire nuove opportunità è la crescita esponenziale di varietà e modelli di nuovi dispositivi, la diffusione della pratica del BYOD in azienda e il bisogno di proteggere l’infrastruttura IT e i dati aziendali dai rischi potenziali associati al Mobile.

Dal lato dell’offerta le aziende (60-80)  che si contendono il mercato sono numerose e ben attrezzate in termini di prodotti, servizi e soluzioni. A prevalere sono per il momento aziende specializzate in strumenti per la mobilità aziendale e nella produzione e fornitura di nuove funzionalità amministrative e gestionali capaci di far fronte ai nuovi bisogni legati alla mobilità.

In questo mercato non potevano mancare le aziende specializzate da sempre nella fornitura di prodotti per la sicurezza ma per il momento non hanno ancora raggiunto la stessa visibilità. Non è un caso che una  azienda come Citrix abbia deciso di competere in questo mercato acquisendo Zenprise, leader nel mercato MDM.

Obiettivo di questa e altre acquisizioni, a cui potremmo assistere durante il 2013 e non soltanto da parte di Citrix,  è di costruire una proposizione per le aziende in grado di offrire strumenti e soluzioni (visrtualizzazione) adeguati alla gestione del desktop così come dei nuovi dispositivi client mobile.  Sul lato applicativo aziendale le applicazioni desktop completamente usufruibili da dispositivo mobile sono ancora poche. L’acqusizione di Zenprise segnala però l’importanza di avere una risposta a bisogni che vanno oltre la virtualizzazione del desktop perché focalizzati sulle potenzialità delle nuove tecnologie e sui cambiamenti in gestazione (passaggio sul cloud e servizi SaaS). Poter offrire funzionalità di MDM (MAM) permette ad aziende come Citrix di garantire sicurezza, gestione e supporto sulle applicazioni aziendali, sui browser utilizzati, su soluzioni diffuse come Sharepoint ecc.

L’acquisto di Zenprise è un segnale importante della maturazione del mercato MDM. Una maturazione che giustifica un investimento da 300 milioni di dollari come quello fatto da Citrix e che potrebbe convincere altre aziende come Oracle, HP ad investimenti simili. A crescere attraverso acquisizioni potrebbero essere anche le aziende leader del mercato MDM come AirWatch o Fiberlink che potrebbero consolidare la loro proposta acquisendo altre piccole società con soluzioni e applicazioni specializzate.

Il consolidamento è necessario ma non obbligatorio. Molti produttori potrebbero puntare sulla differenziazione, resa possibile dalla varietà di prodotti sul mercato e dalle politiche di alcuni produttori. Apple ad esempio suggerisce, per la gestione dei suoi dispositivi iOS,  metodi e tecnologie specifiche e pone alcune limitazioni ai fornitori di soluzioni MDM. Se da un lato ciò favorisce la standardizzazione e la facile aggiunta, tramite API, di moduli gestionali per piattaforme iOS da parte di tutti i produttori MDM, dall’altra suggerisce politiche differenziate e finalizzate a maggiori guadagni perché basate su prodotti e soluzioni non standard.

L’offerta ampia e competitiva di soluzioni MDM porterà ad una selezione anche sulla base del loro listino prezzi. Con valori che variano dai 40 ai 100 euro per dispositivo all’anno, queste soluzioni rischiano di incidere non poco su budget IT già dilaniati dalla crisi e dalle esigenze di aggiornamento e rinnovamento delle infrastrutture. I prezzi elevati sono probabilmente una delle cause della diffusione finora ancora limitata, rispetto ai bisogni e alle necessità, delle soluzoni di MDM nelle aziende.

 

Fonte: Gartner Group

Ma a pesare sulle scelte dei CIO e dei responsabili IT ci sono anche altre problematiche. Il software MDM introduce nelle infrastrutture IT esistenti nuovi processi e procedure di gestione e amministrazione, spesso separate da quelle già esistenti ed in uso. I produttori capaci di proporre soluzioni MDM con gestioni integrate del mondo mobile e desktop saranno probabilmente interlocutori ricercati in questa fase di crisi e di indeterminatezza del mercato Mobile. Quello che emerge chiaramente invece è l’urgenza che le aziende hanno di mettere in sicurezza dispositivi, applicazioni, dati e pratiche Mobile. Non è detto che la risposta venga loro da realtà da sempre focalizzate sulla sicurezza come Symantec ( casuale che sia in crisi?), Microsoft o McAfee. Più probabile invece che trovino sul mercato nuove realtà e startup ,nate dentro la rivoluzione Mobile, che hanno saputo tradurre le loro percezioni e  conoscenze delle problematiche e dei bisogni in soluzioni MDM e servizi. Su queste realtà si sta concentrando oggi l’attenzione dei potenziali clienti, dei media e degli osservatori di mercato ma anche di aziende ICT intenzionate a mantenere le loro posizioni di leadership con una proposizione globale alla loro clientela e ad entrare in nuovi mercati.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Raffaele Gentiluomo

Computer Grafica

Vai al profilo

SANMARCO INFORMATICA SPA

Sanmarco Informatica opera nel settore dell'informatica da oltre 20 anni con...

Vai al profilo

ARKEBI

Prof. arch. Emiliana Brambilla

Vai al profilo

NERDYDOG

NerdyDog Web Agency è specializzata nello sviluppo applicazioni per mobile in...

Vai al profilo