Tecnologia e Impresa /

Mobile e Cloud computing, i due acceleratori tecnologici del momento

Mobile e Cloud computing, i due acceleratori tecnologici del momento

12 Settembre 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il successo delle tecnologie mobile non ci sarebbe stato senza l’affermarsi del clud computing e dei suoi servizi. Mobile e Cloud hanno cambiato il modo di lavorare, di muoversi e di vivere con la tecnologia. Lo dicono I numeri di dispositivi in circolazione, di APP in uso ma soprattutto I nuovi comportamenti dei consumatori.

La rivoluzione più importante è quella del software e delle applicazioni. Senza l’affermarsi dei nuovi dispositive mobile non avrebbe avuto modo di realizzarsi ma le APP per Mobile hanno cambiato lo scenario e il contesto nel quale si definiscono le relazioni odierne con la tecnologia e i sui ecosistemi.

Il successo degli store applicative non è solo pubblico ma anche private e aziendale. Secondo ricerche di mercato entro il 2017 il 25% delle aziende disporrà di un proprio APP store. Un fenomeno che avrà pesanti effetti e ripercussioni sull’IT aziendale e sul modo con cui le aziende penseranno alle infrastrutture tecnologiche future. Un fenomeno originato dalle pratiche di BYOA e BYOD e che ha obbligato le aziende a definire nuove policy e a definire strategie di mobilità aziendale.

Tutte le indagini condotte sui trend di mercato relative alle tecnologie mobile confermano che i dispositive mobile saranno prevalenti, rispetto a PC e laptop, nella interazione con il Web e che la mobilità ridfinirà il modo con cui si lavora, ci si diverte e si vive.

Le piattaforme dominant saranno Mobile, in primo luogo Android, poi iOS e a seguire Windows e gli altri. Un bel cambiamento se si pensa al predominio di Microsoft nelle aziende durato per decenni.

I dispositive mobile andranno a integrare funzionalità di altri gadget tecnologici o a sostituirli incorporando le loro spcificità funzionali e tecnologiche.

L’affermarsi e la pervasività di soluzioni Mobile nelle aziende obbligherà a ripensare e riprogrammare I flussi di lavoro e le conseguenti procedure aziendali e applicazioni che le rendono possibili. L’aggiornamento sarà reso obbligatorio dalla possibilità e necessità di sfruttare le capacità di contestualizzazione delle nuove tecnologie. La diffusione delle nuove applicazioni faciliterà la rivisitazione delle applicazioni core business e la loro trasformazione e integrazione in contesti mobile.

Le aziende che non hanno ancora sperimentato le nuove tecnologie e si stanno ancora interrogando sul da farsi, hanno probabilmente perso il treno del cambiamento e dell’innovazione. Non hanno colto l’occasione e l’opportunità e difficilmente recupereranno rispetto ad aziende concrrenti che l’occasione l’hanno colta da subito. Il tempo dei dibattiti e delle lunghe riunioni per riflessioni collettive in azienda è finite. Meglio studiare le numerose buone pratiche emerse e correre ai ripari in fretta per evitare rischi e insuccessi sul lungo periodo. L’urgenza non è dettata solo dalle novità tecnologiche ma soprattutto dal mutamento in atto del consumatore e del mercato e dalla accresciuta competitività delle aziende che hanno sposato l’innovazione tecnologica e I suoi paradigmi.

 

Fonte: www.interrait.com

Le aziende che sono in ritardo e che dispongono di infrastrutture informatiche di tipo legacy dovrebbero valutare seriamente l’acquisto di nuove soluzioni e l’abbandono degli sviluppi interni e fatti in casa. Senza le adeguate conoscenze e competenze sir ischia infatti di perdere altro tempo prezioso.

Tutte le aziende sono chiamate a fare I conti con una rivoluzione tecnologica che forse non hanno ancora compreso fino in fondo. E’ una rivoluzione tecnologica, non informatica. E’ guidata dall’utente e non dal dipartimento IT. Viaggia su dispsoitivi personali e meno su terminali client aziendali. Si appoggia sul cloud e meno sui Data Center aziendali. Sperimenta nuove buone pratiche ed è poco ricettiva di norme, regole e policy dettate dall’alto.

In poche parole, una rivoluzione che detta un cambio di paradigm e che come tale deve essere ben studiata per essere compresa e per trarne vantaggi concreti.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Cosmobile Srl

Sviluppiamo applicazioni native per dispositivi mobili, in particolare smartphone e...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo

Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo

Cidroid

Cidroid nasce inizialmente come divisione di Nexus s.r.l., un’azienda che opera dai...

Vai al profilo