Sicurezza Mobile e Privacy /

Bastano pochi dollari per improvvisarsi hacker

Bastano pochi dollari per improvvisarsi hacker

13 Giugno 2017 Gian Carlo Lanzetti
SoloTablet
Gian Carlo Lanzetti
share
Per Kaspersky Lab un potente strumento di hacking può essere creato con 20 dollari e poche ore di lavoro da chiunque abbia conoscenze di programmazione anche di base. Il caso raccontato.

A questo fine, è stato fatto un esperimento utilizzando un dispositivo USB “fatto in casa” basato su Raspberry Pi, configurato in modo specifico e che non contenesse nessun software dannoso. Con questo dispositivo, sono stati in grado di sottrarre i dati di autenticazione degli utenti di una rete aziendale ad una velocità di 50 password decodificate ogni ora.

CONSIGLIATO PER TE:

Phishing, pesci e predatori

La ricerca è partita da un fatto reale perché gli esperti di Kaspersky Lab hanno scoperto il caso di un dipendente di una società di pulizie che aveva usato una chiavetta USB per infettare con un malware la workstation di un'organizzazione. Gli esperti di Kaspersky Lab hanno iniziato la loro indagine per comprendere quali altri mezzi potessero essere utilizzati per compromettere una rete e soprattutto quali consentissero di farlo senza utilizzare un malware.

I ricercatori hanno utilizzato un microcomputer Raspberry-Pi configurato come un adattatore Ethernet al quale sono state apportate alcune modifiche di configurazione del sistema operativo in esecuzione. Dopodiché, hanno installato alcuni tool facilmente reperibili per il packet sniffing, la raccolta e l'elaborazione dei dati. Infine, i ricercatori hanno creato un server per raccogliere i dati intercettati. Quando il dispositivo è stato connesso alla macchina presa di mira ha cominciato a caricare automaticamente nel server le informazioni relative alle credenziali rubate.

Il motivo per cui questo è stato possibile è che il sistema operativo presente sul computer attaccato ha identificato il dispositivo Raspberry-Pi connesso come una scheda LAN cablata e ha automaticamente assegnato una priorità superiore a quella di altre connessioni di rete disponibili e, soprattutto, ha consentito l'accesso allo scambio di dati all’interno del network. La rete sperimentale simulava il segmento di una vera e propria rete aziendale. Di conseguenza, i ricercatori sono stati in grado di raccogliere i dati di autenticazione inviati dal PC attaccato e dalle sue applicazioni e di autenticare i server di dominio e remoti. Inoltre, i ricercatori sono stati anche in grado di raccogliere questi dati da altri computer presenti nel segmento del network.

Considerato che le specifiche dell'attacco consentono di inviare in tempo reale i dati intercettati in rete, più il dispositivo rimane connesso al PC e più saranno i dati che verranno raccolti e trasferiti ad un server remoto. Dopo solo mezz'ora dall'inizio dell’esperimento i ricercatori sono stati in grado di identificare quasi 30 password trasferite attraverso la rete attaccata. È facile immaginare quanti dati potrebbero essere raccolti in un solo giorno. Nel peggiore dei casi, potrebbero essere intercettati anche i dati di autenticazione dell'amministratore di dominio e si potrebbe avere accesso al loro account mentre il dispositivo è collegato a uno dei PC all'interno del dominio. La morale?

"Dopo aver eseguito questo esperimento - ha dichiarato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. - ci sono due cose importanti che ci preoccupano maggiormente: in primo luogo il fatto che non sia stato necessario sviluppare un software ma è bastato utilizzare strumenti facilmente reperibili in Internet. In secondo luogo ci preoccupa la facilità con cui siamo stati in grado di preparare il proof of concept del nostro dispositivo di hacking. Ciò significa che potenzialmente chiunque abbia familiarità con Internet e abbia una capacità di programmazione di base, può riprodurre questo esperimento. È facile prevedere che cosa potrebbe succedere se questo venisse fatto con intenzioni dannose. Quest'ultimo è il motivo principale per cui abbiamo deciso di richiamare l'attenzione pubblica su questo problema. Gli utenti e gli amministratori aziendali dovrebbero essere preparati a questo tipo di attacchi".

Una precisazione è doverosa però: sebbene l’attacco consenta l'intercettazione dei soli hash delle password (stringhe ottenute elaborando le password con una funzione di offuscamento non invertibile), quest’ultimi potrebbero essere utilizzati per identificare le password in chiaro in quanto gli algoritmi delle funzioni per l’hashing sono noti, oppure potrebbero essere utilizzati in attacchi pass-the-hash.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


D-One Software House

Sviluppo applicazioni personalizzate per iPad e iPhone

Vai al profilo

Mobijay

Produzione app per dispositivi mobili

Vai al profilo

Temovo

Siamo un’azienda italiana che guarda al business in maniera internazionale. Ci...

Vai al profilo

WARE'S ME srl

Nata nel 2010, WARE’S ME è una giovane società̀ di servizi, con base a Padova, attiva...

Vai al profilo