Sicurezza Mobile e Privacy /

Crimini digitali: per difendersi meglio imparare dagli errori

Crimini digitali: per difendersi meglio imparare dagli errori

18 Luglio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Tutti i danni procurabili dagli attacchi cyber o digitali sono in qualche modo evitabili, sia da parte delle grandi organizzazioni sia da quelle piccole. Il segreto sta nel prepararsi all’attacco che arriverà, nel predisporre risorse e quanto serve per proteggersi o reagire rapidamente e soprattutto nell’attrezzarsi culturalmente nell’imparare quanto serve da ogni nuovo attacco, questo sì inevitabile! Le prime 48 ore dall’attacco sono quelle critiche. Essere preparati significa ridurre la criticità eliminando parte del pericolo.

Tutti i frequentatori delle Reti digitali sono in qualche modo a rischio. Espongono i loro dati, i profili e se stessi a potenziali attacchi criminali con effetti che possono pesare sul portafoglio, sulla reputazione e sulla fiducia di se stessi. Il rischio vale sia per navigatori solitari e utenti della Rete sia per dipendenti o dirigenti aziendali che accedono alle risorse della Rete protetti dai firewall aziendali e dalle infrastrutture appositamente predisposte per la loro difesa da potenti dipartimenti IT. Il rischio per questi ultimi è persino più elevato vista l’accresciuta preferenza dei criminali digitali verso tipologie di utenze aziendali. Non è un caso che gli attacchi digitali riguardino un numero crescente di aziende e obblighino le stesse a investimenti crescenti e soprattutto a rinnovata attenzione.

I molti casi di attacchi riportati dalla cronaca di questi anni indicano un dato incontrovertibile. Nessuno è protetto al 100% e tutti sono in qualche modo vulnerabili perché tutti hanno dati e informazioni da proteggere. A questi dati e informazioni puntano hacker e c cybercriminali e meno sono protetti più a loro vita è semplificata e maggiori sono i rischi per le potenziali vittime.

Solo alcuni anni fa si pensava che gli attacchi fossero indirizzati o a singoli utenti o a grandi organizzazioni, pubbliche o private. Quei tempi sono un ricordo e oggi tutti devono fare i conti con attacchi sofisticati come il ransomware e con la vulnerabilità di dispositivi pervasivi, sempre connessi, costantemente in uso e complessi come smartphone, tablet e laptop. Per difendersi aziende e organizzazioni, piccole, medie e grandi devono farsi più intelligenti, potenziare le loro risorse umane e tecniche, definire obiettivi e livelli di sicurezza nuovi e regolamentati da policy adeguate e soprattutto definire piani di azione utili a fronteggiare gli inevitabili attacchi che potrebbero essere riusciti e penetrare le difese predisposte. Il tutto sapendo che le prime 24-48 ore dall’attacco sono fondamentali per respingerlo o per contenere il danno.

Il problema della sicurezza non è più relegabile ai dipartimenti IT ma un problema di business e di tutto il management aziendale. Il management si mostra oggi consapevole del rischio e della responsabilità che ne deriva ma è spesso disarmato in termini di risorse da usare, piani da applicare e azioni preventive. In alcuni casi ad esempio l’assenza di piani di comunicazione alla clientela o ai dipendenti mette rischia di aumentare la confusione e il danno dopo un attacco. Il danno può essere tanto più grande quanto più la scena del crimine viene inquinata da realtà esterne e non gestite direttamente dall’azienda.

Per evitare incertezze post-attacco e il panico che ne potrebbe derivare è essenziale verificare costantemente le protezioni implementate e predisporre per tempo e con precisione di un piano di reazione pensato per limitare i danni, in particolare quelli che possono derivare come effetti collaterali dalle reazioni di partner, dipendenti e clienti.

La prevenzione è molto più del backup anche se questa pratica va sempre ricordata e esercitata, considerando quanto sia elevata la percentuale di aziende o privati che la dimenticano, rischiando di pagarne pegni onerosi e senza ritorno. Il backup non è solo quello digitale. Alcune informazioni e documenti possono essere conservati anche in versione cartacea e pronti per essere rapidamente utilizzati.

L’attenzione maggiore deve essere prestata alla mobilità delle persone e dei dati e delle informazioni che si portano appresso condividendole con altri, usando applicazioni non aziendali come Dropbox o al si fuori delle policy imposte e non rispettano i vincoli legati alle politiche della sicurezza aziendale in termini di comportamenti e abitudini (ad esempio l’uso di USB crittografate, di aggiornamenti continui, ecc.).

Più che alla tecnologia in sé l’attenzione maggiore deve essere focalizzata sulla componente culturale dell’organizzazione e su come incide nei comportamenti dei dipendenti, dirigenti inclusi. Una componente culturale spesso assente è quella che suggerisce la prevenzione, a sua volta basata sulla convinzione di non essere mai completamente al sicuro e protetti da attacchi malevoli esterni o interni (insider). Nel ruolo di dirigenti o manager d’azienda le persone che ricoprono queste posizioni hanno il compito/dovere di contribuire al diffondersi di una cultura attenta al rischio e pronta ad affrontarlo nel caso in cui si manifestasse.

Il rischio è tanto più grande quanto si diffondono ed evolvono nuove tecnologie come quelle indossabili e quelle delle Reti degli Oggetti. In un mondo globalizzato composto de miliardi di oggetti, dispostivi e sensori tra loro sempre interconnessi il pericolo è sempre dietro l’angolo e più insidioso di quello fin qui sperimentato sui personal computer. In particolare non bisogna dare per scontato he tutti gli oggetti hardware e software in circolazione siano sicuri e protetti o che non presentino porte di accesso le cui aperture risultano facilitate da dimenticanze, errori o programmazioni software e logiche carenti.

Di fronte a tanta complessità tutti devono realizzare che il problema  non è solo di qualcun altro. Il problema è di tutti, meglio attrezzarsi per affrontarlo!

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo

EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo

MSREI s.r.l

MS REI s.r.l. è un'azienda specializzata nel mondo degli investimenti. Nata come...

Vai al profilo

Sandro Sanna

Docente

Vai al profilo