Sicurezza Mobile e Privacy /

FBI, CIA e NSA, tutti contro Huawei...

FBI, CIA e NSA, tutti contro Huawei...

15 Febbraio 2018 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
I servizi segreti USA hanno chiesto ai loro concittadini americani di non acquistare smartphone cinesi. Sotto tiro ci sono i produttori tecnologici cinesi e in particolare Huawei e ZTE.

La notizia nasce da una indiscrezione di  CNBC,  che ha ripreso a sua volta indiscrezioni riferite a un incontro del Senate Intelligence Committee del parlamento americano e che comprende i presidenti di FBI, CIA, NSA e il direttore della national intelligence USA.

Durante l'incontro il capo della FBI, Chris Wray evrebbe manifestato le sue serie preoccupazioni sul rischio che sul mercato delle telecomunicazioni americano possano guadagnare posizioni operatori e produttori stranieri che non condividono i valori americani. Il rischio è che questi operatori possano rubare o manipolare informazioni e condurre azioni di vero e proprio spionaggio. L'allarme sembra essersi tradotto in un invito a non acquistare smartphone prodotti da gruppi cinesi come ZTE e Huawei.

L'indiscrezione diventata notizia non è una novità. Accuse simili sono già emese in passato e spesso riferite proprio a Huawey, una società fondata da un ex membro dell'esercito cinese (China People’s Liberation Army) e verosimilmente legato al governo cinese. Huawei si è dimostrata negli ultimi anni particolarmente agguerrita e capace di scalare rapidamente il mercato dello scmartphone, fino a diventare il secondo produttore al mondo dopo Samsung e scalzando Apple dalla sua posizione. Un successo che non ha comunque permesso una espansione in USA, probabilemente anche per l'esistenza costante di pressioni politiche legate ai timori di un legame stretto tra Huawei e il govrtno cinese.

La società sinese ha reagito alle indiscrezioni evidenziando la fiducia ad essa garantita da 170 paesi di tutto il mondo nei quali opera da tempo, di non essere impegnata in alcun tipo di guerra cyber-criminale e di non porre rischi di cybersicurezza dissimili da quelli di altri produttori.

Una nota quest'ultima che sembra suggerire una riflessione globale anche ai rischi che potrebbero essere insiti in prodotti e piattaforme di altri produttori, compresi quelle americani.

L'atenzione è tutta centrata sulla facilità con cui oggi i proprietari di piattaforme tecnologiche sono in grado di raccogliere dati e informazioni e all'uso che ne può venire fatto. Un uso che la tecnologia attuale non esclude la partecipazione di nessun giocatore in campo, neppure di quelli cinesi.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


DidApp

App didattiche per la prevenzione dei disturbi dell'apprendimento

Vai al profilo

Itworks srl

Nata come specialista nei primi grandi progetti ERP, Itworks sviluppa il suo know-how...

Vai al profilo

SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo