Sicurezza Mobile e Privacy /

Verso l’identità biometrica

Verso l’identità biometrica

29 Gennaio 2018 Gian Carlo Lanzetti
SoloTablet
Gian Carlo Lanzetti
share
L’autenticazione biometrica è destinata a diventare mainstream secondo IBM

Uno studio IBM sul futuro dell’Identità, condotto su 4000 persone in Europa (Italia inclusa, con 200 rispondenti), USA e Asia, su sicurezza e  nuove forme di autenticazione,  presenta interessanti risultati riguardo al diverso approccio di millennial e generazioni precedenti. 

Ciò che emerge in generale è:

  • L’autenticazione biometrica è destinata a diventare mainstream: il 67% degli intervistati nel complesso si sente a proprio agio nell'utilizzare oggi l'autenticazione biometrica, mentre l'87% dichiara che utilizzerà volentieri queste tecnologie in futuro.
  • I millennial vanno oltre le password: sebbene il 75% dei millennial  non abbia problemi con l’autenticazione biometrica, meno della metà utilizza password complesse e il 41% riutilizza le password. Le generazioni precedenti mostravano maggiore attenzione nella creazione delle password, ma erano meno inclini ad adottare l’autenticazione biometrica e l'autenticazione a più fattori
  • Il 44% ha classificato quella biometrica tramite impronte digitali come uno dei metodi di autenticazione più sicuri; password e PIN sono stati considerati meno sicuri (rispettivamente 27% e 12%)
  • Solo il 42% dei millennials utilizza password complesse che combinano caratteri speciali, numeri e lettere (rispetto al 49% di quelli di età pari o superiore a 55 anni) e il 41% riutilizza la stessa password più volte (rispetto al 31% di quelli di età superiore a 55 anni).
  • In media, le persone di età superiore a 55 anni usano 12 password, mentre i post-millennials (età 18-20) usa in media solo 5 password, il che potrebbe indicare un tasso di riutilizzo maggiore.                    

Per quanto riguarda il nostro Paese

  • gli italiani tendono a utilizzare un numero maggiore di password diverse - 11 come i tedeschi- rispetto a 9 nel Regno Unito e in Francia e 8 in Spagna.
  • Gli italiani sono i più propensi a livello europeo ad utilizzare un gestore di password (39% contro il 25% di E.U.).
  • gli italiani privilegiano la sicurezza (rispetto ad altri parametri quali facilità d’uso o privacy) quando si tratta di app bancarie/d’investimento (81% contro il 72% UE), app di e-commerce (65% contro 57% UE) e app di lavoro (60% contro il 52% UE)
  • i nostri connazionali si mostrano più a proprio agio con l’autenticazione biometrica, utilizzando in particolare

- impronta digitale (74% vs 67% E.U.)

-  impronta delle mani (62% contro il 54% di E.U.)

-  Riconoscimento facciale (53% vs. 46% E.U.)

-  Riconoscimento vocale (53% vs. 46% E.U.)

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo

The Box Srl

The Box S.r.l. nasce dall’esperienza dei suoi soci fondatori e di Arka Service S.r.l...

Vai al profilo

Nex Mobile Apps

Vai al profilo