Sicurezza Mobile e Privacy /

Voglio una vita digitale spericolata

Voglio una vita digitale spericolata

05 Novembre 2012 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
L'estendersi delle specie digitali favorisce malfattori, hacker e approfittatori della rete. Nonostante la sicurezza sia l'ostacolo più grande alla evoluzione tranquilla della vita digitale pubblica, continuano a proliferare comportamenti e abitudini che rendono difficile eliminare rischi e pericoli di frode. Sotto attacco sono tutti, realtà aziendali così come quelle individuali e personali.

Proteggere la propria identità digitale online è diventata una necessità. Hacker e malintenzionati non fanno distinzione sugli obiettivi da aggredire e soprattutto possono disporre di molte opportunità per sferrare i loro attacchi malevoli. Non solo PC e computer di casa ma anche smartphone e tablet, tutti dispositivi che contengono informazioni sensibili e personali che possono essere utilizzate in modo fraudolento.

Sul tema della sicurezza Trend Micro ha compiuto recentemente una indagine di mercato coinvolgendo 1000 persone negli Stati Uniti, in Canada e in Australia.La ricerca ha rivelato che una persona su quattro sa come proteggere sè stesso e i propri dati dai richi alla sicurezza onlinne ma che sette su dieci utenti sono preoccupati che le misure di protezione messe in atto non siano sufficienti e che soprattutto gravino completamente sulla loro responsabilità.

Le rilevazioni evidenziate dalla ricerca sono state illustrate in una Infographic. Il timore principale che emerge dall'indagine è di essere spiati. A seguire è la paura di gestire in modo inappropriato i propri dati personali e di fidarsi di persone che di questi dati hanno bisogno per fornire servizi e soluzioni.

La metà degli intervistati è preoccupata del fatto che i propri dati privati diventino pubblici all'interno di ambienti non 'protetti' come i social network alla Facebook.

Il 14% ritiene che le informazioni presenti nei social network e gli account stessi siano facilmente attaccabili e due utenti su tre ritengono di non essere sufficientemente protetti contro attacchi online da parte di hacker, malware e virus. La preoccupazione aumenta quando ad esserne coinvolti sono i bambini e gli adolescenti.

CONSIGLIATO PER TE:

Internet e cosa è diventato

Nonostante questi timori diffusi il 60% degli utenti online condividono informazioni personali e familiari come i nomei dei membri della famiglia, i dati relative a nascite, compleanni ecc. Il 43% non si preoccupa di modificare i parametri relativi alle policy sulla sicurezza standard per garantirsi maggiore privacy e protezione.

Solo il 32% si preoccupa di creare automatismi in grado di monitorare le attività dei loro figli online e nei social network.

Più grave ancora è la pratica nell'uso delle password. Un utente su quattro utilizza sempre la stessa password o una variazione di essa.

A conclusione del report con i dati della ricerca svolta, Trend Micro suggerisce di prendere provvedimenti seri per proteggere sè stessi e la propria vita digitale online.

Suggerisce di proteggere con intelligenza i propri account con password sicure e che contengono lettere, numeri e simboli.

Suggerisce di verifcare sempre i parametri di configurazione della privacy associata agli account online e di non 'fidarsi' delle configurazioni standard dei social network alla Facebook e  alla Twitter.

Infine Trend Micro suggerisce di provvedere con costanza e in modo regolare al salvataggio dei propri dati.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


mareatek

Vai al profilo

Basefloor S.r.l.

"Basefloor Mobile" è lo strumento quotidiano di lavoro per un efficacie e veloce...

Vai al profilo

dualcrossmedia.com

web media, service, cross media web consultancy, info graphics, Seo, marketing 3.0

Vai al profilo

MamoSoftware

Sviluppo software per passione. Ho realizzato il Gestionale AlfaDesk su piattaforma...

Vai al profilo