Soluzioni editoriali /

Crisi profonda per l’editoria e poche luci all’orizzonte

Crisi profonda per l’editoria e poche luci all’orizzonte

06 Giugno 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Pubblicati i dati della FIEG sullo stato dell’editoria nel 2012. Se altri mercati piangono, quello dell’editoria pure! In crisi i quotidiani, i periodici, la raccolta pubblicitaria, i posti di lavoro. Molti editori sono alla ricerca di aiuta statali, altri di semplice ossigeno, altri ancora chiudono. Nessuna alternativa alla innovazione.

I conti dell’editoria italiana segnano un rosso che più profondo non si può. Lo scenario emerso dalla indagine annuale delle Federazione italiana editori giornali è cupo, segnato da un ulteriore calo di lettori avvenuto nel 2012 ma soprattutto dal suo ripetersi ormai da più anni. La reazione è di chiedere ulteriori sgravi fiscali e agevolazioni oltre che di finanziamenti ma non sembra che questa possa essere la strada giusta né tanto meno percorribile. La fuga dei lettori va oltre la crisi e l’assottigliamento dei  bilanci di spesa individuali e familiari. E’ una crisi sistemica che obbliga a ripensare modelli di business e strategie e in particolar modo ad investire in modernizzazioni e innovazione, soprattutto digitale.

Il 2012, secondo l’indagine FIEG, è stato il peggiore da venti anni a questa parte per la raccolta pubblicitaria, fatta eccezione per le testate web, e per un ulteriore drastico calo delle copie vendute ( -20% pari ad un milione e duecentomila copie).

Secondo la FIEG il problema non è solo congiunturale e legato alla crisi in corso, ma dipende da anni di arretratezza nell’innovazione tecnologica e in limiti strutturali e organizzativi accumulatisi negli anni. Unica nota positiva è Internet ma non basta a colmare il gap nei risultati attesi e con gli obiettivi di business messi a piano.

Per Anselmi, presidente della FIEG, è necessario intervenire con rapidità ridefinendo anche le forme di sostegno alla editoria attuali in modo d privilegiare ogni forma di rinnovamento e innovazione.

Alcuni dati evidenziati dallo studio danno la misura della drammaticità in cui versa l’intero settore: calo del 9% del fatturato per i quotidiani e del 9,5% per i periodici, calo del 14,3% (17,6% per la stampa) della raccolta pubblicitaria, calo del 6,6% delle vendite, perdita del 4,6% di posti di lavoro nei quotidiani. In controtendenza Internate e il web con una crescita nella raccolta pubblicitaria del +5,3%.

Le criticità evidenziate dallo studio raccontano delle criticità del mercato e dei suoi operatori ( in crisi anche editori più piccoli legati alle testate e ai periodici IT ) ma anche di un pubblico poco propenso all’acquisto di quotidiani e da una situazione poco concorrenziale che non stimola a nuovi comporatmenti e non invoglia alla lettura.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


The Box Srl

The Box S.r.l. nasce dall’esperienza dei suoi soci fondatori e di Arka Service S.r.l...

Vai al profilo

Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo

Stefano Galizia

Sviluppatore iPhone ed Android

Vai al profilo

Appytech Srl

Vai al profilo