Soluzioni editoriali /

Inkling: il libro di testo nel tablet

Inkling: il libro di testo nel tablet

01 Aprile 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La società rivela il suo modello di business, e quale potrebbe essere il futuro dei libri di testo interattivi, su iPad e oltre.

Alcuni cambiamenti tecnologici possono cambiare in maniera profonda usi e costumi della società. Ho questa sensazione ogni volta che vedo un e-book reader o un tablet, usato come libro per leggere e consultare ogni tipo di documento digitale. Ho avuto la stessa sensazione quando ho visto recentemente l'applicazione per iPad Inkling, che replica un libro di testo scolastico in formato digitale.

Per il momento la compagnia è focalizzata sul mercato americano, difatti vediamo tra gli investitori giganti dell'editoria come McGraw-Hill e Pearson. L'incredibile è come Inkling ha reinventato l'esperienza di leggere un libro di testo. Nelle parole del fondatore e CEO Matt Macinnis, Inkling sta "decostruendo il libro per ricostruirlo nuovamente".

Il libro digitale di Inkling non è una semplice copia messa su di uno schermo. Le pagine sono visitabili in una maniera ottimizzata per un tablet, piena di elementi interattivi che permettono di ascoltare un brano come di visionare filmati. Si possono evidenziare passaggi ritenuti importanti, o inserire annotaziioni, salvandoli automaticamente nella rete. Quando l'autore delle annotazioni si loggerà in seguito da un altro tablet, le ritroverà tutte, e le potrà anche inviare ai suoi colleghi. Un professore potrà dirigere una classe, porre domande e avere risposte attraverso l'utilizzo social dell'applicazione.

Il modello di business è anch'esso rivoluzionario. Gli studenti possono acquistare i capitoli singoli per 3 dollari, permettendogli di risparmiare sugli alti costi degli stessi libri in versione cartacea. All'editoria piace questo modello perchè se si diffondesse ampiamente, farebbe scomparire il mercato dei libri di seconda mano (sui quali gli editori non hanno guadagni).

L'applicazione Inkling è per ora presente solo per l'iPad (il CEO Macinnis è un ex-dipendente Apple), ma presto arriverà una versione per Google Android e per gli altri sistemi operativi da tablet.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Mavigex s.r.l.

Mavigex è una azienda nata come spin-off accademico e come tale incorpora i valori della...

Vai al profilo

Catalab

CATALAB è il progetto imprenditoriale di una realtà commerciale giovane e dinamica in...

Vai al profilo

Itworks srl

Nata come specialista nei primi grandi progetti ERP, Itworks sviluppa il suo know-how...

Vai al profilo