Unified Communication /

Poca attenzione dell’It agli strumenti di Unified Communication & Collaboration

Poca attenzione dell’It agli strumenti di Unified Communication & Collaboration

23 Marzo 2016 Gielle
SoloTablet
Gielle
share
Il mercato delle soluzioni di Unified Communication & Collaboration continua a crescere e a mostrare un crescente interesse da parte di aziende che devono fare i cnti con un aumento di strumenti e metodi di comunicazione come chta, video-conferenze, condivisione di file, ambienti collaborativi. Secondo Ovum però l'attenzione delle aziende a questo tipo di soluzioni continua a essere non sufficiente.

Gli strumenti di Unified Communication & Collaboration (UCC) migliorano il lavoro dei team e aiutano a prendere decisioni.

Eppure, quasi il 40% delle aziende interpellate da Ovum dichiara di non avere incluso nella strategia IT questi tool, che includono audio e video conferencing, Web conferencing, Instant Messaging, strumenti Social di classe Enterprise, nonostante il loro appeal.

È una delle evidenze emerse dallo studio Connected Enterprise Report 2016 realizzato per conto di Dimension Data, che offre una panoramica sullo stato dell’implementazione delle strategie di collaboration nelle grandi aziende (più di 1.000 dipendenti) di tutto il mondo.

La diffusione delle soluzioni di Unified Communication & Collaboration

Viene soprattutto evidenziato come all’interno delle organizzazioni le tecnologie vengano spesso percepite in modo diverso dai reparti It e e dalle altre funzioni aziendali: ecco perché circa

Un quarto dei LOB manager afferma di usare applicazioni consumer senza approvazione dell'it.

La ricerca identifica tre tipologie di applicazioni di UCC. Quelle puramente consumer, come Whatsapp e Facetime, quelle nate in ambito consumer ma disponibili anche in versione business, come Skype e Google App, quelle business ma con un modello di delivery consumer, includendo in queste Box, Zoom e Slack. Una spiegazione dell'utilizzo diffuso è la necessità di comunicare con l'esterno, ovvero con clienti e collaboratori che operano fuori dal perimetro aziendale, che spesso non sono raggiungibili con strumenti aziendali. Emerge comunque che le applicazioni consumer non sempre sono il nemico da combattere: sempre più i dipartimenti IT accettano di gestire e acquistare questo tipo di soluzioni, abbracciando di fatto il trend della consumerizzazione.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Minitec2

Specialista in reti e sicurezza sistemi Windows Linux mac tablet, assistenza tecnica...

Vai al profilo

Disruptive Innovation

Management Consulting

Vai al profilo

MNM dev

Vai al profilo