I protagonisti si raccontano /

soloTablet intervista gli sviluppatori di APP italiani: iMotion Software

soloTablet intervista gli sviluppatori di APP italiani: iMotion Software

07 Gennaio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Alla nostra 52° intervista abbiamo incontrato Federico Mosca, titolare di iMotion Software, una giovane realtà di Bologna che opera su tutto il territorio nazionale. Unitamente ad una offerta IT tradizionale, l’azienda propone alcune soluzioni Mobile come: Easy Newsstand, iMotion m-Commerce, iMotion Sales Force e iMotion Catalog.

SoloTablet intervista i protagonisti del mercato italiano delle applicazioni Mobile: iMotion Software



SOLOTABLET: Ci può raccontare qualcosa di lei e dirci in che modo la sua offerta si posiziona nel mercato Mobile?
Mi chiamo Mosca Federico e sono il titolare di iMotion Software, una realtà attiva nello sviluppo di soluzioni mobile su tutto il territorio nazionale. Da quando nel 2011 è nata iMotion, il focus è stato venire incontro all’esigenza di sviluppo di applicazioni mobile di piccole e medie imprese.

Operiamo oggi su due fronti: da un lato realizziamo soluzioni puramente custom su specifica del cliente. Dall’altro lato abbiamo realizzato quelle che noi chiamiamo “soluzioni standard”: App generiche e facilmente customizzabili  che si adattano alle principali esigenze del mercato business, come iMotion Sales Force, soluzione per la raccolta ordini o EasyNewsstand, la nostra piattaforma di digital publishing. Il vantaggio di adottare soluzioni standard è principalmente economico e per quanto riguarda i tempi di sviluppo: soluzioni professionali e ormai già perfettamente ritagliate per le esigenze del cliente ma allo stesso economiche e disponibili in tempi brevi.


SOLOTABLET: Il tablet, unitamente alle tecnologie Cloud, Social e Mobile è strumento potente della rivoluzione digitale in atto. Lei cosa ne pensa? Semplice evoluzione tecnologica o vera rivoluzione?
Credo che sarà una interessante rivoluzione, non solo nel mercato consumer, ma anche in ambiente business. Il tablet riesce ad abbattere le limitazioni di notebook e netbook nell’uso in mobilità. Integrato con soluzioni cloud-based può diventare uno strumento professionale sempre a disposizione dell’utente.

Le software house giocano quindi un ruolo fondamentale nella rivoluzione del tablet: dal nostro punto di vista sarà il software che determinerà il successo del settore ed innovazione è la parola chiave.

 


SOLOTABLET: La diffusione di dispositivi mobili, telefoni cellulari, smartphone e tablet hanno drastic amente cambiato il mercato (consumer e business). Facile attendersi altre novità future. Cosa ne pensa e come vede il ruolo delle nuove tecnologie nelle attività delle aziende?
Investire in tecnologia e innovazioni è oggi uno dei pochi modi per differenziarsi dalla concorrenza e contrastare questo periodi di crisi economica, soprattutto in Italia.

Le nuove tecnologie permettono alle aziende di automatizzare o migliorare i processi aziendali e di raggiungere con poco sforzo nuovi mercati.  A discapito di un piccolo investimento economico, è possibile rivoluzionare la vita aziendale di molte attività, soprattutto in certi settori.

Proviamo a pensare al mondo dell’e-commerce, che cresce con ritmi vertiginosi in tutto il mondo ma fa fatica a radicarsi pienamente nelle realtà aziendali italiane, o al settore editoriale, dove si sta vivendo la medesima rivoluzione digitale vissuta dal settore della musica anni fa.


SOLOTABLET: Cosa pensa dell’attuale mercato Mobile italiano e perché ritiene utile investirvi? Che opportunità ci sono?
Il mercato mobile italiano, soprattutto in ambito business, è rimasto un po indietro rispetto a mercati già più maturi come quello americano e inglese,  ma questo può essere visto come un grosso vantaggio. La tecnologia, soprattutto mobile, ha ancora un tasso di penetrazione molto basso in Italia, a discapito invece di una enorme rete di aziende. Questo rende il mercato italiano sicuramente difficile da penetrare, ma con un potenziale enorme.


SOLOTABLET: Cosa pensa dei nuovi dispositivi mobili e come li posiziona sul mercato consumer e aziendale
Il settore Consumer è ovviamente quello che fa da padrone, e detta le regole per nuovi dispositivi e per le strategie di sviluppo dei principali produttori. L’attenzione del mondo consumer è orientata però principalmente all’hardware e alle sue caratteristiche. In ambiente business il focus è tutto sul fronte del software: il dispositivo mobile diventa un puro strumento di lavoro per cui la vera differenza viene dettata dagli strumenti software resi a disposizione dell’utilizzatore.


SOLOTABLET: Qual’è la sua visione del mercato delle piattaforme Mobile: iOS, Android, Windows 8, HTML5 e BlackBerry?
Il mercato è al momento diviso principalmente tra due player principali: iOS e Android. Questa è una visione attuale del mercato, che vede Android molto avanti nel market share dei dispositivi venduti. Bisogna fare molta attenzione però ad interpretare bene le cifre: il numero di dispositivi venduti non rispecchia pienamente l’andamento dello sviluppo di App. Se infatti Android è ormai disponibile su una grande varietà di dispositivi, il mondo dello sviluppo App, soprattutto in ambito business, è ancora principalmente orientato al mondo Apple, che permette lo sviluppo di soluzioni di qualità e un ritorno dell’investimento più veloce.

Vorrei però dare il mio parere personale su Windows 8: anche se sicuramente avrà un’impatto percettibile in ambiente aziendale, Microsoft è caratterizzata negli ultimi anni da una forte difficoltà ad innovare. Partire in un mercato già abbastanza definito è una impresa ardua, penso che Microsoft riuscirà ad avere successo solo se riuscirà a creare una buona integrazione col pacchetto Microsoft Office attuale, cosa che al momento non è riuscita a fare in maniera soddisfacente.

 

SOLOTABLET:  Quali sono secondo lei le barriere all’ingresso del tablet nell’uso personale e in quello aziendale (pubblico e privato) e cosa suggerite di fare per superarle?
La criticità principale che notiamo in ambito aziendale è relativa alla difficoltà di integrazione con software ed infrastrutture esistenti. Il mondo aziendale ruota ormai da decenni intorno al pacchetto Microsoft Office e ad ERP aziendali chiusi con cui è difficoltoso interagire.

SOLOTABLET: I nuovi dispositivi mobili sono destinati a sostituire il PC o sono una semplice evoluzione tecnologica dello stesso?
Bisogna fare un passo indietro e capire quale è l’utilizzo medio di un PC: il 90% degli utilizzatori scrive documenti, naviga su internet, scrive email e gioca. Per tutte queste persone prevediamo una naturale evoluzione del PC e la sostituzione con più efficienti e pratici tablet. Il rimanente 10% sono invece professionisti che utilizzano il PC come strumento di lavoro, quasi sicuramente con software specific ed impossibili al momento da rimpiazzare con equivalenti soluzioni tablet. Questo ragionamento vale sia per utenti business che consumer.

SOLOTABLET: Ci può descrivere quali sono gli ambiti applicativi in cui è focalizzata la vostra proposta Mobile (app, servizi, soluzioni ecc.)?
Il nostro obiettivo è quello di offrire soluzioni 100% chiavi  in mano. Operiamo con aziende che non hanno competenze software specifiche, per cui ci occupiamo di tutte le fasi: dalla progettazione dell’interfaccia utente, al design grafico, alla implementazione software e pubblicazione su Store o distribuzione sui dispositivi. Quando si parla di soluzioni mobile, spesso ci si dimentica che la soluzione completa è formata anche da back-office, gestori di contenuti, o applicativi web di integrazione con sistemi informativi. Seguendo la nostra filosofia “chiavi in mano”, i nostri servizi si estendono anche allo sviluppo web e all’eventuale hosting sui nostri server.


SOLOTABLET: Ci può descrivere quali sono gli strumenti che avete creato per facilitare l’uso del web e del mobile?
Il nostro target è principalmente l’utenza business, per cui abbiamo realizzato quelle che chiamiamo “Soluzioni standard” per venire incontro alle esigenze delle aziende nei settori in cui secondo noi è sensato investire per lo sviluppo di soluzioni mobile.

SOLOTABLET: Ci può descrivere i vostri progetti/APP principali
Al momento siamo attivi principalmente in due settori: forte di un grosso investimento nello sviluppo, a dicembre abbiamo reso la piattaforma EasyNewsstand (www.easynewsstand.com) di digital publishig disponibile al pubblico. Oggi i nostri sforzi si stanno orientando a portare la piattaforma anche nel mondo degli e-book, cercando di penetrare i mercati di nicchia del settore editoriale. Un altro settore dove siamo molto attivi è quello dei sistemi di raccolta ordini: forti di una grande esperienza nello sviluppo di soluzioni di integrazioni con ERP aziendali esistenti, oggi offriamo soluzioni nel settore dell’m-commerce e della raccolta ordini pienamente integrati con l’infrastruttura aziendale.

SOLOTABLET: Ci racconta alcune esperienze casi di studio/referenze interessanti e quanto sono stati remunerativi (benefici, vantaggi, fidelizzazione del cliente, vantaggi per il cliente ecc.)
Vorrei descrivere in genere la nostra esperienza diretta nel settore editoriale: partita come un semplice test con una rivista pubblicata sul Newsstand Apple, abbiamo investito nella realizzazione della piattaforma EasyNewsstand perchè abbiamo avuto la possibilità di toccare con mano i risultati: il ritorno totale dell’investimento è stato garantito in pochi mesi.

Il vero vantaggio non è solo nel risparmio economico garantito dalla distribuzione digitale di magazine rispetto alla filiera tradizionale,  ma anche la possibilità di raggiungere nuovi clienti senza praticamente nessuno sforzo. E’ per questo che entro gennaio la piattaforma EasyNewsstand sarà disponibili anche in lingua inglese, e fra una settimana sarà online il nostro primo magazine in spagnolo.


SOLOTABLET: Avete programmi e piani per sviluppi futuri? In particolare per nuove applicazioni, soluzioni verticali, sistemi operativi, piattaforme ecc.?
Gli obiettivi per il futuro prossimo sono due: nel settore editoriale estendere la piattaforma EasyNewsstand anche al mondo degli e-book, non tanto come offre la concorrenza per la semplice realizzazione di App che contengono e-book, ma per la realizzazione di store specifici delle case editrici in cui possono vendere i propri libri. Per quanto riguarda il settore  del commercio, stiamo investendo molto nel mobile-commerce, che oggi è un settore ancora immaturo, ma che nei prossimi anni si andrà ad affiancare al settore dell’e-commerce tradizionale.

SOLOTABLET: Cosa pensa di una iniziativa come SOLOTABLET?
Si parla tanto di mobile in ambito consumer, ma nessuno approccia il settore dal punto di vista business.

SoloTablet è il primo ed unico portale che si occupa di parlare del settore mobile da una prospettiva differente e questa è sicuramente una iniziativa che abbiamo apprezzato molto.

SOLOTABLET: Ha idee da suggerire?



Per comunicare con noi o chiedere di essere intervistati potete scrivere a info@solotablet.it e a marketing@solotablet.it

 

Potete anche chiamarci direttamente contattando Carlo Mazzucchelli al 348 2511619


comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giacomo Balli

I'm a freelance developer based in Italy. Have my personal projects in the AppStore...

Vai al profilo

GetConnected Srl

GetConnected progetta e sviluppa applicazioni mobile chiavi in mano, partendo...

Vai al profilo

WARE'S ME srl

Nata nel 2010, WARE’S ME è una giovane società̀ di servizi, con base a Padova, attiva...

Vai al profilo

Centrica

Centrica progetta e sviluppa tecnologie innovative nei settori del digital imaging...

Vai al profilo