Mercato Italiano /

Digital disruption e opportunità di crescita

Digital disruption e opportunità di crescita

21 Gennaio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Secondo uno studio di Accenture Strategy and Oxford Economics entro il 2020 le varie rivoluzioni tecnologiche in essere che stanno causando fenomeni di cambiamento radicali (disruptive) e innovazioni contribuiranno a fare aumentare il PIL di quasi il 5%. In Italia il valore stimato di crescita economica è calcolato in 75 miliardi di euro.

Lo studio (Digital Disruption: the Growth Multiplier) di Accenture è stato condiviso durante l’evento World Economic Forum di Davos.

Il punto di partenza dello studio è la consapevolezza che molte organizzazioni stanno traendo vantaggio dall’applicazione di nuove tecnologie digitali ma che molte economie continuino a rimanere digitalmente immature. E questo nonostante già oggi il peso della economia digitale rappresenti il 22.5% dell’intera economia mondiale. L’immaturità è legata all’incapacità diffusa nel generare valore dalle nuove tecnologie digitali.

La percentuale elevata si spiega per il ruolo che nell’economia giocano i giganti della tecnologia e le aziende che più di altre hanno sposato la carica disruptive della rivoluzione tecnologica sviluppando nuove piattaforme, dando forma a nuove architetture e modelli di business da cui hanno tratto grandi vantaggi in termini di profitto, fatturato e crescita dei loro ecosistemi digitali e commerciali.

Secondo Accenture oggi esiste la possibilità per tutte le aziende di trarre vantaggi e benefici simili ottimizzando gli investimenti in tecnologia e diventando in questo modo più competitivi, produttivi e capaci di soddisfare i nuovi bisogni dei consumatori. A trarne vantaggio sarebbero molte economie nazionali che vedrebbero il loro PIL crescere in modo consistente, soprattutto se gli investimenti saranno rivolti non solo alla componente hardware e software ma anche alle persone, alle loro competenze e professionalità e ai servizi.

Gli investimenti in tecnologie digitali possono fare da moltiplicatori della crescita soprattutto per le nazioni che hanno deciso di puntare sulla digitalizzazione della loro economia come strategia per affrontare e vincere l’incertezza dell’economia attuale introducendo nuove pratiche, nuovi approcci e nuovi modelli di business.

L’indagine si è focalizzata nello studio della infrastruttura tecnologica esistente, degli investimenti in information technology, networking e media per la comunicazione, della diffusione del commercio elettronico e della penetrazione della Banda Larga. Lo studio è stato arricchito da modelli interpretativi utili a misurare e valutare l’apporto alla economia digitale da parte delle risorse, delle competenze e delle professionalità impiegate esistenti.

Quello che è emerso dallo studio è la difficoltà da parte di molte economie a comprendere dimensioni, valore e  opportunità della componente digitale della loro economia. La mancanza di conoscenza e consapevolezza impedisce interventi utili a influenzare o a modificare i fenomeni emergenti, soprattutto in tre ambiti fondamentali: skill e abilità digitali (utili per misurare competenze in termini di comunicazione, informazione e tecnologia nel mondo del lavoro), tecnologie digitali (connettività, infrastrutture, ecc.) e acceleratori digitali (tecnologie come il Cloud Computing o il Big Data).

Le tecnologie digitali offrono a tutte le economie numerose opportunità, soprattutto se sapranno guidare e trarre vantaggio dalla loro forza disruptive e se la gestiranno come un processo complesso in continuo divenire ed evoluzione. A trarne vantaggio immediato è la produttività e la capacità di competere meglio in termini di performance e crescita del PIL. Per attivare circoli virtuosi di crescita le opportunità digitali devono essere capaci di scoprire e sfruttare i moltiplicatori digitali disponibili per competere in scenari economici globali destinati a cambiare rapidamente e continuamente e definire in modo accurato le priorità dei loro investimenti.

La rivoluzione digitale interessa anche l’Italia e il suo sviluppo futuro in ternini tecnologici e fattori abilitanti quali infrastrutture, normative, pubblica amministrazione, mercati, scuola ecc. La crescita in termini di PIL, se rapportata al 4,2% ipotizzato da Accenture potrebbe valere 75 miliardi di euro. Già oggi la componente digitale della nostra economia contribuisce per quasi il 20%, poco se il valore è confrontato con quelli di altri paesi come USA (33%) o UK (29%). L’Italia si trova, nello studio di Accenture, in decima posizione sulle 11 prese in considerazione. Una posizione non invidiabile e che può essere facilmente ridefinita. Per farlo servono però strategie adeguate, visioni e capacità di realizzazione e soprattutto molti investimenti.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo

Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo

100 Things App e giochi per Bambini Genitori e Nonni

La vita di per sé è la favola più fantastica! (Andersen) Anche noi da bravi danesi...

Vai al profilo

MakeItApp

Makeitapp.eu è il primo social collaborative network per creare app insieme. Gli...

Vai al profilo