Mercato Italiano /

Il mercato IoT vale 2300B/dollari

Il mercato IoT vale 2300B/dollari

30 Ottobre 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
A livello mondiale, il giro d’affari associato al mercato IoT (sensori, servizi, piattaforme e analytics) crescerà secondo IDC dai 1.900 miliardi di dollari del 2013 ai 4.600 miliardi del 2018, con un CAGR del 19%. A fine 2014, questa società si aspetta un valore del mercato vicino ai 2.300 miliardi di dollari.

La convergenza di cloud, mobile, big data e social da una parte, ovvero i quattro pillar di quella che IDC definisce la Terza Piattaforma, e di sensori dall’altra, sta generando enormi nuove opportunità per le aziende di offrire ai propri clienti e dipendenti servizi e modalità d’interazione fino a ieri impensabili.

Persone, cose, macchine e processi stanno diventando sempre più interconnessi in rete, creando un canale permanente tra mondo reale e dimensione virtuale, e rivoluzionando il modo di interagire di tutti non solo nella sfera privata ma anche nel contesto lavorativo e aziendale. Al centro di questa rivoluzione c’è Internet, o meglio l’Internet of Things (IoT), che facendo leva su sensori, informazioni e strumenti di analytics consente di realizzare nuove generazioni di soluzioni, sempre più automatizzate e intelligenti, in grado di trasformare il concetto di customer e workforce experience negli ambiti più diversi: consumer engagement, proximity marketing, digital signage, mobile & electronic payment, infomobility, asset management, fleet management, smart metering, remote patient monitoring e via dicendo.

A livello mondiale, il giro d’affari associato al mercato IoT (sensori, servizi, piattaforme e analytics) crescerà dai 1.900 miliardi di dollari del 2013 ai 4.600 miliardi del 2018, sostiene IDC, con un CAGR del 19%. A fine 2014, IDC si aspetta un valore del mercato vicino ai 2.300 miliardi di dollari, dei quali il 27% circa derivanti dall’ambito consumer, il 19% dal settore pubblico e il resto dall’insieme dei comparti industriali.

 

 

Questa rivoluzione implica una profonda trasformazione dei processi produttivi e una progressiva convergenza fra il sistema industriale, le tecnologie ICT e le infrastrutture di comunicazione. Secondo la società di ricerca, nei prossimi anni device, sensori, applicazioni e data center dialogheranno sempre di più in un ambiente tecnologico eterogeneo, dove l’evoluzione sarà guidata dalla capacità di sperimentare e collaborare delle aziende più innovative. Tanto è il potenziale che solo il futuro ci svelerà quanti e quali altri esempi di applicazioni e casi d’uso le aziende sapranno creare per connettere e automatizzare i processi aziendali a favore dei propri clienti e dipendenti.

Per capire a fondo come sarà questa “digital life”, per comprendere come sfruttare al massimo le nuove opportunità offerte dalle tecnologie e diventare protagonisti di questo futuro, Telecom Italia con Olivetti, W.A.Y. e M-Cube, in collaborazione con IDC Italia, organizzano a Milano (27 novembre) e Roma (3 dicembre) un roadshow durante il quale verrà analizzato il percorso evolutivo delle aziende nell’era delle reti intelligenti e dell’Internet of Things. Grazie al contributo degli analisti di IDC, a testimonianze di esperti e a casi di successo, verranno affrontati temi come:

  • Infrastrutture tecnologiche e asset abilitanti per rendere possibile l’accesso pervasivo a Internet, e l’elaborazione e distribuzione di grandi quantità di dati provenienti da molteplici fonti e destinati a utenti diversi.
  • Come mobile, social e web, ma anche nuove tecnologie di proximity marketing e digital signage stanno rivoluzionando l'interazione con i clienti, migliorando il percorso d’acquisto e incrementando il brand engagement.
  • La digitalizzazione dei processi aziendali: dalla firma grafometrica allo smart asset management, si diffondono le tecnologie che supportano le aziende nella loro innovazione di processo, con importanti impatti organizzativi.
  • Infomobility & Fleet Management: le tecnologie di geolocalizzazione, tracciamento e monitoraggio da remoto dei mezzi operativi e delle flotte offrono alle aziende che operano sul territorio nuove opportunità per essere più competitive ed efficienti.

 

“Gli oggetti connessi rivoluzioneranno la nostra vita lavorativa e privata. Il mercato IoT europeo promette una crescita veloce con un CAGR 2013-2018 del 21,3%, superiore quindi a quella del mercato mondiale, grazie alla diffusa consapevolezza ambientale e a una forte propensione alla sperimentazione delle aziende pubbliche e private”, sottolinea Daniela Rao, TLC Research & Consulting Director di IDC Italia.  “Questa evoluzione in Italia sarà guidata dalle aziende che per prime saranno in grado di integrare competenze diverse, offrendo nuovi servizi e nuove forme di interazione con i clienti”.

Gielle

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


AnguriaLab

Mobile Apps & WebApps for agencies and companies. Reusable and flexible components...

Vai al profilo

FW LAB AC

Sviluppatore Italiano specializzato nello sviluppo di software per dispositivi...

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

NewsCinema

NewsCinema è una testata giornalistica online su www.newscinema.it e...

Vai al profilo