Mercato Italiano /

Mercato TLC 2013, un anno che secondo Asstel è stato disastroso

Mercato TLC 2013, un anno che secondo Asstel è stato disastroso

18 Settembre 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Reso noto da Asstel il suo rapporto sull'andamento del mercato TLC italiano del 2013. Il calo è stato del -7% nei ricavi ma gli operatori hanno in realtà subito una flessione del -10%. Crescono in contrtendenza gli investimenti, a preparare forse tempi migliori.

Secondo quanto emerso dal rapporto Asstel (Rapporto sulla filiera delle Telecomunicazioni in Italia 2014), l'intera filiera TLC iatliana è in grave difficoltà. Le dinamiche mostrano una contrazione pesante dei fatturati che confermano un trend che continua da cinque anni con una perdita complessiva di nove miliardi di euro (-17%) che ha portato il fatturato compessivo a 44,7 nel 2013 rispetto ai 53,6 del 2008.

Sui cinque anni il 2013 è stato sicuramente il peggiore perchè ha visto un calo complessivo annuale del 7%, ben più alto del 2,4 del 2012. La erdita complessiva per i produttori è stata del 10%, in fatturato di quasi quattro miliardi. Sono calati verticalmente i fatturati sulla rete mobile con una contrazione del 14% e una dinamica negativa dovuta anche ad una maggiore competitività interna ma soprattutto alle conseguenze della crisi economica che ha obbligato ad una riduzione costante delle tariffe con l'obiettivo di trattenere i clienti e portato ad un elevato tasso di abbandono e calo complessivo del traffico. Se molti settori di mercato stanno temendo il rischio deflazione, nel mercato TLC, essa è in corso da tempo con prezzi che continuano a contrarsi senza, apparentemente, generare maggiore traffico o maggiore fatturato.

Gli operatori ritengono che la situazione richieda maggiori investienti  per allargare la cukra digitale in Italia e sfruttare meglio la banda larga che ormai copre buona perte del territorio nazionale. Purtroppo l'adozione del digitale è ancora limitato e non favorisce nuovi investimenti remunerativi.

Il settore soffre anche dell'evoluzione delle nuove tecnologie del web. Non è un caso che al calo consistente dell'uso di SMS (-19% nel 2013) si sia sostituiro quello di applicazioni web e mobili come WhatsApp e di altre applicazioni di messaggistica simili.

Il calo di fatturato non tocca tutti i comparti allo stesso modo. Aumentano i ricavi dei produttori di dispositivi, anche grazie ad una crescente diffusione dgli smartphone (ora al 71% del fatturato complessivo) e dei tablet (+26%). Cresce anche il fatturato dei Contact Center (poco più di 200 aziende in Italia) ma solo in modo limitato (+1%).

Nel 2013 cala anche l'occupazione con un trend in nagtivo del -2%. Un dato migliore rispetto al 2012 che è stata del -5%. Interessante la composizione dei dipendenti del comparto: cresce l'occupazione femminile (oggi al 43% del totale), cresce l'anzianità aziendale (il 62% ha più di dieci anni, contro il 57% del 2006), limitato il ricambio generazionale.

Unica data positiva la crescita degli investimenti, passata dal 5% del 2011 al 6% del 2013.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo

PalmoLogix

PalmoLogix is a privately held software company and technical consultancy located in...

Vai al profilo

ArsETmedia Srl

MOBILE MEDIA APPLICATIONS ET SOLUTIONS Sviluppo applicazioni, giochi, eBooks su iOS...

Vai al profilo

Mr. APPs srl

Siamo un'azienda di giovani professionisti e creativi impegnati nello sviluppo di...

Vai al profilo