Segnalazioni dal mercato /

La semplicità e la velocità di Panda

La semplicità e la velocità di Panda

11 Ottobre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Panda è presente in Italia da 25 anni. Dopo l’operazione Peruzzo, la filiale italiana del gruppo spagnola attivo nella sicurezza su cloud (SaaS), è in grado di giocare un ruolo sullo scacchiere internazionale mentre durante il tradizionale annuale incontro con la stampa la società ha presentato i prodotti per il 2016, tra cui spicca l’Adaptive Defense 360, un servizio che risponde a tutte le necessità di sicurezza.

Panda, è suo il primo antivirus basato su cloud, ha un motto al quale non solo è sempre stata fedele ma oggi cerca di enfatizzare ancora di più. “Semplificare ciò che è complesso”. “Lo facciamo, spiega Paola Festa, Sales Manager di Panda Security Italia, oltre 20 anni di esperienza nel settore dell’ICT in numerose aziende, con lo sviluppo di soluzioni che siano non solo semplici ma anche veloci ed efficaci. Eravamo considerati dei visionari ora siamo un vendor consolidato sul mercato della sicurezza, magari ancora relativamente piccolo ma con una strategia chiara che ci dando degli ottimi risultati. Basti pensare che nel 2015 in Italia, grazie anche alla acquisizione di Peruzzo (Panda ha acquisito dal gruppo Peruzzo quella che era Panda Software Italia), siamo cresciuti del 40%. Oggi siamo presenti direttamente in 80 Paesi e abbiamo una distribuzione estesa a ben oltre 200 Paesi”.

Del resto il lavoro per Panda, come del resto per altri vendor di sicurezza, non manca. “Ogni giorno, precisa a questo riguardo Miguel Bullon, Global Director Retail di Panda Security (il retail rappresenta circa la meta dei ricavi della società ndr), vengono mediamente rilevati 250mila virus, con punte anche di oltre 400mila. Ciò ci ha permesso di crescere anche in un anno difficile come il 2015 del 3% nel mondo e del 17% in Europa, grazie in questo caso al contributo determinante dell’Italia. Nell’area consumer contiamo circa 10 milioni di clienti che utilizzano i nostri prodotti (su un totale di 30 milioni sommando anche quelli business). Con gli ultimi prodotti abbiamo decisamente migliorato la nostra proposition, grazie a nuove funzioni come la protezione WiFi, il parent control e l’antitheft, applicabile a tutti i dispositivi portatili tra cui lo smartwatch”.

I prodotti nuovi o aggiornati sono cinque, tra cui figura anche il Panda Mobile Security 2016, per la protezione e il controllo dei dispositivi Android. Tra le sue funzioni la tracciatura su mappa della posizione del dispositivo e la protezione dei dati mediante la cancellazione da remoto e la ricezione di un allarme sonoro in caso utilizzo del device senza autorizzazione. Per una licenza della dusrata di 12 mesi bastano meno di 7 ero.

 

Il prodotto di maggiore rilievo è l’Adaptive Defense 360 che combina due soluzioni chiave di Panda Security in una singola console:  Panda Endpoint Protection Plus, la soluzione EPP (Endpoint Protection Platform) che include tutte le funzionalità di protezione tradizionale (antivirus, antimalware, firewall personale, web e mail filtering e controllo dei dispositivi) e  Panda Adaptive Defense, la soluzione EDR (Endpoint Protection & Response), che aggiunge rilevazione e risposte automatiche, monitoraggio continuo e analisi forense in tempo reale, permettendo il completo rafforzamento e la protezione dell’endpoint.

In altri termini l nuovo prodotto unisce tutti i vantaggi di un antivirus tradizionale – prevenzione, blocco degli attacchi e risoluzione – con protezione avanzata e tracciabilità completa, con l’analisi del 100% delle applicazioni in esecuzione.

“Adaptive Defense 360, precisa Antonio Falzoni, Product Marketing Manager della società,  garantisce un servizio di protezione dell’endpoint e classifica in modo accurato ogni applicazione dell’azienda per permettere l’esecuzione solo di quelle legittime. Questa proattività differenzia questo prodotto dagli antivirus tradizionali. Essendo posizionata sull’endpoint, la soluzione rileva le minacce in un ambiente reale, indipendentemente dalla fonte, includendo i dispositivi USB. Questo non accade con la maggior parte dei prodotti di Advanced Threat Detection (ATD), in grado di localizzare solo minacce che accedono in rete e in ambienti virtualizzati.”

Le funzioni nell’Endpoint di Panda Adaptive Defense 360 sono basate su tre principi:

Monitoraggio continuo di applicazioni e server aziendali

Classificazione automatica utilizzando le tecniche di Machine Learning nella piattaforma Big Data di Panda

Analisi e classificazione manuale, da parte dei tecnici di PandaLabs, delle applicazioni che non vengono categorizzate automaticamente, per comprendere il comportamento delle esecuzioni.

 

Questo prodotto consente il monitoraggio visivo di ciò che il malware sta provocando all’interno dell’azienda. Non solo lo localizza in rete, ma traccia le azioni svolte, come la creazione di file e i destinatari delle comunicazioni. Inoltre, fornisce informazioni continue sullo stato della rete, inviando alert immediati in caso di accesso di un malware e delle azioni intraprese per contrastarlo. Infine permette alle aziende di evitare investimenti in risorse tecniche per la gestione di quarantene, file sospetti, reinstallazione o rimozione di codici dai computer infetti.

Quello dei virus è ormai una ondata in piena. I Panda Labs in tre mesi hanno rilevato 21 milioni di esemplari, con una crescita di bel il 43% rispetto allo stesso periodo del 2014.

Gian Carlo Lanzetti

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


PS.Mobile

PS.Mobile, software house di Bologna dal 2001, offre ai suoi clienti progetti...

Vai al profilo

Mr. APPs srl

Siamo un'azienda di giovani professionisti e creativi impegnati nello sviluppo di...

Vai al profilo

Digital E Srl

Digital E da più di 20 anni è una delle maggiori società nel campo dell'education e...

Vai al profilo

Sanmarco Informatica

Conoscenza, consapevolezza, spirito di gruppo, sono le parole che riassumono il nostro...

Vai al profilo