Segnalazioni dal mercato /

Smart working: Italia a marcia bassa

Smart working: Italia a marcia bassa

06 Marzo 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Tra due anni saranno una su cinque le aziende italiane che consentiranno ai propri dipendenti di abbracciare lo smart working, ossia di lavorare da casa con orari flessibili e con l’aiuto di software e device tecnologici.

La stima è stata elaborata dalla School of management del Politecnico di Milano, e dimostra come l’Italia, fanalino di coda in Europa quanto a innovazione dei modelli di organizzazione del lavoro, stia comunque gradualmente risalendo la china e manifestando interesse verso le iniziative che favoriscono la flessibilità lavorativa.

Fattore abilitante per promuovere il lavoro flessibile si sta rivelando la tecnologia. Su questo capitolo di spesa le aziende hanno indirizzato forti investimenti nell’ottica di favorire la flessibilità organizzativa. In particolare, le imprese stanno diffondendo l’utilizzo presso i propri addetti di device mobili, che permettono di lavorare al di fuori degli spazi tradizionali. Il 91% delle imprese ha introdotto smartphone e il 66% tablet.

Secondo i ricercatori milanesi, che hanno effettuato un’indagine a campione su 211 aziende, già nel 2014 il 67% delle imprese in Italia ha lanciato un progetto di smart working. Anche se la percentuale scende drasticamente nel momento in cui si prendono in esame le società che hanno realmente adottato un sistema di lavoro “smart”, con la definizione di policy organizzative specifiche ed estese a tutto l’organigramma aziendale. In questo caso, a rispondere ai requisiti è soltanto l’8% del campione analizzato.

 

 

Scorrendo le pagine del rapporto del Politecnico di Milano, si scopre che ad essere sensibili a questo tipo di approccio al lavoro, assai diffuso nel mondo anglosassone e in Nord Europa, sono soprattutto le multinazionali o comunque le società medio grandi con più di 500 dipendenti. In particolare nei settori delle Tlc, delle banche, dell’IT, ma anche nell’industria alimentare. Alla base di questa scelta c’è la convinzione che la flessibilità organizzativa, oltre a gratificare il dipendente, consentendogli di conciliare al meglio tempi di vita e di lavoro, aiuterebbe a migliorarne anche la produttività.

Sull’onda di questa nuova filosofia, che si sta imponendo a livello globale, in Italia nell’ultimo anno giganti come Nestlè, Unicredit, American express, Microsoft, Deutsche Bank, Intesa Sanpaolo, Ibm e Vodafone hanno aperto le porte al lavoro smart. Esperienze che si vanno ad aggiungere a quelle già collaudate di industrie come Tetrapak, dove la flessibilità è ormai la regola già da tempo, di Barilla o Danone che ha favorito specifiche forme di telelavoro per le impiegate con figli.

Fattore abilitante per promuovere il lavoro flessibile si sta rivelando la tecnologia. Su questo capitolo di spesa le aziende hanno indirizzato forti investimenti nell’ottica di favorire la flessibilità organizzativa. In particolare, le imprese stanno diffondendo l’utilizzo presso i propri addetti di device mobili, che permettono di lavorare al di fuori degli spazi tradizionali. Il 91% delle imprese ha, infatti, introdotto smartphone, il 66% tablet, mentre è ancora limitata la diffusione degli ultrabook, a cui ricorre solo il 44% del campione intervistato. Sul fronte software e tecnologie di rete, va per la maggiore il supporto della Unified Communication and collaboration, usata dal 70% delle imprese, con le infrastrutture Voip, gli strumenti di web conference e instant messaging. Meno usate, invece, le applicazioni mobili, diffuse solo nel 51% delle aziende prese in esame. Qualche gruppo sta guardando con attenzione alle soluzioni cloud, particolarmente interessanti perché consentono l’accessibilità dei dati da qualsiasi luogo e device.

Se molte aziende vedono nello smart working un valido sistema per aiutare i dipendenti a conciliare lavoro e vita privata, rendendoli più produttivi, le maggiori resistenze rispetto a queste iniziative si registrano proprio tra i lavoratori. Solo il 20% secondo il rapporto del Polimi sarebbe pronto a diventare smart worker. Il freno sarebbe di natura culturale.

gielle

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


foolix

Foolix è una società di consulenza e sviluppo software specializzata nello sviluppo...

Vai al profilo

Michael Rovesti

Mi chiamo Michael Rovesti sono un developer alle prime armi di Reggio Emilia questa è la...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo

di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo