Segnalazioni dal mercato /

Tablet e impresa, un connubbio strategico

Tablet e impresa, un connubbio strategico

27 Ottobre 2011 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
L'Osservatorio New tablet & business application” del Politecnico di Milano ha pubblicato uno studio che indica nel 75% la percentuale di CIO che in azienda hanno già adottato il tablet come strumento di lavoro o ha già deciso di farlo. Cresce anche la voglia di un APP Store aziendale.

I dati dell'Osservatorio confermano il punto di vista sempre espresso su SoloTablet che il successo del tablet non nasce soltanto dal mercato consumer ma da anche da quello business e che le migliori opportunità per vendor, sviluppatori e fornitori di servizi e soluzioni nascono in primis da aziende e organizzazioni. Il Tablet non è già più un semplice benefit per dirigenti e manager ma uno strumento di lavoro sul quale mettere a disposizione dei dipendenti applicazioni aziendali più o meno integrate con i sistemi informativi esistenti.

Il tablet è uno strumento carico di forze innovative e poratatore di cambimento. Così come all'esterno dell'azienda rende più semplice il ricorso al Cloud Computing e al software in modalità SaaS, all'inetrno dell'azienda la sua carica rivoluzionario obbliga a ripensare i modelli monolitici e centrati sulle applicazioni mission-critical di ERP esistenti. Il tablet introduce maggiore mobilità e flessibilità e rende possibile una compartecipazione alla predisposizione e definizione delle policy aziendali sull'uso del software e dell'hardware che compongono l'infrastruttura IT.

I dati emersi dalla ricerca dell'Osservatorio non raccontano solo la popolartà di iPad e fratellestri vari e quanto siano coinvolti nella scelta dirigenti e manager aziendali chiamati a decidere sull'adozione di nuove tecnologie. I dati raccontano anche quanto siano consistenti i volumi con una domanda triplicata nei primi sei mesi dell'anno rispetto allo stesso semestre del 2010 e un numero di unità vendute che potrebbero attestarsi entro fine anno tra 1.200.000 e 1.500.000 dispositivi.

Secondo la rilevazione i CIO e i responsabili dei sistemi informativi aziendali sono attratti dai tablet sia per le loro funzionalità e caratteristiche tecniche ma anche perchè introducono in azienda strumenti e modi di lavorare innovativi in grado di rendere più efficiente i processi e aumentare la produttività. Il tablet è infatti portabile ovunque e utilizzabile sempre, dispone di uno schermo grande che offre una capacità di visualizzazione elevata, offre una potenza di calcolo paragonabile al PC ma soprattutto è sempre connesso, è dotato di interfacce touch-screen, ha una accensione rapida ed è perfetto per una rapida condivisione di contenuti con le persone con cui si inetragisce.

La Ricerca 2011 si poneva i seguenti obiettivi:

  • analizzare i principali ambiti applicativi dei dispositivi New Tablet, identificando i settori, le famiglie professionali e i processi di business maggiormente impattati;
  • comprendere le reali potenzialità del paradigma dell’Application Store, analizzando criticamente l’effettiva fattibilità di una sua trasposizione in ambito corporate;
  • identificare i principali “atti di moto”, analizzando i casi di introduzione (o di volontà di futura adozione) dei New Tablet a supporto dei processi di business;
  • analizzare l’interesse degli utenti “finali” di dispositivi New Tablet in ambito business, identificando il reale grado di accettazione e le eventuali resistenze all’utilizzo e al cambiamento.

L'indagine ha coinvolto 250 CIO delle principali aziende italiane con un potenziale di +1000 manager/professionisti dotati o da dotare con un tablet. In queste aziende il tablet è già utilizzato dal 55% dei dirigenti di fascia medio-alta mentre il 37% lo adotterà a breve. Su un altro fronte il tablet è entrato immediatamente nell forza commerciale, oggi con un 17% che è destinato a salire al 74% in tempi brevi.

La diffusione dei tablet non è uguale in tutti i settori merceologici. Solo il 10% ( salirà al 45%) delle aziende dedite alla manutenzione ha adottato il tablet come strumento di lavoro, il 3% ( salirà al 24%) delle aziende di trasporti.

L'altro dato interessante è sulla propensione a sostituire il personal computer con il tablet. L'indagine rileva come l'88% dei CIO ritenga che il tablet più che sostituire, andrà ad affiancarsi agli smartphone. La cannibalizzazione, se mai avverrà, sarà a spese degli smartphone più che dei personal computer. Due intervistati su dieci ritengono che il tablet ridurrà il ruolo dei telefonini in azienda, due su dieci che andrà a sostituire il notebook.

Dall'indagine non prevale alcuna preferenza netta in termini di sistema operativo, nonostante la visibilità raggiunta da iOS di Apple e nonostante il fatto che la scelta più diffusa vada proprio verso l'iPad e la piattaforma iOS di Apple. La fotografia segnala quindi l'esistenza di opportunità reali sia per Android che per BlackBerry e Windows.

L'ultimo dato da rilevare è quello sulle applicazioni e sull'interesse alla realizazzione di store aziendali gestiti direttamente dall'azienda. Tre su quattro degli intervistati non sembra amare più di tanto i modelli di business degli store esistenti e vorrebbe costruire uno store aziendale, anche per poterne sfruttare le opportunità commerciali e di business. La realtà attuale però è molto lontana dai desiderata e solo il 7% delle aziende coinvolte nella ricerca ha già implementato un suo engozio. Il 43% non è interessato.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Cosmobile Srl

Sviluppiamo applicazioni native per dispositivi mobili, in particolare smartphone e...

Vai al profilo

Temovo

Siamo un’azienda italiana che guarda al business in maniera internazionale. Ci...

Vai al profilo

Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

Surplex GmbH

Surplex è una società leader nella fornitura di macchinari usati, attiva in tutto il...

Vai al profilo