Tutto fermo, anzi no!

24 Febbraio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il 2013 è stato l'anno più nero del mercato digitale in Italia. Lo dice Net Consulting che ha valutato in 65,17 miliardi il suo valore, ben al di sotto dei 70 miliardi del 2011. Nel 2014 si ricomincia a crescere, grazie alla rivoluzione tecnologica in corso. Addio PC e non solo!

Tutti i dati resi noti dai vari analisti di mercato, evidenziano le difficoltà dovute alla crisi economica che ha prosciugato i budget familiari e aziendali. Eppure non tutto è fermo e stabile come questi dati sembrano indicare. Tutto è anzii in grande movimento e la rivoluzione digitale iniziata con l'arrivo dell'iPad sembra non avere mai smesso di covare sotto la cenere della crisi, alla ricerca di ogni opportunità per eruttare nuove innovazioni e meraviglie capaci di rilanciare l'intero settore.

Secondo le rilevazioni fatte da Net Consulting sull'andamento dei vari comparti di spesa del mercato digitale indicano che il 2014 è l'anno della svolta e della ripartenza. Prevista una crescita dello 0,3%, quasi quanto il PIL nazionale.Sembra molto poco ma è un dato importante soprattutto se confrontato con il -4,3% del 2013. La crescita c'è ma rimane minima anche per dispositivi e sistemi.

Secondo gli analisti di Net Consulting ciò che va rilevato non è la crescita in sè ma il cambiamento sotterrano diromptente che le nuove tecnologie stanno portando. un cambiamento epocale paragonabile soltanto a quanto avvenuto, anche in termini di investimenti, agli inizi del secolo.

 

Fonte: SIRMI

 

I dati dirompenti si leggono tra i numeri che solitamente vengono usati per raccontare l'andamento del mercato. Se il comprato dei dispositivi cresce del +1.2%, la notizia vera è che ci sarà un calo probabile del 20% nel segmento del personal computer. Un crollo vero e proprio che interesserà tutte le tipologie di PC, desktop, laptop, fino agli ultrabook. Al tempo stesso ci sarà un nuovo boom di vendite per i tablet con una crescita del 120%.

Altra rivoluzione nel segmento dei servizi IT, calati nel 2013 dell'8% e che nel 2014 continuerà a mantenere il segno negativo (-1,5%). Il valore negativo deriva dal crollo delle tariffe telefoniche. Nei restanti comparti cresce in modo esponenziale il cloud computing (+42%), i server e i data center. Questi dati iindicano la forza di una rivoluzione digitale che cambierà il modo di lavorare in azienda.

Cambia anche la cultura del management e dei dipartimenti IT, costretti dalle novità tecnologiche a rivedere strategie, approcci e policy per soddisfare le esigenze di nuove tipologie di utenti e i bisogni delle aziende di muoversi sul mercato più rapidamente, globalmente e con maggiore efficcacia in mobilità. Il passaggio è epocale. Si passa dalla acquisizione di semplici soluzioni e applicazioni per gestire problematiche specificiche a contribuire tecnologicamente alla organizzazione e pianificazione di interi comprati aziendali definendone i processi, l'ecosistema applicativo, e la scelta di nuovi fornitori.

Il cambiamento tocca tutte le tipologie di azienda. E' in atto una grande opera di svecchiamento che passa anche attraverso il ridisegno delle infratsrutture informatiche e in nuove strategie ma soprattutto punta sulle competenze e sulle abilità di personale qualificato capace di trasformare la rivoluzione tecnologica in cambiamento aziendale strategico.

Unico neo, rilevato da Net Consulting, è che il processo di cambiamento in corso sembra interessare, per il momento, solo il 30% delle aziende. Un numero preoccupante ma forse dettato dalla percezione che la crisi in atto dal 2008 non sia ancora terminata.

...ma ora è arrivato Renzi!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Itworks srl

Nata come specialista nei primi grandi progetti ERP, Itworks sviluppa il suo know-how...

Vai al profilo

Giorgio Peressin

Dedico il mio tempo alla mia passione: sviluppare app.

Vai al profilo

Protech System

Consulenza e sviluppo App mobile in linguaggio nativo per iOS e Android. Seguiamo il...

Vai al profilo

XENIALAB

Xenialab sviluppa applicazioni native su Apple iOS (iPhone, iPad, iPod), Google...

Vai al profilo