Soluzioni e applicazioni /

Un approccio Web per nuove applicazioni? Perchè No?

Un approccio Web per nuove applicazioni? Perchè No?

07 Ottobre 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
C'era una volta il mainframe con tanti terminali stupidi. Dopo il client-server arrivò Internet e a seguire la rivoluzione del Web con relative applicazioni. Oggi tutto è Mobile, Internet e APP. Una rivoluzione 2.0 che obbliga a ripensare con intelligenza ogni nuovo sviluppo applicativo. Ecco come.....

Meglio non fare errori: chi deve sviluppare nuove applicazioni o aggiornare quelle esistenti sa che la velocità con cui si muove il mercato obbliga a fare scelte applicative e metodologiche rapide, appropriate e capaci di produrre risultati concreti nel breve come nel lungo periodo. Si possono sviluppare applicazioni native, web o ibride. Ogni approccio ha i suoi vantaggi e benefici ma sempre calibrati sui bisogni di partenza e sugli obiettivi da raggiungere.

La scelta può essere fatta in solitudine o in compagnia di partner capaci di fornire una collaborazione adeguata per le molteplici conoscenze acquisite in sperimentazioni, progetti realizzati, referenze e visione innovativa del mercato tecnologico.

Lo scopo di una nuova applicazione può essere semplice perchè legato alla comunicazione e alla informazione o complesso per l'offerta di servizi e funzionalità utili al commercio elettronico, alla collaborazione, alla gestione di problematiche di business. In entrambi i casi chi ha deciso di investire in una nuova applicazione deve fare i conti con l'evoluzione continua del mercato (comportamenti e bisogni dei clienti e dei consumatori) e della tecnologia (piattaforme sempre più mobili, connesse e interconnesse, applicazioni Mobile, ecc.).

 

 

Per ottimizzare l'investimento in nuove applicazioni in un contesto dinamico e in costante trasformazione ogni azienda o dipartimento IT deve decidere quali strumenti utilizzare per dare forma alla sua visione applicativa, quali metodologie applicare, quali approcci sposare e quali partner coinvolgere. Obiettivo finale è l'implementazione rapida di  aplicazioni capaci di soddisfare i bisogni dei clienti/utenti e di produrre risultati concreti in termine di business (nuove opportunità commerciali e nuove vendite, maggiore fatturato e/o profitto, nuovi clienti e maggiore market share, maggiore efficienza e produttività di processo, ecc.)

Alcune applicazioni nascono per avere vita breve o per fornire poche funzionalità e soddisfare bisogni limitati, molte per averne una lunga e per durare, adattandosi nel tempo a nuovi bisogni, a nuovi mercati emergenti e a nuove forme di utilizzo. Le prime possono essere sviluppate in tempi rapidi e investimenti limitati, le seconde richiedono budget più elevati e per questo anche maggiore cura e attenzione al design, allo strumento di sviluppo scelto, alla metodologia applicata e all'approccio da intraprendere. Le prime possono soddisfare bisogni concreti ma semplici come la geolocalizzazione, l'attivazione dei sensori del dispositivo, una comunicazione in tempo reale e la navigazione web. Le seconde vanno molto al di là di una schermata video, di una interfaccia tattile e/o dell'uso dei sensori.

Tutte le tipologie di applicazioni obbligano chi sviluppa o chi investe in una soluzione applicativa a fare una scelta di base: sviluppare in nativo (una applicazione per ogni tipo di sistema operativo) o per piattaforme multiple (iOS, Android e Windows come minimo) utilizzando approcci Web. Per soddisfare bisogni specifici si può ricorrere anche ad approcci ibridi.

Gli strumenti disponibili sono numerosi quanto lo sono le opzioni possibili e fare la scelta più adeguata può risultare cosa molto complicata. Non fare attenzione alla scelta o farsi malconsigliare può tradursi in perdite economiche ma soprattutto di mercato e di clienti.

 

Di questi temi abbiamo parlato con Cosmobile, una società che da tempo è attiva sul mercato delle applicazioni e che ha aiutato numerose aziende a fare le scelte applicative più adeguate e ad implementarle. In un articolo precedente avevamo coinvolto Cosmobile per un articolo sullo sviluppo di applicazioni native e loro relativi vantaggi/benefici. Un approccio, quello nativo, che ha visto Cosmobile sviluppare numerose applicazioni per piattaforme sia iOS che Android.

Cosmobile sviluppa anche applicazioni Web ed è in grado di sostenere le scelte dei clienti nella implementazione di applicazioni che devono essere altamente portabili, su dispositivi mobili come su sistemi desktop, facili da gestire nella fase di delivery e facili da aggiornare e manutenere.  Dalle esperienze fin qui acquisite ne sono derivate informazioni, conoscenze e soluzioni che Cosmobile utilizza oggi per fornire servizi di consulenza alle aziende che vogliono sviluppare nuove applicazioni e non sanno quale approccio scegliere.

Secondo Giorgio Pierantoni, CEO di Cosobile Srl "La cosa più importante da fare è un assessment attento delle applicazioni esistenti e dei requisiti delle applicazioni future da realizzare. A seguire è importante trovare un bilanciamento virtuoso tra investimento da compiere e tempi di realizzazione.  Meglio non farsi prendere dalla fretta scegliendo un approccio, Nativo o Web, non adeguato a soddisfare i bisogni esistenti. La scelta dell'approccio Web potrebbe fornire una applicazione multipiattforma più duratura nel tempo, più facilmente e rapidamente aggiornabile. La scelta dell'applicazione nativa potrebbe trarre vantaggio dalle potenzialità e caratteristiche tecniche e funzionali del dispositivo ed essere più performante."

Benchè la scelta nativa appaia come la più seguita, l'approccio Web è anch'esso popolare, praticato soprattutto da chi vuole implementare applicazioni complesse nelle funzionalità e nell'offerta di servizi all'utenza e per chi ha bisogno di rispondere in tempi rapidi alle mutate condizioni di mercato e ai bisogni emergenti dei clienti. Si tratta di applicazioni accessibili via web attraverso una rete (intranet o  Internet), di applicazioni software che come Facebook, Youtube, oppure Gmail, non necessitano di essere installate sul dispositivo in uso o computer.

L'applicazione Web non è a tutti gli effetti una applicazione ma un specie di sito web (l'accesso è attraverso un browser) ottimizzato per avere un look&feel da APP. L'approccio Web è semplice per il disegno dell'interfaccia e per la portabilità della logica applicativa su dispositivi diversi. In alcuni dispositivi le applicazioni Web possono essere gestite come se fossero APP native e eseguite attraverso icone ad esse associate.

 

L'applicazione Web è solitamente costruita con JavaScript, un linguaggio che, grazie alla sua natura orientata gli oggetti, facilita la costruzione del lato cliente dell'applicazione ma anche lo sviluppo e la manutenzione della logica applicativa. La fase di sviluppo può essere semplificata scegliendo ambienti di sviluppo ad hoc o soluzioni e Framework Open Source (Ext JS, ora Sencha, JQuery Mobile, e The-M-Project).

Lo sviluppo di applicazioni Web, pur semplice, obbliga a costruire competenze ad hoc sia in termini di strumenti di sviluppo e linguaggi da usare sia di conoscenze delle esigenze di business del cliente. "Prima di proporre soluzioni, framework di sviluppo o metodologie" - ci ha spiegato Pierantoni - "Cosmobile studia la realtà applicativa del cliente per verificare l'esistenza di database e risorse aziendali da interfacciare e per comprendere le esigenze del cliente e dell'utente finale, spesso un semplice consumatore, a volte un dipendente aziendale a cui viene richiesta maggiore produtività e efficienza lavorativa. Spesso la soluzione ideale è quella nativa ma le nostre competenze, conoscenze e abilità di sviluppo ci permettono anche di proprre e realizzare applicazioni Web".

La decisione di sviluppare applicazioni Web è resa semplice dalla disponibilità di tecnologie consolidate e sperimentate ma complessa dal numero elevato di strumenti di sviluppo disponibili e adatti ad ogni tipo di budget. La scelta è complicata anche quando per lo sviluppo ci si vuole affidare ad un partner e alle sue competenze e abilità. L'unica strada percorribile è quella pragmatica basata su una analisi attenta dei requisiti e sulla scelta di società che come Cosmobile hanno costruito negli anni abilità e skill elevati sperimentati e veificiati sul campo nella realizzazione di applicazioni Web e Native. Dalla conoscenza dei vari ambienti di sviluppo nasce la capacità di fornire servizi di consulenza adeguati ad ogni esigenza e capaci di guidare o suggerire gli approcci migliori da perseguire.

Per saperne di più potete leggere anche questo articolo che sul portale di Cosmobile illustra i vantaggi e i benefici dello sviluppo WEB.

Per avere ulteriori informazioni da Cosmobile o sottoporre irichieste per eventuali progetti o idee potete  scrivere a questa email.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Cosmobile Srl

Sviluppiamo applicazioni native per dispositivi mobili, in particolare smartphone e...

Vai al profilo

Applix Srl

Vai al profilo

MNM dev

Vai al profilo